4 vecchi in america

USS ALABAMA (MOBILE BAY)

Posted in Escursioni-Viaggi, Uncategorized by quattrovecchiinamerica on 1 luglio 2009

 

 016014

 

USS ALABAMA

(Mobile Bay)

 

La settimana scorsa abbiamo fatto la nostra prima gita oltre i confini della nostra property. Cosi’ come avrebbero fatto i veri americani, siamo andati al USS Battleship Alabama.

E’ un’area lungo una baia adibita a parco che accoglie una nave (la USS ALABAMA BB 60) un sottomarinoUSS DRUM (SS 228) , svariati mezzi corazzati, carri armati  ed aerei della seconda guerra mondiale.

L’idea e’ semplice, poco costosa e trasferibile in Italia con un po’ di buona volonta’. Senza pensare che ci sono numerosi vantaggi: il primo tra tutti secondo me e’  la complicita’ che si crea tra le Forze Armate ed i cittadini (infatti e’ straordinario vedere quanta gente viene a vedere quello che in altre nazioni sarebbero mezzi destinati alla demolizione, spendendo peraltro soldi per questa operazione. Le persone che vengono a visitare il parco sono sopratutto famiglie con bambini, che si vede essere fiere delle loro Forze Armate. Ed in ambienti angusti come quelli delle navi e dei sottomarini si presentano anche disabili ed oversize, che sanno benissimo di non poter vedere tutto, ma vengono lo stesso!!!), il secondo sono gli introiti che il parco offre alle casse dello Stato, in ultimo si creano alcuni posti di lavoro (infatti oltre alle cose sopra descritte ci sono ristoranti, negozi di souvenir e tutto l’indotto per la manutenzione/pulizia).

Il pezzo forte della visita e’ la bellissima nave USS Alabama BB 60. E’ una nave da guerra della classe South Dakota, e fu la sesta costruita dalla Marina degli USA della sua classe. E’ stata costruita nel 1942 ed ha combattuto, in lungo e largo  nell’Oceano Pacifico, durante la seconda guerra mondiale.

Qui sotto in missione con camouflage.

ala-underway

Qui sotto in pieno assetto operativo, impressionante!!!

ala-1943

 

E’ andata in pensione nel 1962 e nel 1964 i cittadini dell’Alabama formarono una “USS Alabama Battleship Comunity” per raccogliere fondi utili alla conservazione della nave, in modo da fondare un parco in onore di tutti i caduti della seconda guerra mondiale. La nave fu trainata nella Baia di Mobile il 14 Settembre 1964

016071

e l’anno seguente apri’ il parco che oggi abbiamo visitato. E’ straordinario “sentire” l’attaccamento che i cittadini americani hanno nei confronti dei loro militari e delle loro Forze Armate (cosa che in Italia solo negli ultimi anni sembra vedersi, ma a livelli minimi rispetto algi USA. Questa secondo me e’ una questione di educazione civica, che a noi manca gia’ dalle scuole elementari).

Concludiamo questo escursus storico dicendo che la BB60 ha ricevuto 9 stelle di combattimento durante la seconda guerra mondiale e che e’ stata il set cinematografico del film “Under Siege”, con Steven Segal (anche se si chiamava USS Missouri).

StevenSeagalUnderSiege_cover

 

Torniamo ai giorni nostri ed ecco alcuni scatti della nostra visita. Vista del ponte di accesso alla nave, naturalmente accessibile anche ai disabili (che poi vedranno ben poco della nave, dato che e’ interamente visitabile, a partire dal basso fino alle torrette!!). Paolo era eccitatissimo all’idea di visitare la nave da guerra, Sara anche, Stefania mostrava un interesse nella visita, pari all’ascolto di un comizio di Franceschini: ZERO!!!!

P1030335

 Fiancata della nave, da cui si possono notare dei cannoncini da 40 mm ed altri antiaereo da 25 mm.

P1030336

Mega torretta a poppa con tre cannoni da 406 mm!!!  

P1030353

 Altre due torrette con due batterie di tre cannoni sempre da 406 mm!! Anche Paolo e’ spaventato da tanta potenza di fuoco!!

P1030359

Qui Stefania e Sara che immaginano di essere Ufficiali della BB 60 (uno dei pochi momenti di allegria della giornata punitiva di Stefania!!).

P1030371

 

P1030372

Qui siamo nella pancia della nave tre piani sotto il ponte. Il caldo e’ insopportabile, perche’ non c’e’ aria condizionata. C’e’ solo il megaventilatore alla mia destra, che fa poco!!!!

P1030384

 Questa era il deposito delle cariche di lancio.

P1030393

E queste erano le munizioni da 406 mm. Sono piu’ alte di me e pesano piu’ di 1200 Kg l’una!!!!! 

016069

Sotto Paolo e Sara che provano l’ebrezza di essere dei cannonieri!!!

P1030416 

 

P1030419

 Questa e’ la BB 60 al tramonto.

 016066

 Finito il giro della nave, abbiamo visitato un immenso edificio (dotato di aria condizionata, per fortuna!!!) con tanti aerei della seconda guerra mondiale e non solo.

Poi siamo passati al sommergibile, che purtroppo oltre ad essere stretto ed angusto per la mia maestosa pancia, era senza aria condizionata!!!

P1030405

Qui sotto io e Sara che tentiamo di passare in una delle tante porte (a tenuta stagna) del sommergibile. Vi assicuro che passare piu’ di 1 giorno in questa scatoletta per sardine e’ veramente dura. Pensate che l’equipaggio passava molti giorni in immersione completa!!!  Un particolare: in alcuni sottomarini (forse in tutti) per dormire si usa il termine di branda calda!!! Vuol dire che i posti a dormire sono di meno delle persone che compongno l’equipaggio, quindi quando uno si sveglia cede subito il posto ad un altro, che trova la branda gia’ calda!!!

P1030426

Usciamo dal sottomarino e ci dirigiamo nel negozio di souvenir (che non si puo’ evitare (cioe’ per  uscire ci devi fare un “drive thru”!!) e compriamo dei regalini per bambini. Inoltre c’e’ un reduce dell’equipaggio della nave che firma autografi e racconta storie ai bambini in estasi.

 P1030431 

Prima di andare via vediamo alcuni aerei monster, che sono stati messi direttamente nel parking lot, in modo da parcheggiarci sotto e capire quanto sono grandi. 

 P1030413

 

Concludiamo con degli approfindimenti sulla nave e sul sommergibile.

La nave aveva vari tipi di armamento:

Main battery

La  BB 60, che e’ una South Dakota Class, aveva in dotazione una batteria principale di 9 cannoni da 16” (406 mm!!!!), lunghi 45 calibri (cioe’ lunghi 18 metri circa!!!),  suddivisi in tre torrette. Due torrette posizionate in poppa e la terza a prua. Questi cannoni sparavano proiettili AP (Armour Piercing) del peso di 2700 pounds (1225 Kg) con un ritmo di fuoco di 2 colpi a minuto per cannone. Il cannone poteva usare una carica di lancio di 535 lbs (242 Kg). Questa carcia di lancio imprimeva ai proietti una velocita’ alla bocca di 2300 feet/s (701 m/s) per i colpi AP a carica completa. Le torrette potevano girare di 150 gradi dalla posizione centrale, il che forniva un ampio arco di fuoco. Il range era di 36.900 yards(pari a 33.741 m). Amazing!!!

 

Secondary battery

 

La batteria secondaria aveva 16 cannoni da 5” (127 mm), lunghi  38 calibri (cioe’ pari a 4,8 m circa), 8 per lato. Questi cannoni potevano sparare differenti proiettili: anti-aircraft (AA), illuminanti, white phosphorus (WP), con un ritmo di fuoco da 15 a 22 colpi al minuto. Le granate AA erano lunghe 20.75″ (52.7 cm) e pesavano tra le 54 e 55.18 lb (24–25 kg).

I cannoni da 127 mm usavano differenti cariche di lancio, a seconda delle situazzioni da fronteggiare.La carica di lancio standard pesava tra i 15.2–15.5 lb (6.9–7.03 kg). La velocita’ alla bocca era di 2,600 ft/s (792 m/s). Ogni cannone aveva a disposizione  450 colpi e dopo 4600 colpi doveva essere sostituio. Il cannone poteva colpire target fino a 17,392 yards (15,903 m) distanti.

 

Anti-aircraft battery

La nave aveva molte armi antiaereo. 16 cannoncini da 20 mm della Oerlikon, numerosi cannoncini da 20 mm e 16 cannoncini da 40 mm della Bofors.

 

Armor

La  fiancata interna della nave era inclinata di 19 gradi dalla verticale ed era spessa 12.2 inches, con una piastra aggiuntiva di .875 di spessore. Cosi’ costruita era pari ad una piastra di acciaio di 17.3 inches disposta in verticale. poteva resistere ad un proiettile di 2,240 lb sparato da un cannone da 16 inch x 45 cal. della  Colorado-class ad una distanza variabile da 17,700 yd a 30,900 yd.

La corazza subacquea includeva 4 torpedo bulkheads, che erano sistemi multi strato progettati per assorbire l’energia proveniente da una esplosione equivalente a 700 pounds of TNT.

Ecco in sintesi i dati salienti sulla nave:

 

Career (United States) United States Navy ensign
Ordered: 1 April 1939
Builder: Norfolk Navy Yard
Laid down: 1 February 1940
Launched: 16 February 1942
Commissioned: 16 August 1942
Decommissioned: 9 January 1947
Struck: 1 June 1962
Nickname: “Lucky A”
Honors and
awards:
Nine Battle Stars
Fate: Museum ship since 11 June 1964
General characteristics
Class and type: South Dakota-class (1939) battleship
Displacement: 35,000 tons standard
Length: 680 ft (210 m)
Beam: 108.2 ft (33.0 m)
Draft: 36.2 ft (11.0 m)
Propulsion: oil-fired steam turbines, 4 shafts
Speed: 27.5 knots (51 km/h)
Range: 15,000 nautical miles (28,000 km) at 15 knots (28 km/h)
Complement: 1,793 officers and men
Sensors and
processing systems:
radar
Armament: 9 × 16 in (406 mm)/45 cal guns, 20 × 5 in (127 mm)/38 cal guns, 24 × Bofors 40 mm guns, 22 × Oerlikon 20 mm cannons (ever-increasing)
Aircraft carried: OS2U Kingfisher scout planes

 

Questi sotto sono i dati importanti del sommergibile.

USS DRUM STATS
Displacement: 1,526 tons surfaced, 2,424 tons submerged
Length: 311 ft. 8 in.
Breadth: 27 ft. 4 in.
Draft: 15 ft. 3 in.
Speed: 20 knots
Crew: 7 Officers, 65 Enlisted Men
Maximum Diving Depth: 400 ft.
Armament; varied during WWII, presently:
1
5″/25 caliber gun
1 40mm single mount
1 20mm twin mount
10 21″ torpedo tubes (6 forward, 4 aft)
14 reloads, total 24 torpedoes
Power Plant
Four 1,600 BHP Diesel Engines for surface use at up to 20.25 knots.
Two 1,375 HP Electric Motors for submerged use at up to 8.75 knots.
Click here for a history of DRUM’s war patrols.

 

 

Tagged with: ,

5 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Catia Felici said, on 3 luglio 2009 at 3:35 pm

    caro ezio,x certi aspetti penso di essere molto americana anch’io.sai della mia passione x le divise:-)e per le forze armate.

    • quattrovecchiinamerica said, on 3 luglio 2009 at 9:03 pm

      Potrsti essere degnamente una fiera americana, orgogliosa dei propri militari!!!

  2. katia felici said, on 10 luglio 2009 at 1:35 pm

    potrei sicuramente essere una degna americana ma sono principalmente un’italiana orgogliosa del proprio paese e dei propri soldati,un abbraccio a tutti.

    • quattrovecchiinamerica said, on 10 luglio 2009 at 5:33 pm

      Vai cosi’ che sei forte!!!

  3. katia felici said, on 11 luglio 2009 at 5:58 am

    nn sfottere,Vecchi!


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: