4 vecchi in america

CAMBIO SPORT!!

Posted in Sport, Usi e costumi by quattrovecchiinamerica on 30 ottobre 2009

075646885 

 

CAMBIO SPORT!!

 

Dato che a cambio marito non mi hanno accettato (e forse se avessi partecipato avrei rischiato di farmi cambiare veramente da Stefania, con un nuovo marito, piu’ “gestibile” di me!!) ho deciso di cambiare sport.

Anche perche’ si possono ammirare esemplari di donne americane (vedi cheerleaders sopra) che qui in Alabama non hanno ancora importato!!!

Naturalmente non lascio il calcio, che regolarmente vedo ogni Domenica (campionato normale, posticipi compresi), ogni Sabato (per gli anticipi), ogni Martedi’ e Mercoledi’ (per la Champions League) e dulcis in fundo ogni  Giovedi’ (per la European League).

Tutto tramite internet e gratis!!!

Alla faccia di sky e mediaset!!!

Pero’ stando qui in USA  non era possibile, per un appassionato di tutti gli sport come me, non incunearsi nel magico mondo del football americano.

nfl-players-19741

Notare che qui il football non e’ il calcio. Il calcio in USA si chiama soccer!!!

Se vi dicono di andare a giocare una partita a football, pensate bene prima di dire si e farvi spaccare le ossa!!!

Per prima cosa dovevo capire le regole.

Allora mi sono comprato un bel libro che parla solo di regole del football.

Il libro e’ pallosissimo, perche’ tratta per filo e per segno ogni possibile evento che puo’ accadere sul campo di gioco. E’ un po come se si leggesse il libro delle regole del calcio. Se si parla solo di regole, diventa una palla.

Poi di regole ce ne sono a bizzeffe.

Non vi posso tediare con tutte le regole, ma basicamente ecco un super sunto:

1) si puo’ passare la palla in avanti;

2) quando la palla tocca per terra, si ferma il gioco;

3) ogni azione di gioco prevede il completamento di 10 yards, raggiungibili in 4 tentativi. Ognuno di questi 4 tentativi finisce non appena la difesa riesce ad impedire l’avanzamento del pallone. L’azione di attacco si interrompe quando la palla tocca per terra,  facendo cadere a terra il giocatore con la palla o riuscendo addirittura a prendere la palla.

4) Qualora si raggiungano le 10 yards, si hanno altre 4 possibilità per conquistare altre 10 yards, fino all’arrivo in area di meta.

5) si fa un punto quando si entra con la palla nell’area di fondo avversaria (meta). Si fa cosi’ il touchdown che vale 6 punti!!!

44-14367-F

6) Segue il tuchdown un extrapoint, tirato con i piedi, che vale 1 punto (vale 2 punti se la squadra riesce a realizzare con le mani, invece che con i piedi).

 

Qui sotto si vede il numero 3 che sta calciando l’extrapoint (con i piedi) nella finale dello scorso anno tra Pittsburg Steelers e gli Arizona Cardinals. Il pallone si vede  sulla traversa gialla!!

opgm-48832_iooss

 

E se volete saperne di piu’ compratevi lo stesso libro che ho io. E vi addormenterete piu’ in fretta la sera!!!

Comunque a parte le regole, che si imparano solo guardano le partite in TV, la cosa che e’ piu’ strana per noi e’ che e’ uno sport regolato dalla pubblicita’!!!!

Ogni momento della partita sembra studiato (e cosi’ le regole) per fare un break pubblicitario. Cosi i 4 tempi che durano 15 minuti l’uno, per un totale di 60 minuti, si protraggono a dismisura a causa dei continui break pubblicitari (che non interrompono la partita!! I break della partita sono studiati ad hoc per iniflarci le pubblicita’!!).

Le partite di solito durano 3h30 minuti. senza considerare un eventuale overtime di 15 min (che ne dura almeno 40 ) in caso di punteggio di parita’ alla fine dei 60 minuti regolamentari.

 PHP4987970959718

Le partite vengono disputate da due squadre composte da undici giocatori (con un numero pressoché illimitato di cambi di giocatori a causa dei tanti ruoli presenti, dal quarterback al running back)con un intervallo di 15 minuti fra il secondo e terzo tempo.

Le squadre dei campionati professionali hanno a disposizione, seduti sulle apposite panchine, circa 50 giocatori poiché esistono 3 squadre specializzate per specifiche azioni di gioco: offensive team (la squadra per attaccare), defensive team (per difendere) e special team (per situazioni particolari).

Se vogliamo riassumere la filosofia di fondo del football americano è quella della conquista del territorio: avanzando a più riprese sulle linee di yards (0,914 m) posizionate trasversalmente rispetto ai lati corti del campo, le squadre cercano di raggiungere il punto di meta situato nella zona avversaria per posizionarvi la palla e mettere a segno così il colpo decisivo del touchdown.

Il campo è lungo 120 yard (109 m), comprese le 2 aree di meta, 10 yard ciascuna, largo 53 yard (48 m) e alle due estremità sono situate le due porte, a forma di U, che servono per i calci piazzati. Esso può essere sia in erba naturale che sintetica.

football_field

Il pallone ovale, di cuoio o gomma, è lungo 28 cm con circonferenza 7.1 cm, peso circa 425 g e una cucitura esterna per agevolare la presa delle dita.

pagina 35.eps

Vi assicuro che prendere in mano il pallone ovale e cercare di fare un passaggio tipo quelli che si vedono in TV e’ quasi impossibile, per noi nati con il pallone tra i piedi!!! 

Queste sono le basi. Il resto si capisce guardando le partite e chiedendo ai nativi, che sono stregati da questo sport.

L’anno scorso ho visto il Super Bowl (partita conclusiva della stagione) con amici italiani. Devo dirvi che mi ha preso molto, anche perche’ la partita e’ finita per una meta fatta all’ultimo secondo!!!

Nella foto di sotto c’e’ il sunto della partita:

Super Bowl XLIII

Super Bowl XLIII Logo

 

Pittsburgh Steelers Arizona Cardinals
(AFC) (NFC)
27 23
  1 2 3 4 Total
PIT 3 14 3 7 27
ARI 0 7 0 16 23
Date February 1, 2009 
Stadium Raymond James Stadium, Tampa, Florida
MVP Santonio Holmes, Wide receiver
Favorite Steelers by 7
National anthem Jennifer Hudson
ASL translation by Kristen Santos
Coin toss Roger Craig, John Elway, Gen. David Petraeus and Lynn Swann
Referee Terry McAulay
Halftime show Bruce Springsteen and the E Street Band
Attendance 70,774
TV in the United States
Network NBC
Announcers Al Michaels and John Madden
Nielsen Ratings 42.1 (national overnight)
53.6 (Pittsburgh)
47.5 (Phoenix)
98.7 million US viewers (3rd most watched program, 2nd sports pgrm.)
Market share 65 (national)
79 (Pittsburgh)
80 (Arizona)
Cost of 30-second commercial US$2.4 million–$3 million
 < XLII Super Bowl XLIV > 

Oltre al risultato, di cui poi diro’, notate il prezzo per 30 secondi di pubblicita’ durante la partita: 2,5 milioni di $ per 30 secondi!!!!

Dicevo che la partita e’ stata entusiasmante. Infatti gli Arizona Cardinals (nettamente sfavoriti dai pronostici. Notare che Obama si era schierato nettamente a favore dei Pittsburg, gia’ prima dell’inizio della partita. Io ho trovato strano che un presidente delgli USA si fosse schierato cosi’ apertamente. Da noi non si sa mai per quale squadra tifano molti dei nostri politici, per paura di perdere voti!! Ma dopo ho capito perche’. Uno dei maggiori sponsor dei Pittsburg era anche uno dei maggiori sponsor di Obama, duranta la sua campagna elettorale!!!! Potenza dei soldi!!) sono stati sempre sotto fino alla fie del terzo tempo. Pero’ nel quarto hanno fatto ben 16 punti, che sommati ai 7 che avevano realizzato nel secondo tempo li portava 23 a 20!!

2009_02_supbowl

(due tifosi avversari nello scorso Superbowl)

Gli sfavoriti cosi’ a 10 secondi dalla fine stavano per vincere il Superbowl (con sommo dispiacere per Obama!!!). Ma quando meno te lo aspetti ecco un lancio micidiale del quarterback, che raggiunge in un angolo impossibile il ricevitore e la situazione si ribalta definitivamente. Dopo la trasformazione 27-23 per i favoriti Pittsburg Steelers.

Fino a qui niente di troppo strano. Un punto all’ultimo secondo. Ma la meta e’ stata molto contestata. Ci sono volute numerose ripetizioni alla moviola del punto (che sono durate almeno 10 minuti) per capire se il punto fosse valido o no!!

Ecco alcune foto esplicative:

Qui sotto Holmes, agguanta inesorabilmente il pallone. Dalla foto sembra sia un normale touchdown ma non e’ cosi’!

14f17f28-8ff6-5bd1-b5cc-d77ffb11c870_image

Ecco la stessa foto da diversa angolatura. Ma non si nota ancora nulla di strano.

09000d5d80e86ca4_gallery_600

Proviamo a cambiare angolo. Ma ancora nulla si nota!!

8992320b4d1f88e268118f3f161d

Iniziamo a guardare i piedi. Sono esattamente nell’angolo destro dell’area di meta!! Ma per essere punto, la ricezione deve avvenire con  tutti e due i piedi dentro l’area di meta avversaria.

nfl_u_holmes7_576

Da questa foto si intuisce che entrambi i piedi sono dentro. Ma non si ha la certezza che tocchino per terra.

00_3_new_opis-4091-mid

Qui i piedi sono tagliati!!!

Santnio-Holmes-makes-the--001

Ecco la prova: la meta e’ valida ed i Pittsburg Steelers sono i campioni della NFL 2009!!!

r335345_1518708

Nulla puo’ il numro 47 dei Cardinals, se non guardare cadere a terra il suo avversario!!

be74c1004793a094185ce086bd7f

Ecco sotto Holmes che si tiene stretta la palla che lo fara’ diventare un mito per tutto il resto della sua carriera!!!

superbowl_pittsburgh_steelers_touchdown_by_santonio_holmes

Eccolo mentre accarezza i suoi sogni di vittoria.

ba6ccc8f-8c8a-496a-8629-5fc88e194f59

Onore al bestione di quarterback dei Pittsburg, il Sig. Roethlisberger. Il quale ha fatto un lancio millimetrico, calibrato ed incredibile alla fine di una partita entusiasmante, quando oramai nessuno sperava piu’ in una vittoria dei Pittsburg!!!

610x

Naturalmente quando si vedono le partite di calcio c’e’ un pathos diverso. Tutto nel football americano sembra piu’ annacquato, data la lunghezza dell’evento. Pero’ e’ emozionante vedere questi bestioni darsele di santa ragione (ma mai con cattiveria!!) e vedere come alcuni di loro fanno il campo (da una parte all’altra) a velocita’  folli, lasciando sul posto tutta la difesa!!

2004_Vanderbilt-Navy_Game_TE

 

football-americano

Ma la cosa che non avevo mai capito era la seguente: dato che le partite si susseguono da settembre fino a Marzo (piu’ o meno) non riuscivo a capire quali fossero quelle piu’ importanti, quali fosse la lega di serie A o B, quali fossero le regole per accedere alle varie leghe ……….

Praticamente vedevo le partite e non capivo quali fossero le squadre forti, in quale campionato giocavano, perche’ vedevo squadre con giocatori forti e muscolarmente immensi ed altre con giocatori piu’ snelli e scattanti.

Praticamente vedevo le partite e non capivo nulla di quello che c’era dietro!!!

Allora mi sono messo d’impegno ed ho cercato di capire prima di tutto le regole del campionato di football per eccellenza: l’NFL (paragonabile alla nostra serie A).

Ecco un sunto da wikipedia.

La National Football League (NFL) inizia il weekend dopo il Labor Day (il primo Lunedi’ di settembre).

sportamericani_it_bkumbria_1231140581

Ogni team gioca 16 partite in 17 settimane.

Generalmente le gare sono giocate la Domenica pomeriggio. Fa eccezione la partita giocata la Domenica notte (Sunday night football) ed un’altra partita giocata il Lunedi’ notte (Monday night football). Nella stagione sono programmate una o due partite  giocate il Sabato o il Giovedi’ pomeriggio.

Inoltre di Dallas Cowboy ed i Detroit Lions, tradizionalmente ospitano una partita il giorno del Thanksgiving (quarto Giovedi’ di Novembre). Tale partita e’ conosciuta come il Turkey Bowl.

La NFL si compone di due Conference: la AFC (American Footbal Conference) e la NFC  (National Football Conference).

L’American Football Conference  è una delle due conference che costituiscono la National Football League. La AFC fu costituita prima della stagione del 1970 con le squadre provenienti dall’American Football League quando l’AFL si fuse con la NFL. L’accordo della fusione prevedeva che le due nuove conference (AFC ed NFC) avrebbero compreso lo stesso numero di squadre al loro interno, perciò 3 squadre provenienti dalla NFL, i Baltimore Colts, i Cleveland Browns ed i Pittsburgh Steelers, furono obbligate ad entrare nella nuova AFC. Il trasferimento all’inizio fu duramente contestato dai tifosi di queste città.

L’AFC al giorno d’oggi è costituita da 16 squadre, suddivise in 4 division (North, South, East e West) di 4 squadre ciascuna.

La NFC, anch’essa è costituita da 16 squadre, suddivise in 4 division (North, South, East e West) di 4 squadre ciascuna.

Ecco le squadre delle due Conference:

 

National Football League (2009)

AFC West North South East
Denver Broncos Baltimore Ravens Houston Texans Buffalo Bills
Kansas City Chiefs Cincinnati Bengals Indianapolis Colts Miami Dolphins
Oakland Raiders Cleveland Browns Jacksonville Jaguars New England Patriots
San Diego Chargers Pittsburgh Steelers Tennessee Titans New York Jets
NFC West North South East
Arizona Cardinals Chicago Bears Atlanta Falcons Dallas Cowboys
St. Louis Rams Detroit Lions Carolina Panthers New York Giants
San Francisco 49ers Green Bay Packers New Orleans Saints Philadelphia Eagles
Seattle Seahawks Minnesota Vikings Tampa Bay Buccaneers Washington Redskins

 

Una cosa interessante e’ la formula che si usa per determinare il calendario di ogni stagione.

Prendiamo ad esempio questa griglia, che e’ la classifica finale della stagione precedente a quella per cui si vuole stilare in nuovo calendario.

 

Vediamo ora le partite che dovrebbero giocare i Browns: 

I Browns giocheranno contro i teams colorati di blu due volte (in casa e fuori casa), e contro i teams colorati di giallo, per un totale di 16 partite. 

Piu’ in particolare: 

  • Ogni team gioca contro i teams della sua divisione due volte (home ed on the road), per un totale di 6 partite.

  • Ogni team gioca, solo una partita,  contro i quattro teams di un’altra divisione della sua conferenza seguendo una turnzione che si ripete ogni quattro anni (vedi sotto). Due partite in casa e due fuori casa, per un totale di 4 partite

  • Ogni team gioca contro 4 teams di un altra divisione di un’altra conferenza, seguendo una turnazione che si ripete ogni 4 anni. Due partite in casa e due fuori casa, per un totale di 4 partite

  • Ogni team gioca una volta contro gli altri teams nella sua conference che si sono classificati allo stesso posto l’anno preceden, non contando le divisioni nelle quali si deve giocare nell’attuale campionato (esempio i Browns giocheranno una partita contro i Bills e contro i Jaguar (che si erano classificati l’anno precedente quarti come i Browns, nella conference dei Browns). Una partita in casa ed una fuori casa, per un totale di 2 partite.

Questa formula garantisce che tutte le squadre si inocntrino tra di loro almeno una volta ogni 4 anni, e che giochino negli stadi delle altre squadre almeno una volta ogni 8 anni. Inoltre tale formula garantisce, senza rifermento alla classifica dell’anno precedente, che le 16 partite che le squadre giocheranno nella stagione consisteranno di:

  • 4 partite contro avversari che hanno finito la stagione precedente nal primo posto nelle loro rispettive divisioni.

  • 4 partite contro avversari che hanno finito la stagione precedente al secondo posto nelle loro rispettive divisioni.

  • 4 partite contro avversari che hanno finito la stagione precedente al terzo posto nelle loro rispettive divisioni.

  • 4 partite contro avversari che hanno finito la stagione precedente al quarto posto nelle loro rispettive divisioni.

Per esempio nel calendario del 2009 i Browns (che erano finiti quarti nella stagione precedente) giocheranno 4 partite contro le quattro squadre terminate prime nelle loro divisioni (Steelers andata e ritorno, Chargers, Vikings), 4 partite contro le quattro squadre terminate seconde nelle loro divisioni (Ravens andata e ritorno, Broncos, Bears), 4 partite contro le quattro squadre terminate terze nelle loro divisioni (Bengals andata e ritorno, Raiders, Packers), 4 partite contro le quattro squadre terminate quarte nelle loro divisioni (Bills, Jaguars, Chiefs, Lions).

Allo studio c’e’ una proposta di modificare tale formula in modo da evitare che le squadre della costa Est viaggino fino ad  Oakland & San Diego or San Francisco & Seattle durante la stessa stagione. La stagione 2008 I New England Patriots and New York Jets hanno dovuto attraversare il paese per incontrare le 4 squadre della West Coast.

 Ecco la formula di turnazione per i prossimi 5 anni

Teams Opponents
Year Division Intraconf. Interconf.
2009 AFC East AFC South NFC South
AFC North AFC West NFC North
AFC South AFC East NFC West
AFC West AFC North NFC East
NFC East NFC South AFC West
NFC North NFC West AFC North
NFC South NFC East AFC East
NFC West NFC North AFC South
2010 AFC East AFC North NFC North
AFC North AFC East NFC South
AFC South AFC West NFC East
AFC West AFC South NFC West
NFC East NFC North AFC South
NFC North NFC East AFC East
NFC South NFC West AFC North
NFC West NFC South AFC West
2011 AFC East AFC West NFC East
AFC North AFC South NFC West
AFC South AFC North NFC South
AFC West AFC East NFC North
NFC East NFC West AFC East
NFC North NFC South AFC West
NFC South NFC North AFC South
NFC West NFC East AFC North
2012 AFC East AFC South NFC West
AFC North AFC West NFC East
AFC South AFC East NFC North
AFC West AFC North NFC South
NFC East NFC South AFC North
NFC North NFC West AFC South
NFC South NFC East AFC West
NFC West NFC North AFC East
2013 AFC East AFC North NFC South
AFC North AFC East NFC North
AFC South AFC West NFC West
AFC West AFC South NFC East
NFC East NFC North AFC West
NFC North NFC East AFC North
NFC South NFC West AFC East
NFC West NFC South AFC South

Se si prende sempre ad esempio I Browns, che fanno parte della AFC North, si capisce che dopo aver giocato tutte le partite della propria divisione, dovranno giocare (nel calendario del 2009) contro le squadre della AFC West ed NFC North. Piu’ due partite contro le ultime della loro Conference. 

Capito come si formano i calendari passiamo ora a capire come si vince il Superbowl. 

I playoff della NFL constano di 4 partite ad eliminazione diretta

Ad ognuna delle vincitrici delle 4 divisioni (di tutte e duie le conference) viene assegnata un numero da 1 a 4 (il numero 1 e’ la squadra che ha ottenuto I migliori risultati della stagione) , in base ai risultati della stagione regolare. Due wild card vengono assegnate alle squadre classificatesi quinte e seste della loro conference (chiamate Wild Card 1,2,3e 4).

Le partite si giocano secondo il calendario riportato qui sotto:

Untitled

Si arriva a due vincitori di Conference (AFC Champion e NFC Champion), I quali si scontreranno tra di loro per la conquista del Superbowl.

Ecco le statistche relative ai vincitori dei superbowl, dal 1970.

 Games

Team

 Wins

 Losses

 Winning percentage

 Season(s)

8

Dallas Cowboys

5

3

.625

 1970,1971, 1975, 1977, 1978, 1992, 1993, 1995

7

Pittsburgh Steelers

6

1

.857

 1974, 1975, 1978, 1979, 1995, 2005, 2008

6

New England Patriots

3

3

.500

 1985, 1996, 2001, 2003, 2004, 2007

6

Denver Broncos

2

4

.333

 1977, 1986, 1987, 1989, 1997, 1998

5

San Francisco 49ers

5

0

1.000

 1981, 1984, 1988, 1989, 1994

5

Washington Redskins

3

2

.600

 1972, 1982, 1983, 1987, 1991

5

Los Angeles/Oakland Raiders

3

2

.600

 1967, 1976, 1980, 1983, 2002

5

Miami Dolphins

2

3

.400

 1971,1972, 1973, 1982, 1985,

4

Green Bay Packers

3

1

.750

 1966, 1967, 1996, 1997

4

New York Giants

3

1

.750

 1986, 1990, 2000, 2007

4

Minnesota Vikings

0

4

.000

 1969, 1973, 1974, 1976

4

Buffalo Bills

0

4

.000

 1990, 1991, 1992, 1993

3

Baltimore/Indianapolis Colts

2

1

.667

 1968, 1970, 2006

3

Los Angeles/St. Louis Rams

1

2

.333

 1979, 1999, 2001

2

Kansas City Chiefs

1

1

.500

 1966, 1969

2

Chicago Bears

1

1

.500

 1985, 2006

2

Cincinnati Bengals

0

2

.000

 1981, 1988

2

Philadelphia Eagles

0

2

.000

 1980, 2004

1

New York Jets

1

0

1.000

 1968

1

Baltimore Ravens

1

0

1.000

 2000

1

Tampa Bay Buccaneers

1

0

1.000

 2002

1

San Diego Chargers

0

1

.000

1994

1

Atlanta Falcons

0

1

.000

1998

1

Houston/Tennessee Oilers/Tennessee Titans

0

1

.000

1999

1

Carolina Panthers

0

1

.000

2003

1

Seattle Seahawks

0

1

.000

 2005

1

St. Louis/Phoenix/Arizona Cardinals

0

1

.000

2008

0

Detroit Lions

0

0

N/A

0

Cleveland Browns

0

0

N/A

0

Jacksonville Jaguars

0

0

N/A

0

New Orleans Saints

0

0

N/A

0

Houston Texans

0

0

N/A

Detto cio’ ora sapete quasi tutto sul football Americano.

L’ultima cosa da sapere, la piu’ incredibile, e’ che le squadre che partecipano alla NFL league SONO SEMPRE LE STESSE!!!!

Cioe’ nessuna retrocede e nessuna sale dai campionati inferiori!!!! C’e’ solo qualche cambiamento di nome o a volte alcune squadre scompaiono per fare posto ad altre. Ma sono casi limitatie sporadici.

Sempre le stesse squadre e praticamente sempre le stesse partite da anni!!! Che palle!!!

Anche nel campionato italiano di serie A ci sono spesso le stesse squadre che si contendono il campionato, ma puo’ capitare che vincano anche squadre che provengono dale serie minori, tipo il Verona, la Lazio (scherzo!!), la Sampdoria ed il Cagliari.

Non potendo altre squadre entrare nella NFL league il Superbowl lo possono vincere solo le 32 squadre che da sempre giocano nella NFL.

Mi sembra una limitazione bestiale!!! Specialmente in USA dove dicono che tutti possono fare tutto. Per esempio la squadra di football di Hunsville non potra’ mai vincere un Superbowl, a meno che i boss della NFL non decidano di cambiare le regole e far giocare un numero maggiore di squadre. Questo sempre in base a meriti non sportive (come succede nella stragrande dei campionati di tutti gli sport e di tutte le nazioni) ma solo in base a considerazioni economiche!!!!!

Alla faccia di De Cubertin!!!!!!

Comunque in USA questo sport e’ tanto famoso da avere i tappeti da cucina con il campo da football!!

 footballfield1-main_Full

Non mi resta che finire con la cosa che dovrebbe attrarre di piu’ in una partita di football americano!!!!

Dallas-Cowboys-Cheerleaders-774956

6 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Runnig back said, on 29 gennaio 2010 at 6:58 pm

    “Iniziamo a guardare i piedi. Sono esattamente nell’angolo destro dell’area di meta!! Ma per essere punto, la ricezione deve avvenire con almeno uno dei due piedi dentro l’area di meta avversaria.” cit.

    …..No, per essere touchdown TUTTI E 2 i peidi devono toccare il campo.

    “Sempre le stesse squadre e praticamente sempre le stesse partite da anni!!! Che palle!!!
    Anche nel campionato italiano di serie A ci sono spesso le stesse squadre che si contendono il campionato, ma puo’ capitare che vincano anche squadre che provengono dale serie minori, tipo il Verona, la Lazio (scherzo!!), la Sampdoria ed il Cagliari.” cit.

    …Sbagli alla grande! Guarda un pò l’albo d’oro che tu stesso hai postato,noterai che il massimo dei titoli vinti da una squadra è 6 (Pittsburgh Steelers).
    Nel calcio in Italia avviene che sempre le stesse 3 squadre vincono il tiolo…tranne delle piccole eccezioni. Qui c’è una squadra con quasi 30 titoli…ad altre ancora con quasi 20. Tutto ciò dimostra quello che ho detto, ovvero che vincono sempre le stesse, se no dovrebbe essere più equilibrato come nel football.

    Posso essere d’accordo solo sul fatto che non esistono retrocessioni. Quello è una mancanza dell’NFL, secondo me

    Ma a favore , c’è tutta il sistema del DRAFT, ovvero le squadre ultime in “classifica” hanno il diritto alla prima scelta dei giovani dei College più forti in circolazione. Qui una squadra che arriva ultima …rimane “pippa”, senza avere la possibilità di rinforzarsi di giovani campioni…che invece vengono tenuti “stretti” dalle grandi società.

    Inoltre c’è il Salary Cap….ovvero tutte le squadre hanno un budget della stessa cifra e devono rientrare in quel budget. Quindi nel mercato dei giocatori nessuna squadra fa il “Paperon de’ Paperoni” della situazione e nessuna fa la “Cenerentola”.

    Spero di essermi spiegato bene.
    Ciao

    • quattrovecchiinamerica said, on 29 gennaio 2010 at 8:47 pm

      Caro running back

      ben venga uno che sa le regole meglio di me!!

      Ma spiegami una cosa (senza polemica alcuna!): come mai nella finale del superbowl dell’anno scorso la meta’ finale, che ha dato la vittoria, e’ stata assegnata al giocatore che aveva solo un piede che toccava terra!!!

      Per quanto riguarda il fatto che il campionato di calcio venga vinto + o – dalle stessa squadre ti do ragione. Effettivamente dall’albo della NFL non sempre vincono le stesse. Ma per quanto riguarda le gare effettivamente sono sempre le stesse, anche se a distanza di 4 anni o giu’ di li, dato che non esistono retrocessioni!!

      Il fatto che le ultme squadre possano rafforzarsi e’ effettivamente una cosa giusta per riequilibrare le scelte, ma quji mi dicono che spesso le scelte possono essere pilotate. Nel senso che magari una squadra ultima puo’ non scegliere il miglior giocatore a favore di squadre piu’ forti che gli promettono soldi! Non so se e’ vero o possibile, ma qui dicono che sia probabile, dato che un giovane campione preferisce giocare in una squadra forte, invece che scarsa.

      Dimmi che ne pensi.

      Per il salary cap non capisco una cosa: tutte le squadre possono spendere un massimo per i giocatori e basta??
      Quindi se vuoi comprarti un campione che costa una cifra ti compri solo quello e basta se arrivi al massimo del salary cup??

      Ti ringrazio ancora delle spiegazioni, ma fammi sapere di piu’ se vuoi.

      PS i biglietti per il superbowl di Miami, costano dai 1500 $ in su!!
      Non ti sembra uno sproposito??

      CIao Ezio

  2. Runnig back said, on 31 gennaio 2010 at 9:49 am

    Il fatto che le ultme squadre possano rafforzarsi e’ effettivamente una cosa giusta per riequilibrare le scelte, ma quji mi dicono che spesso le scelte possono essere pilotate. Nel senso che magari una squadra ultima puo’ non scegliere il miglior giocatore a favore di squadre piu’ forti che gli promettono soldi! Non so se e’ vero o possibile, ma qui dicono che sia probabile, dato che un giovane campione preferisce giocare in una squadra forte, invece che scarsa.” cit.

    ..questo può avvenire,ma non è sempre così. Anche nel caso ci fosse della corruzione (intendiamoci ovviamente sempre deprecabile) ,l’aspetto “posiitvo” è che almeno le squadre meno forti prendono soldi da quelle più ricche. Da noi arraffano tutto quelle più forti senza dare una lira alle più piccole.

    Quello che ho scritto è in effetti equivoco,…Mi sono ,spiegato male.
    Il Salary Cap è l’importo massimo che una squadra può impiegare per pagare i salari.
    LA squadra ricca compra sempre il campione perchè ha più soldi di quella povera,ma deve appunto rientrare in un tetto massimo di soldi per gli stipendi dei giocatori. Più di quello non può spendere anche se ha soldi a “strafottere”. La cifra è imposta dall NFL per tutte le squadre. Qualche anno fa (non vorrei dire una cavolata) era di 2.000.000 di dollari (non mi sono mai “interessato” all’aspetto tecnico del Salary Cap).

    Sì,le cifre del biglietto sono elevatissime. C’è un bagarinaggio incredibile suull’evento, che ricordo…è di poco inferiore,se non addirittura alla pari della Coppa del mondo di calcio coem visibilità. Mentre gli introiti di soldi che girano per le pubblicità durante il Super Bowl sono nettamente superiori a quelle della coppa del mondo di calcio.

    Giusto per una precisazione sportiva. Lo sport più praticato al mondo è il calcio, ma quello più seguito è il Cricket.

    Per quanto riguarda il touchdown,……no,vedi la foto numero 7 dell’azione!! Holmes ha tutti e 2 i piedi che toccano terra ,per questo è stato accordato il touchdown, se ne avesse avuto solo uno che toccava e l’altro stava fuori adal campo o non lo toccava, non era touchdown. Bisogna avere appunto tutti e 2 i piedi che toccano terra in endzone per il touchdown!🙂

    Ciao
    Running back

    • quattrovecchiinamerica said, on 31 gennaio 2010 at 10:30 am

      CAro Running back

      ho riguardato la foto ed ho cambiato alcune cose sul post!! Infatti tutte e due i piedi sono sul terreno di gioco!!! Anche se era difficile vederlo senza la moviola!!

      PEr i biglietti ti assicuro che (e se esiste non e’ sfacciato come da noi!) i prezzi che ho visto, sono prezzi legali. Sono prezzi che si possono spuntare su internet!!
      Non voglio pensare al bagarinaggio!!!

      L’attesa qui in USA per l’evento e’ paragonabile ad una finale di coppa del mondo di calcio!!

      GRazie per le spiegazioni e fatti sentire anche se non parliamo di football.
      Ciao Ezio

      Sul fatto che le squadre rispettino il salary cup, per menti abituate al nero anche per le cose quotidiane tipo l’idraulico a casa (!!), ho dei dubbi!!
      Ma crediamoci!!

  3. Runnig back said, on 3 febbraio 2010 at 2:22 pm

    Ciao Ezio.
    Non ci sono mai stato in America, però penso che sia un cosa incredibile il pre, durante e post Super Bowl. Mi accontento di vederlo dall’Italia. :-)…almeno per ora!!

    Assoultamente sì, passerò ogni tanto sul tuo “post”, anche perchè….ti faccio i complimenti,…è l’unico sito in italiano dove si può trovare la schema di come vengono fatti i 17 week per le squadre NFL (almeno io non ne ho visti altri),…quindi a chi mi chiede appunto come vengono fatti i “calendari”…gli indicherò il tuo sito.

    Ciao
    Andrea

    • quattrovecchiinamerica said, on 3 febbraio 2010 at 5:56 pm

      Caro Andrea

      ma hai visto i prezzi!!!

      L’anno prossimo cerchero’ di comprare i biglietti della finale, appena escono!!

      Vogli vedere se i prezzi sono cosi’ alti come a pochi giorni dalla finale!!

      Gli americani sono impazziti gia’ ora.
      Si vende di tutto con l’immagine del superbowl, anche se non c’entra nulla con la finale.

      Per lo schema delle partite, ogni volta che chiedevo ad un americano mi diceva che era troppo difficile da spiegare, allora mi sono messo di impegno e leggendo su molti siti ho cercato di capire l’arcano mistero!!

      Ciao ed a presto

      Ezio


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: