4 vecchi in america

HUNTSVILLE-FIUMICINO, QUANTE SORPRESE!!!!

Posted in Escursioni-Viaggi by quattrovecchiinamerica on 22 dicembre 2009

 

HUNTSVILLE-FIUMICINO, QUANTE SORPRESE!!!

 

Domenica mattina siamo finalmente partiti, dopo un anno passato in USA, verso l’Italia e per la precisione verso Roma.

Ecco step by step i preparativi, il viaggio, l’arrivo e le soprese, che non sono mancate!!

Come costume della famiglia 4vecchiinamerica (per merito o colpa di Stefania) le valigie alle ore 18.30 del giorno prima di partire non erano pronte. Di solito Stefania, che fa il grosso delle valigie (io mi occupo dei documenti, delle medicine e della parte elettronica, con intrusioni nel mangiare per il viaggio) ama prepararle la sera prima di partire.

Le fa quando andiamo tuttia dormire, sta sveglia fino alle 3-4 di mattina ed il giorno dopo e’ stanca morta. Inoltre dato che io invece preferirei averle pronte almeno 1 giorno prima, c’e’ elettricita’ nell’aria!!!

Normali dinamiche familiari tra marito e moglie (io ansioso e programmatore lei all’impronta)!!

Per gli affezionati ecco alcune foto della casa prima di partire, con qualche novita’.

Le due scaffalature ai lati del tavolo, sono nuove di zecca, anzi nuove di thrift shop!!!

Nota di costume: qui come detto tante volte, comprare non e’ un problema. Si puo’ cambiare con moltissima facilita’, se il prodotto non ti piace. Poi dopo averlo usato si puo’ sempre andare in un thrift shop (negozio in cui si lasciano i propri oggetti in vendita) e lasciare il prodotto in vendita. Non si paga nulla, se non il 2% del prezzo di vendita al proprietario del Thrift Shop.

Il thrift shop per me e’ stata una piacevole scoperta. Trovo tante cose quasi nuove a prezzi stracciati e quello di cui ti vuoi disfare non lo butto piu’ e ci ricavo sopra qualche soldino!!!

Questo forse perche’ gli americani sono ridotti maluccio ed anche perche’ sono abituati a comprare, cambiare e riciclare in massima liberta’.  Resta il fatto che e’ comodissimo, semplice e conveniente.

Sara che fa casino nella cesta dei panni puliti. 

Paolo che fa del patchwork. 

 Questo e’ il letto di Paolo di Cars, con suoi quadri che fa a scuola. 

Questa e’ la z0na Princess Sara.

Postazione multimediale. Computer portatile collegato al televisore al plasma. Due DVD, uno per i DVX ed uno multiregion. Il pianoforte, il mixer e l’arrangiatore. Casse con megabass e stampante fax.

Qui c’e’ tutto quello che serve ad un emigrante per stare in contatto conl’Italia, vedere gli amici sui internet e vedere le partite di calcio in streaming, sul mega TV.

C’e anche il router wireless (che collega l’altro computer in camera da letto), che uso con i fili (!!!) per la sicurezza dei bambini.

Divano, dal quale ammirare le partite di calcio, con quadro relax.

Ma torniamo alle valigie. Ecco Stefania che alle 18.00 stava ancora stirando i panni da portare in valigia!!!

Letto posa panni stirati.

Ancora una divagazione. Questo sotto sono io. Non ho preso la scossa ma sto solo preparandomi per andare dal barbiere!!

Infatti dato il basso livello dei barbieri, se vado coni capelli con la riga da un lato (come avevo prima di lavarli), poi mi ritiro con i capelli a spazzola, ma con la riga al lato!!!

Non sanno fare un taglio a spazzola, se vai con i capelli con la riga!!!

Allora memore di tanti tagli di capelli disastrosi, sono andato in questo modo osceno dal barbiere, in modo da fargli fare un taglio decente.

Devo dire che per la prima volta mi hanno fatto un taglio decente!!!

Altra diversita’ rispetto ad i barbieri italiani. Qui quando ti tagliano i capelli non guardi verso lo specchio, ma verso i clienti!!!

Chi ti taglia i capelli ha le spalle allo specchio!!! Usanza strane.

E’ simpatico il fatto che quando devono tagliarti i capelli tutto intorno alla testa (come quando fanno la rifinitura dietro il collo) loro stanno fermi e fanno muovere la sedia di 360 gradi, mentre tagliano con il cliente in movimento!!!

Ecco le nostre due vecchie targhe americane, attaccate nella stanza dei bimbi, come ogni famiglia americana!!!

Comunque anche questa volta Stefania ha fatto le valigie in tempo per le ore 9.00, ora prevista di partenza da casa. Ci viene a prendere un amico italiano con il figlio, ma dato il grande volume delle valigie dobbiamo prendere anche la nostra macchina per andare all’aeroporto!!!

Stefania ha confezionato:

– 4 valigie very big;

– due zaini pesantissimi (con dentro il cambio dei bambini, il mangiare per noi quattro da utilizzare in aereo (dato il livello bassissimo del cibo servito in aereo!!), un DVD per far vedere qualche cartone animato  ai bimbi, ed il portatile per noi + 2 macchine fotografiche ed una videocamera);

– un valigia di Paolo con i suoi vestiti e qualche gioco, a cui non ha voluto rinunciare per niente al mondo;

– due passeggini.

Peccato che si e’ dimenticata di pesare le valigie, come di solito facciamo!!

Arrivati all’aeroporto il check in si e’ rivelato pesante. Mezz’ora per rifare il check in, che avevo fatto il giorno prima via internet (!!!!!), poi arrivati al momento di imbarcare le valigie il dramma (si parla di dramma di viaggio, niente di piu’!).

La prima valigia pesava 64 pound, quando il limite per valigia (una per ogni viaggiatore) era di 50 pound. Io non gli ho dato molto peso tanto di solito a Roma non fanno troppe storie.

Sbagliato, la ragazza mi ha subito detto che dovevo pagare 150 $!!! Incredulo le ho chiesto se potesse fare una media per le 4 valigie. Insomma se la somma fosse stata 200 pound niente multa!!! Niente da fare la ragazza e’ stata inflessibile. Allora le ho chiesto  quanto era la somma da pagare ogni pound in +. Lei mi ha risposto candidamente che 1 pound o 300 pound non facevano differenza!!!

Allora le ho chiesto di farmi pagare come se avessi imbarcato 2 valigie (la prima e’ gratis la seconda costa 20 $, la terza 30 $ ….). neanche questo era possibile.

Anzi mi ha fatto pesare le altre valigie, dato che mancavano oramai solo 15 minuti alla partenza!!!

Morale, la seconda pesava 52 pound, la terza 47, la quarta 44!!

Totale della multa 300 $!!! Sempre perche’ mia moglie si e’ dimenticata di pesare le valigie. Lei dice che avrei dovuto farlo io (normale dare la colpa al coniuge, dopo un certo numero di anni di matrimonio!!). ma dato che le valigie le ha chiuse all 3-4 di notte, io stavo dormendo beatamente!

Per la cronaca la ragazza alla fine mi ha fatto lo sconto del 50 %, perche’ le facevamo un pochettino pena!!! Megli che 300 $.

La morale e’ che bisogna sempre pesare le valigie e se si e’ sovrappeso e’ meglio portare una valigia in piu’, invece che andare in sovrappeso!!!

Il viaggio e’ stato perfetto, tranne per l’atterrraggio ad Atlanta (abbiamo fatto scalo ad Altanta). L’atterraggio e’ stato veramente impressionante. Oltre ad atterrare a velocita’ folle, l’aereo e’ atterrato su una ruota violentemente e per leggi fisiche e’ andato ad impattare altrettanto violentemente sull’altra ruota. E questo rimabalzo si e’ ripetuto per 2-3 volte. Sembrava di doversi rovesciare da un momento all’altro!!!

Ecco il perfetto viaggiatore dei due mondi: giubotto di pelle e trolley (rosa!!) pieno di giocattoli, mentre attraversa con sicurezza (davanti a tutto il resto della famiglia) l’immenso aeroporto di Atlanta!!!

Ecco Paolo che guarda con ammirazione il 747 della NorthWest, veramente bello.

Guardate che bello spaccato del 747.

Invece l’attraversamento dell’oceano non ha dato problemi. Tranne il mangiare pessimo. Ma noi avevamo dei meravigliosi panini con pomodoro, mozzarella ed olio e mozzarella e prosciutto. Con Uva e panini con la nutella!!

Qui Sara che si gode il suo schermo personale.

E Paolo anche.

Qui siamo gia’ atterrati a Fiumicino, in modo lieve e delicato!!

Notate il taglio decisamente tattico dei barbieri di HSV!!!

Eccoci all’aeroporto di Fiumicino.

Come tutte le volte che torno in Italia ( da viaggi di lavoro frequenti) l’impatto con l’aeroporto e’ pessimo!!!

Tutta la zona che abbiamo percorso dall’aereo fino ai nastri dei bagagli era ghiacciata. La sporcizia si faceva notare facilmente, anche agli occhi di viaggiatori con 12 ore di viaggio + 4 di layover!!!

Ciliegina sulla torta: nella zona dei nastri trasportatori, dove arrivano le valigie, per prendere il carrello ci voleva un euro. Fino a qui nulla di strano. C’era una bella e nuovissima macchinetta, che in cambio d 5 Euro te ne restituiva ben 5!!!

Peccato che era rotta, inesorabilmente.

Intorno alla macchinetta rotta, il deserto dei tartari. Solo una signora che vendeva tessere telefoniche (che alla mia richiesta di cambio di 5 Euro, mi ha risposto a mezze parole, in romanesco dicendo + o – che lei non me le avrebbe cambiate mai!!) ed un negozio di cambio, che con educazione non ci ha neanche pensato a cambiare i miei 5 Euro!!

Nulla altro intorno!!

Alla fine un addetto che portava i carrelli me ne ha regalato uno (ma non di piu’ dato che i molti turisti stranieri, hanno visto la scena e si sono incazzati non poco!!!),. L’altro carrello lo ho rimediato perche’ un amico italiano (che era in aereo con me) mi ha prestato un altro Euro!!!

Insomma bisognava arrangiarci!!!! E da buon italiano lo ho fatto!

Inaudito in un aeroporto internazionale come Roma. Che di internazionale ha forse solo il nome!!

Inoltre il carrello e’ piccolissimo. C’entrano a malapena due valigie grandi.

Rcevute le valigie, con due carreli, due passeggini e due zaini + il trolletu di Paolo, guadagnare l’uscita non e’ stato facile. Per fortuna Paolo ha portato la sorella in carrozzina!!! 

Sotto le due valigie in sovrappeso!

Ecco le altre due valigie + il trolley di Paolo.

I due carrozzini, indispendabili per chi viaggia con i bimbi!!

Come al solito e’ venuto a prenderci babbo, che si e’ commosso alla vista dei nipoti!!!

Alle 8.40 eravamo pronti in macchina con i bagagli stipati all’inverosimile!!! Eppure e’ una macchina bella grossa!

Roma ha pensato subito di darci il benvenuto.

+ di 3 ore per arrivare a casa!!! Trafficco ed ingorghi sparsi sia sul raccordo che sulle strade consolari!!!

Pensare che in un anno non abbiamo mai visto il traffico!!!

Certo che molto del traffico e’ dovuto a macchine parcheggiate in doppia e tripla fila dappertutto ed in vicinanza di incroci!!!

E’ incredibile come nessuno abbia paura di nulla. Sul raccordo ho visto tante persone passare sulla corsia di emergenza, come se fosse la loro!!! Mi domando perche’? La risposta la so, penso: poco controllo da parte di chi deve controllare, ZERO EDUCAZIONE CIVICA e non certezza della pena!!!

Insomma ognuno fa un po cio’ che vuole, senza troppa paura!!!

Alle 11.00 arriviamo a casa e proviamo a fermarci vicino ad un bar per fare la nostra prima colazione decente dopo un anno!!! Trovare posto e’ impossibile. E mio padre parcheggia in doppia fila vicino alle strisce pedonali!!! Io timidamente faccio notare della piccola scorrettezza, ma lui mi fa capire che altrimenti non avremmo potuto fare la colazione!!

Taccio e mi godo la mia prima colazione dopo un anno di pessime colazioni!!!

Il bar, prima chiamato Parana’, faceva tra i migliori cornetti di Roma a mio parere. Pasta del cornetto da pasticceria, pesante, densa e gialla di uovo. Farciture semplici ma meravigliose, crema, danese, marmellata e poco altro piu’!!!

Ora purtoppo ha cambiato gestione, ma il caffe’ ed il cappuccino e’ di gran lunga superiore: Illy!!!

I cornetti sono buoni, ma lontani anni luce da quelli della gestione precedente!!!

Sono come si fanno i cornetti oramai in tanti bar: leggeri, appiccicosi ed ai gusti piu’ improbabili: pere e cioccolato, menta, mela e cannella ……………

Guardate pero’ il cappuccino di Stefy, meraviglioso, denso e buonissimo!!!

Ecco sotto i cornetti + il mio cappuccino. Si vede che e’ tutta crosta e l’impasto e’ vuoto, non pieno come i vecchi cornetti!!

Ecco il mio sguardo estasiato, dopo aver assaggiato il meraviglioso cappuccino. Per chi come voi ha la possibilita’ di assaggiarlo ogni giorno, fara’ stupore questa mia enfasi per un semplice cappuccino, ma dopo un anno senza buon cappuccino, credetemi non e’ una esagerazione!!! Poi io amo la colazione al bar e forse e’ l’unica cosa che mi manca davvero dell’Italia (dal punto di vista culinario, oltre la mozzarella).

Qui si vede bene la gioia del cornetto buono + il taglio di capelli.

Non contenti di cornetto e cappuccino, sia io che Stefania ci facciamo un ottimo caffe’!!!

Mentre io e Stefania ci godiamo la colazione, babbo e Paolo cercano di montare una macchina telecomandata!!

Gustarsi un buon caffe’ non ha prezzo!!!

Alle 11.30 arriviamo a casa ed ecco mamma, Alessandro (il cugino di Paolo) e Gianluca (mio fratello).

Dimenticavo di dirvi che a mia cognata e’ stata prese ad ombrellate da una signora anziana e dalla figlia. Pensate che la signora stava tenendo il posto alla figlia, con la sua macchina in attesa che la figlia arrivasse con un’altra macchina ancora (ed e’ arrivata dopo ben 10 minuti!!!!). Solo a Roma puo’ succedere!!!

Finiamo con una nota su Telecom-Fastweb.

Da poco a casa abbiamo cambiato gestore, dalla vecchia e “ladrona” Telecom alla nuova Fastweb. Il contratto lo avevo fatto via internet 15 giorni orsono. Al nostro arrivo telefono alla Fastweb per sapere come mai non avessero ancora attaccato la linea. Loro gentilmente mi hanno risposto che non potevano attaccare i loro servizi (telefono ed internet) perche’ Telecom non gli aveva staccato ancora la linea. La telecom il 17 Dicembre avrebbe dovuto staccare la linea, per permettere a Fastweb di attaccarsi.

Mi consigliano di telefonare a Telecom per chiedere chiarimenti.

Dopo la solita trafila di voci  preregistrate dopo 15 minuti riesco a parlare con una operatrice.

Credetemi, non ho mai sentito una persona piu’ maleducata, arrogante ed ignorante di questa operatrice. Oltre ad avermi trattato malissimo, non capiva nulla di quello che le dicevo, voleva avere sempre ragione lei, ha affermato che la Telecom non doveva fare nessun distacco e che Fastweb aveva detto una fesseria. Dopo un po le ho chiesto il suo nome perfare un reclamo con la Telecom e lei ha riattaccato!!!

Gia’ la Telecom sta sulle palle a tutti, per la questione del canone, che per anni ha estorto agli italiani in regime di dittatura telefonica, inoltre se assume gente incompetente ed ignorante come quella non andranno molto lontani!!!

Comunque dopo la telefonata, magicamente la Telecom ha staccato tutto ed ora siamo tutti di Fastweb. Almeno loro rispondono subito al telefono e sono cortesissimi!!!

 

E’ iniziata cosi’ la nostra vacanza romana!!!

4 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. pippo said, on 25 dicembre 2009 at 2:45 am

    bentornati, sia pure x pochi giorni. Vi auguro Buon Natale e un 2010 ricco di tutto ciò che si desidera.

    • quattrovecchiinamerica said, on 25 dicembre 2009 at 8:12 am

      Caro Pippo

      grazie.

      Ci siamo piazzati a casa e stiamo gozzovigliando a suon di buon cibo e dolci italiani!!!

      Augurissimi anche a te e tuoi cari.

      Ciao Ezio

  2. Emanuele said, on 25 dicembre 2009 at 12:49 pm

    Buon Natale

    • quattrovecchiinamerica said, on 25 dicembre 2009 at 5:10 pm

      Caro Emanuele

      anche a te ed ai tuoi cari.

      Ezio


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: