4 vecchi in america

OSPEDALI, CLINICHE, MEDICI E FARMACIE AMERICANE

Posted in Attivita' bambini, Varie by quattrovecchiinamerica on 28 ottobre 2008

 

OSPEDALI, CLINICHE, MEDICI E FARMACIE AMERICANE 

 

 

Premetto subito che parlare di dottori ed ospedali mi e’ molto difficile, in quanto e’ un argomento che mi fa intristire.  Ma per farvi conoscere pregi e difetti di quello che c’e’ oltre oceano faccio una eccezione. Difficilmente ne parlero’ in seguito!!

Una tra le prime cose da fare quando si arriva in Alabama e’ quella di trovare un medico per i bambini ed uno per noi. Subito iniziamo a trovare qualche difficolta’.

Qui in USA la sanita’ pubblica NON ESISTE!! Se hai bisogno di qualche cura o paghi (e devi avere tanti soldi e sull’unghia) profumatamente l’ospedale od una clinica oppure devi avere una assicurazione sanitaria (che e’ la cosa che quasi tutti gli americani, che possono permetterselo, possiedono) che copre generalmente l’80 % o piu’ delle spese. Se non si rientra in uno di questi due casi non c’e’possibilita’ di curarsi.

Ad Agosto serviva un dottore per Sara che doveva farsi il vaccino MMR (Measles, Mumps and Rubella = Morbillo, Paraotite e Rosolia), allora abbiamo iniziato a cercare un dottore che fosse in grado di fare questo vaccino, che ci rilasciasse la blu immuniziation card (foglio sul quale gli americani registrano tutte le vaccinazioni fatte dai bimbi) e che poi in seguito avrebbe seguito i due bambini. Subito il passaparola tra gli italiani mi ha indirizzato presso due cliniche. Cliniche enon studi di dotori in quanto qui generalmente i dottori sono inseriti all’interno di strutture tipo cliniche, capaci di fare tutte le analisi che il dottore richiede in brevissimo tempo (il giorno stesso). Le due cliniche chemi avevano indicato pero’ non accettavano pazienti, infatti i dottori hanno un rapporto di 80 bambini ogni dottore, oltre questo numero non accettano pazienti. Quindi il problema si stava facendo serio in quanto l’asilo richiedeva questo vaccino per Sara, pena la non possibilita’ di frequentare l’asilo. Allora finito il passaparola ho fatto una ricerca su internet, ed ho trovato un forum nel quale si magnificava una clinica che era proprio a 5 minuti da casa. Potenza di internet: oltre ad avere notizie fresche sulla clinica, i dottori e persino delle infermiere (dal forum si capiva anche chi era bravo e chi lo era di meno), si potevano vedere anche le foto dei dottori, della clinica e la relativa pianta con i servizi offerti!! Inoltre si riusciva a capire che avevano un “opening”!! Andando ad intuizione ho immaginato che fosse la possibilita’ di accettare nuovi pazienti. Sono subito andato a vedere e dopo un terzo grado, fatto in slang puro Alabamiano, la Signorina ha iscritto i bambini con l’unico dottore che li accettava: il dottore  che io avevo gia’ visto su internet, un ragazzotto giovane, con due figli che si e’ spostato dal Michigan all’Alabama ad Agosto 2008!!.

Dopo l’iscrizione mi hanno fissato il primo appuntamento per il 17 Otobbre. Pero’ l’appuntamento era troppo avanti ed ho deciso di far fare il vaccino ed una prima visita a tutti e due i bambini presso il Fox Army Health Center, opedale che e’ all’interno della nostra base.

  

 

Faccio notare solamente la scritta che compare sul sito del Fox Hospital, per farvi capire quanto questo paese rispetti le Forze Armate!! Io spesso mi sento dire da passanti sconosciuti se sono andato in Iraq od in Afghanistan ed anche quando gli dico che sono del Corpo degli Ingegneri, che sono italiano e che non ho mai partecipato ad azioni di guerra, loro mi dicono grazie comunque per quello che faccio e concludono sempre dicendo “take care of our country”!!!

Prendo l’appuntamento all’ospedale per il 3 Ottobre alle ore 8.30, tramite telefono senza nastri preregistrati, parlando direttamente con una operatrice viva!!. Il giorno dell’appuntamneto arriviamo 5 minuti prima (e’ inutile che continuo a dire che non esiste problema di traffico e parcheggio perche’ tanto e’ bella l’assenza di traffico che quasi mi sono scordato dei casini che si hanno a Roma, quando vai in un qualsiasi ospedale) ed alle 8.30 spaccate ci chiamano e subito le infermiere inziano a prendere le misure, peso, pressione ai bambini e riportano tutto su una scheda per il dottore. I bambini vengono spogliati ed indossano le vestaglie tipiche di ER, ma coloratissime ed allegre. Arriva subito la dottoressa e parlando come una mitragliatrice vista i bambini. Tutto bene ma vuole fare anche le analisi del sangue a Paolo. Allora io penso subito che ci vorra’ un casino di tempo per prenotare, farle e ritirare il referto. Niente di piu’ sbagliato. Lei via computer manda un ordine al laboratorio di analisi che dopo 5 minuti ci aspetta per le analisi. Paolo non fa piu’ di tante storie ed alla fine gli regalano anche un adesivo colorato di spider man. Nel frattempo Sara si e’ fatta il vaccino MMR ed anche lei ha avuto il so adesivo colorato. Sono le 9.30 ed i bambini hanno fatto la visita, il vaccino e le analisi del sangue. Prima di andare via chiedo  fra quanti giorni dovro’ venire a ritirare le analisi e loro mi dicono che le manderanno tra un’ora al dottore, il quale mi richiamera’ al telefono per dire se tutto va bene!!! Tempo un ora ed avevamo gia’ finito!!! Naturalmente il dottore alle 11.30 mi chiama e mi dice che tutto va bene. Bellissimo.

15 giorni dopo ripetiamo l’esperienza della visita dei bambini alla clinica presso cui abbiamo iscritto i bimbi. Sono andato preparato bene dal dottore perche’ mi doveva fare la blu immunization card, allora gli ho preparato una tabella comparativa trai vaccini obbligatori italianie quelli USA. Dalla tabella elaborata da me, consultando una marea di siti medici, risultava che Paolo non doveva fare nesssun vaccino mentre Sara solo gli ultimi richiami del meningococco e pneumococco. Dopo una lunga discussione, prima di entrare dal dottore anche le infermiere si sonon convinte che la tabella andava bene ed hanno compilato finalmente la blu immunization card. Volgio far notare che chiunque si deve recare all’estero per un lungo periodo con bambini al seguito, DEVE FARSI preparare dalla propria ASL una dichiarazione dalla quale si evinca quali vaccini il bambino ha fatto e quali deve ancora fare. Io prim di partire la avevo chiesta alla mia ASL, ma il solito dottore/infermiere di turno sfaticato e strafottente mi ha liquidato dicendomi che tutto si poteva evincere dal foglio che le ASL aggiornano ogni volta che i bambini fanno un vaccino. Io ho insistito un po’ ma non sono riuscito ad essere convincente e lo sfaticato non me lo ha fatto. Appena sono arrivato qui in Alabama mi sono accorto che quel famoso foglio che doveva essere chiaro e leggibile era fatto con i piedi, non si capiva nulla ed alcuni vaccini erano segnati al posto di altri vaccini. Potenza delle ASL italiane!!!!

Torniamo alla clinica, una cosa molto intelligente e’ che esistono due ali della clinica completamente separate, una per gli appuntamenti programmati (per i bambini che stanno bene) ed una per i “same day appointment” (per i bambini che stanno male, infatti se il bimbo ha la febbre o qualche altro disturbo si chiama la clinica che ti fissa l’appuntamento per il giorno stesso, se possibile con il tuo dottore). La procedura e’ la stessa, le infermiere fanno i preliminari e dopo il dottore visita. Dato che Sara aveva la congiuntivite (qui detta Pink eyes) il dottore ci ha prescritto un antibiotico, visto che le gocce non avevano avuto effetto. Allora lui mi ha chiesto quale fosse la mia farmacia di fiducia. Io non capivo, infatti per noi in Italia una farmacia vale l’altra. Qui no!! Infatti le farmacie preparano loro i medicinali!!!!

Il dottore via computer ordina il farmaco alla farmacia piu’ vicina a casa mia ed inoltre specifica via computer la posologia della medicina. Incredulo di tanta efficienza me ne vado. All’uscita la signorina mi chiede la assicurazione sulla salute e mi dice che se l’assicurazione non coprira’ tutto l’onorario, loro mi manderanno via posta quello che dovro’ pagare!! Per concludere dopo 1 ora mi reco presso la farmacia e dopo il solito interrogatorio la farmacista mi prepara la medicina (come si faceva da noi 50 anni fa) ed assegna un colore alle medicine di Sara, naturalmente non pago nulla in quanto i farmaci sono compresi nel prezzo della visita. Questo significa che ognuno in famiglia avra’ un colore, naturalmente diverso dagli altri, e le medicine saranno facilmente riconoscibili tra loro (l’unico neo e’ che il coloro assegnato a Sara e’ il celeste!!!!).

Ultima novita’ della clinica e’ che se si ha bisogno di un dottore quando il Sabato e Domenica e’ chiusa, si chiama la clinica ed una infermiera ti chiede di che cosa si ha bisogno e ti fa richiamare da uno dei  dottori a disposizione, preferibilmente dal tuo. In mezz’ora il dottore ti richiama e ti da istruzioni telefoniche su cosa fare e su che cosa prendere. La parte negativa delle cliniche e dei dottori americani e che se i bimbi stanno male, loro non vengono a casa neanche a pagamento. Devi per forza andare in clinica!!!!!!!!

Insomma qui tutto funziona diversamente da noi e sembra che tutto sia piu’ facile, rispetto alle difficolta’ che quotidianamente troviamo in Italia per fare qualche cosa che riguardi Ospedali, Cliniche, Dottori e Farmacie.

L’altra faccia della medaglia e’ che se non si hanno i soldi o l’assicurazione tutto ti e’ precluso.

Ultima annotazione e’ sulla tipologia delgi spot che si fanno in TV: o si parla di mangiare o di assicurazioni sanitaria (segno che il problema esiste ed e’ sentito, oltre a muovere un pozzo di soldi).

 

About these ads

Una Risposta

Iscriviti ai commenti con RSS .

  1. Vincenzo Marzano said, on 13 giugno 2011 at 1:06 am

    Lo so che per te non è stato un problema perchè i bimbi erano piccoli, ma sento in generale dire, che le assicurazioni ti fanno problemi se sei un soggetto allergico o hai altre patologie precedenti. E’ vero che non ti fanno sottoscrivere la polizza, oppure semplicemente ti aumentano il premio?

    Ps.
    Come avrai notato mi sono stancato di leggere i post in ordine cronologico inverso e non capire di che stai parlando XD e ho cominciato dall’inizio :-)
    Un abbraccio


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 206 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: