4 vecchi in america

SAPORI DI NATALE 2008 ITALIANO

Posted in Fiere-Feste-Musei by quattrovecchiinamerica on 31 gennaio 2009

 

dscn3184

  

SAPORI DI NATALE 2008 ITALIANO

 

Torniamo indietro nel tempo ed andiamo a Dicembre 2008, periodo passato felicemente in Italia  tra Roma e Minervino (Stefania e Sara).

Ecco alcuni momenti felici passati a Roma:

Il nonno e la nonna con i loro adorati nipotini, mentre si divertono spensierati

dscn31521

 

p10107242

Il famoso presepe a vetro di mamma, che si costruisce sulla finestra della cucina

dscn3154

Ecco cosa piu’ ci manca dell’Italia: IL CIBO!!!!! (non parliamo di sentimenti ovviamente!!)

Guardate che meraviglia: Olio di oliva, macchina del caffe’ pronta per l’uso dopo i pasti, coccio per fantastiche minestre di fagioli con pane abbrustolito sotto, polpette di pesce ed uvetta pasta, altro coccio pronto per l’uso, mortaio pesta sale e pepe.

 

dscn3216

 

Niente di paragonabile con la cucina americana che io chiamo topping cuisine !!!

Che vuol dire? Ve lo spiego subito: ieri siamo andati in un ristorante italiano a Birmingham. Volevamo smettere di mangiare le solite schifezze americane. Il ristorante si chiamava Romano’s Maccaroni (o qualche cosa di simile), il locale era molto curato, la disposizione e la tipologia dei tavoli faceva sembrare tutto meno Mc Donald, la cucina era a vista, i camerieri tutti puliti ed ordinati, ed il menu’  faceva intuire una grande italica mangiata. Infatti i piatti descritti dal menu’ sembravano proprio quelli italiani. Inoltre c’era un sottofondo di vera musica italiana, napoletana, calabrese che ti faceva pensare di essere veramente in Italia.

Appena ci siamo seduti ci hanno portato un meravigliosa forma di  pane caldo con rosmarino e sale ed una bella ciotola di olio extravergine con pepe macinato. Ottimo inizio e per di piu’ ci hanno portato una bella bottiglia di vino chianti (chiuso, solo ornamentale da guardare).

Affamati ci siamo sbranati il pane con l’olio e abbiamo subito buttato la testa nel menu’. Io ho scelto un menu’ combo (che altro non significa che combinato) una insalata blu (cipolle, noci, insalta e formaggio) una zuppa di ravioli, pollo e pomodoro ed una meravigliosa e bramata pizza margherita con mozzarella di bufala importata dall’Italia. Pensavo su tre cose (a 8 dollari!!) almeno una sara’ buona!!!

Vado a descrivere l’esito della comanda: l’insalata blu era davvero buona, ma era innaffiata di parmigiano grattato che rovinava il gusto e comunque la cipolla e le noci erano in abbondanza e il condimento rendeva l’insalata pesantissima. Risultato che anche se il gusto era passabile (ma non italiano) ne ho mangiato al massimo 4 forchettate!!

La pizza aveva una base croccante e fina, degna delle migliori pizze romane, la mozzarella di bufala era ottima ed il pomodoro fresco buono. Ma il gusto della pizza era decisamente forte, dato che ci avevano messo delle erbe aromatiche e del condimento che rendeva la pizza strana e dal gusto forte. Voto zero, sopratutto perche’  gli ingradienti buoni li avevano, ma li avevano usati male!!!

La zuppa, visto l’esito dei due precedenti piatti non ho avuto il coraggio di assaggiarla. Anche perche’ avevo provato la comanda di Stefy: pasta rustica. Anche qui il sapore era decisamente buono, pasta al dente, pomodoro ottimo ma cio’ che rovinava il gusto della pasta era il topping. Nell’ordine abbiamo trovato del pomodoro, del pollo, dei gamberi, prosciutto a pezzi, formaggio fuso e  peperoni!!!!!!!

Per i bambini abbiamo ordinato due kids menu’. Patate fritte,  pollo fritto e 4 megaravioli ai 4 formaggi, che loro chiamano cheesioli!!! Esito: solo le patate fritte sono andate bene, mentre il resto lo abbiamo messo nel box, che i ristoranti mettono a  disposizione dei clienti che non finiscono le pietanze!!

Non contenti abbiamo chiesto della frutta semplice e non la avevano. Abbiamo chiesto un sorbetto ed era orrendo. Ultima prova il caffe’ che in realta’  e’ stata la cosa migliore del pranzo (con dei cantuccini ottimi).

Tutto per la modica cifra di 67 $ in 4 persone piu’ la mancia che e’ praticamente obbligatoria (si va dal 15 al 20 per cento del conto), a meno che non pensi di entrare piu’ in quel locale!!!

Il manager del locale alla fine del pranzo si e’ subito avvicinato  per sapere le nostre impressioni sul cibo, dato che aveva saputo dal cameriere che eravamo italiani. Io con molto tatto gli ho fatto capire che sebbene gli ingredienti fossero di ottima qualita’, il risultato non era degno delle aspettative!!! E lui dopo avermio ringraziato per il parere mi ha fatto capire che se nel suo locale i piatti fossero tutti semplici e lineari come quelli italiani, non ci sarebbe venuto mai nessuno a mangiare. Infatti mi ha confermato che gli americani se non usano almento due o tre topping nel piatto non sono contenti!!!! Contenti loro!!!

Qui tutto e’ topping. Su qualsiasi piatto,  un gelato o un dolce oltre a quello che e’ essenziale, loro ci mettono il superfluo ( i topping) che rovina il sapore.

Consoliamoci con queste foto di melanzane e zucchine  impanate con arte da mamma!!

dscn3215

 

Dopo questa digressione culinaria ecco altri momenti del natale italiano:

Paolo e Sara che guardano insieme i cartoni animati

dscn3218

Paolo e sara che mangiano (si fa per dire) di fronte al DVD

p1010656

Paolo che fa le boccacce

p1010662

Sara ed Ezio con corona da imperatore romano

p1010666

 

p1010668

Passiamo alla notte di natale, passata con Pier Giorgio ed Elisa, mamma e babbo e noi 4 vecchi, ma in Italia!

Ecco Paolo che porta i regali a tutti noi

dscn3185

Sara bellissima

dscn3195

Mamma che si cimenta nell’impresa ardua di dare a mangiare a Sara. che ultimamente si e’ impigrita nel mangiare

dscn3196

Panoramica della camera da pranzo durante la fase di scarto dei regali.

dscn3200

Elisa che parla con Sara

dscn3205

Pier Giorgio che parla invece con il cibo!!!

dscn3207

Finiamo con Paolo Jocker

dscn3210

Concludiamo con i cuginetti di Macerata. Non specifico neanche di quali cuginetti parlo, tanto Claudia ed Enea per muoversi hanno bisogno di un terremoto o di una catastrofe nucleare, altrimenti sono saldamente ancorati alla loro casa sul cucuzzolo di Eolo!!!

Ecco le quattro pesti al lavoro, purtroppo mancava la quinta peste Edoardo (il figlio di Claudia ed Enea), ma lui lo vedremo la prossima calamita’ naturale!!

dscn3227

Francesco e Paolo che si giocano a nascondino

p1010730

Panoramica della camera da pranzo addobbata a festa

p1010734

Paolo  e Filippo che cercano di nascondersi

p1010737

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: