4 vecchi in america

PAESAGGI, PIATTI E FACCE DELLE MURGE!!

Posted in Escursioni-Viaggi, Usi e costumi by quattrovecchiinamerica on 11 gennaio 2010

PAESAGGI, PIATTI E FACCE DELLE MURGE!!

 

Indovinate un po’ in che citta’ siamo!!!??

A vedere il faro sopra, potrebbe sembrare una citta’ di mare, ma non e’ sul mare.

Guardate il paesaggio aspro e sassoso, con pale eoliche annesse, vi suggerisce qualche cosa??

Ancora non vi e’ venuto nulla in mente??

Allora guardate questi bei vicoli bianchi e stretti, tipici di certe citta’ pugliesi!!

 

Case bianche costruite sulla roccia delle Murge. E’ piu’ facile ora?

Ancora lontani dalla soluzione? Allora guardate questa foto aerea, nella quale si intuisce che la citta’ e’ in discesa a partire dal Comune, che sta piu’ in alto di tutto.

Cambiamo prospettiva!

Guardate la citta’, quando la forza della natura si scatena!!

Qui c’e’ la neve!!

Ultimo indizio: foto panoramica!

Ecco svelato il mistero: Minervino Murge in provincia di Bari!!! Eccola in una foto di 40 anni almeno. Se ci andate oggi la situazione non e’ cambiata di molto!!!

Ecco una cartolina piu’ aggiornata, ma forse meno bella di quella antica!

Guardate questa cartolina anni 60, che bella e brutta allo stesso tempo!!

Aneddoto: io faccio una collezione strana, quella delle cartolline brutte, ma veramente brutte. Appena le ritrovero’ (!!!) ne faro’ un post! Se qualche lettore ne avesse di brutte, non esiti a mandarle per una prossima pubblicazione!!!

Questa e’ una zona vecchia, detta “scesciola” che negli ultimi anni si sta rivitalizzando di ristoranti ed abitazioni. Li tutto e’ stretto e le macchine non possono arrivarci; guardate le stradine microscopiche e strette!!

Vista dalla statale. Di notte da questa angolazione Minervino sembra un presepe!! 

Vista dal lato delle Murge. La statale e’ dalla parte opposta.

Vista notturna spettacolare di notte, dal lato Murge! 

Per i curiosi ecco dove si trova, sulla carta geografica.

 

Passiamo ai piatti tipici di questa meravigliosa terra (credo piena di “contrasti”, che e’ difficile raccontare da parte di uno che li vive solo in vacanza!!).

Ma andiamo alle cose buone, eccomi con due piatti semplici e meravigliosi: la mozzarella senza sale e la ricotta fresca!

La mozzarella senza sale e’ per me non il massimo, perche’ ci devo sempre mettere il sale, altrimenti sa di latte fresco. Ma ai locali fa impazzire. Ma per freschezza e sapore e’ imbattibile!!!!

La ricottina fresca ha una particolarita’: quando la compri e’ ancora calda e quando la mangi e’ morbida quase come latte montato da poco!!!

Il sapore e’ meraviglioso, fresco e si accompagna bene con il pane locale, con la giusta corsta e mollicoso.

A me piace mangiarla anche il giorno dopo. Infatti dopo un giorno dall’acquisto diventa piu’ consistente e la spalmo sul pane abbrustolito e la “puccio” nel caffe’!!! Chi e’ patito di liquori potrebbe mettere del mistra’ nel caffe’, per rendere il miscuglio piu’ gustoso (infatti il mistra’ ha un retrogusto di anice!!)

Qui Maria, la mamma di Stefania ( e grande cuoca. Purtroppo le figlie non hanno ereditato  tale dote!!), che ha preparato un piatto ultrasemplice e buono: trofie con pomodorino fresco e rucola cotta. Volendo ci si puo’ mettere la ricotta dura, che qui in Puglia spesso sostituisce il parmigiano, con risultati eccellenti!!

 Ecco un zoom sul piatto.

Che vi dicevo della ricotta dura? Eccola che fa capolino sul mio piatto!! 

Ci spostiamo verso Trani, paesino che e’ “outstanding” rispetto ai paesini che gli sono intorno: un gioiellino!! 

Ecco la Cattedrale di Trani.

Il porto di notte.

Una bella vista erea del porto e della catedrale, in basso a destra.

Ma andiamo a casa di Pippo e Caterina, nostri amici da sempre (per essere precisi Caterina e’ amica di Stefania fin da piccola, io e Pippo siamo venuti dopo!!).

Qui sotto io e Pippo siamo in posa plastica nel giardino, che sta tra la tavernetta e la casa.

Voglio subito far notare, che Pippo e Caterina hanno costruito una casa (step by step, nel vero senso della parola. Senza farsi prendere dalla fretta, hanno ristrutturato la loro casa in modo efficiente e con gusto) intelligente e bella.

Questo e’ un particolare della copertura della cucinetta, posta nella tavernetta, dove abbiamo mangiato. La copertura e’ realizzata in pannelli solari. Loro non solo hanno gratis la loro energia elettrica, ma la vendono anche!! Intelligentemente hanno sfruttato gli incentivi che il governo dava, per la posa in opera degli stessi!

In una terra come la Puglia, dove il sole ed il vento sono di casa e’ un suicidio non utilizzarli!!! 

Non solo sono utili ma anche bellini, come copertura ed inoltre fanno passare la luce!! 

Per non dimenticare l’america ecco la mitica route 66!! 

Questo e’ il percorso originale!!! Il pezzo da Los Angeles fino in Arizona probabilmente lo faremo la prossima estate.

 

Ma torniamo alla tavernetta. Il fuoco ci ha riscaldato ed affascinato durante il pranzo (per me che ho fatto lo scout per tanti anni, il fuoco ha sempre un qualche cosa di affascinante. Ricordo di tanti campi scout, dove per riscaldarci, fare luce, divertici, cucinare l’unica cosa utlizzabile era il fuoco!!)

 I bambini, sempre pratici, hanno utilizzato il fuoco per riscaldarsi le parti “bagnate”!!!

Si parte con il pranzo.

Caterina apre le danze con pane abbruscato ed olio fresco!! 

Poi frittura di calamari e gamberi, leggera e gustosa!! 

Insalata di mare , con limone ed olio. Semplice e buona. Un sogno quando saremo tornati in USA!! 

Spigola al cartoccio: vedi sopra!! 

 Pinzimonio e mozzarella: la freschezza e la semplicita’!

Guardate cosa non vedro’ piu’ per un anno!! 

Si finisce con i famosi dolci di Schiraldi, nota pasticceria di Minervino. Assolutamente buoni, in special modo i sorrisi, ultima fila a destra!!! 

 Non si poteva non finire se non con bottiglia di limoncello ghiacciato e brandy!!

 

Chiudiamo con un ulivo al centro del cortile di Pippo, simbolo della pace e non dell’ex PCI!!!! (I politici non sanno piu’ a che icona attaccarsi pur di raccattare qualche voto in piu’!!).

 Torniamo a Minervino per un altra cena.

Sotto Daniela, che taglia il formaggio fresco. Lei sta cercando di apprendere le ricette della mamma, ma e’ ben lontana dall’originale!!! Ma almeno ci prova!!!

Qui Daniela che mostra fiera la parmigiana, fatta dalla mamma!! 

Eccola in primo piano. Notare la cremosita’ del prodotto, la mozzarella che fuoriesce gentilmente dalla parmigiana, fatta con melanzane fritte al punto giusto, mortadella e tante altre cosine buone!!!

Qui Maria fiera della figlia che e’ arrivata fino in america: una minervinese oltre oceano, non e’ da tutti i giorni!! 

Qui Valerio, Stefania ed AnnaRosa. 

Io in mezzo ai bambini. La bella MariaPia e’ la figlia di Valerio ed AnnaRosa.

Qui Paolo ha scoperto il portafoglio e non se ne e’ piu’ liberato!! Sono giorni che mi frega tutto dal mio, dalle carte di credito ai soldi!!! Un vero pericolo!! 

Michele, il fidanzato storico di Daniela, che guarda il suo futuro culinario con tanta apprensione!!! E fa bene!!

I bambini al loro risveglio il giorno della befana. Sono assonnati ma riescono a prendere le calze!!! 

 

Qui si sono svegliati ed arraffano a piene mani nelle calze! 

Il giorno della Befana andiamo a Trani di nuovo a trovare Anna (altra sorella di Stefania!), Nini’ ed i loro figli (Vito, tifoso della Roma, e Maria Vincenza).

Naturalmente pranzo a base di pesce. Da ricordare i famosi canarozzetti con brodo di cozze (e cozze!!) preparato da Anna, che probabilmente e’ la migliore espressione della cucina della mamma Maria!!

Io e Nini’ di fronta alla Cattedrale di Trani.

Maria Vincenza, prossimo ingegnere spaziale, che gioca con la cuginetta.

L’ultimo giorno  a Minervino lo passiamo al faro. Ecco Daniela che spinge la sua nipotina. 

 Stefania che ritorna bambina sull’altalena.

La passeggiata del faro, che durante l’estate diventa luogo rituale di incontri, al fresco delgi alberi, quando il solleone detta legge sul paese!! 

Stefania che telefona a qualche parente, amico, conoscente che ancora non abbiamo salutato.. E dire che in questi giorni ne abbiamo visti tanti. Ma dato che non li vedremo tutti ne saluto alcuni per tutti gli altri!! Pino, Vincenzo, Anna Rosa, Adriana, Mina e Rosa per tutti.

A tutti  un saluto ed un augurio di un felice anno nuovo!!

E’ con estrema soddisfazione che vi mostro il parco eolico, creato, credo da Vendola (che per questa bella cosa, non verra’ ricandidato dal PD!!!! Quando qualcuno fa qualche cosa di buono per i cittadini viene punito!!!!), in poco tempo. meno di due anni, dato che mancavo da Minervino da due anni!!! 

E’ incredibile che gli ambientalisti si erano schierati contro il progetto, perche’ abbrutiva il paesaggio!! Io credo che lo renda ancor piu’ affascinante!!

Qui sotto Paolo che e’ di fronte all’entrata della struttura eolica. 

Ecco la gigantesca pala vista da sotto! 

Per capire quanto e’ grande, guardate questa foto: la pala e’ alta piu’ del doppio di quello che si vede!!! 

 

Finiamo con la stracciatella di mozzarella, che altro non e’ che fili di mozzarella con latte e burro. Vi assicuro che e’ meravigliosa!!! Quella di Andria e’ è piu’ burrosa, saporita, ma piu’ pesante!

Ma non si puo’ finire senza citare questi dolci, che Maria fa in modo divino!!! 

Quelle tonde con il buco sono le cartellate. Sono pasta fritta ricoperta da miele o cioccolata o niente (le mie preferite). Di queste se ne possono mangiare a decine, tanto sono buone (quelle fatte da Maria!!).

Ecco una ricetta presa da:

http://images.google.it/imgres?imgurl=http://lh4.google.com/brilly69/R63m4UDlo-I/AAAAAAAAAbU/KvuY8OI9Tw4/DSCF2467_thumb%255B1%255D&imgrefurl=http://theswancake.blogspot.com/2008/02/cartellate.html&usg=__O7pWl-o3e59xK8sKKyg_DZrxjI8=&h=376&w=463&sz=66&hl=it&start=13&tbnid=AzISuYqeXu_E-M:&tbnh=104&tbnw=128&prev=/images%3Fq%3Ddolci%2Bpugliesi%26gbv%3D2%26hl%3Dit

 

ingredienti:

  • 1 kg. di farina 00

  • 200 g di vino bianco secco

  • Miele

  • vincotto di fichi o vincotto di vino

  • 200 gr. d’olio extra vergine d’oliva

  • Cannella in polvere

  • zucchero a velo

  • 10 gr. di sale

  • acqua tiepida

Mettete la farina sul tavolo da lavoro e fate un buco in mezzo. Nel centro aggiungete il vino intiepidito e l’olio a temperatura ambiente. Sciogliete un pizzico di sale in 50 cl d’acqua tiepida da utilizzare per impastare tutto il composto che non deve risultare né troppo duro né troppo morbido. Fate delle palline da stendere col mattarello; tagliate delle strisce della larghezza di 3 o 4 cm. Piegatele a metà e unite le due strisce ottenute, lasciando alcuni spazi vuoti. Arrotolate le strisce a spirale e fatele riposare per circa 6 ore. Friggete le cartellate in abbondante olio bollente oppure cuocetele in forno. A cottura ultimata immergetele nel vincotto di fichi o di vino o nel miele e spolveratele con la cannella unita allo zucchero a velo o semplicemente con dello zucchero a velo

Quelle a ferro di cavallo sono le sfogliatelle. Qui siamo a livelli di pasticceria!! Dentro c’e’ marmellata, noci, uva passa ed altro. Fuori e’ una pasta delicata ricoperta da zucchero. Mondiali!!

Ma nulla hanno a che vedere con le sfogliatelle napoletane! Altra ricetta!

 

Quelle al centro con la cioccolata si chiamano Mostaccioli.

Ecco una ricetta, non so quanto orginale:

1/2 litro di miele di fichi, farina q.b., 4 uova, g 100 di mandorle, chiodi di garofano la buccia di un’arancia, g 200 di zucchero
Amalgamare il miele di fichi con una quantità di farina sufficiente ad assorbirlo tutto.Aggiungete le uova intere, mandorle tostate spezzettate, chiodi di garofano pestati in un mortaio e buccia di arancia secca pestata, o fresca grattugiata, e lo zucchero.

Con questo composto formate delle schiacciatine rettangolari di media grandezza che passerete nel forno caldo fino a quando avranno acquistato una bella coloritura.

Eccone altri di pasticceria!!

 

Da Minervino abbiamo finito, passo e chiudo.

Vi e’ venuta fame o voglia di visitare il paese??

Se si, andateci e godete della bella vista e dell’aria frizzante che non potete respirare nella vostra citta’. Se avete bisogno di informazioni contattatemi!!!

 

9 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Stefania said, on 11 gennaio 2010 at 8:21 am

    fame e’ dir poco…io poi goloso come sono svengo
    alla sola vista di una pasticceria cosi semplice e sublime…
    non parlaimo del pesce e delal mozzarella….svengooooooooooooo
    il luogo e ‘ molto bello e la somiglianza tra Stefania la sorella e la
    madre e’ impressionante….chissa’ che emozione per lei tornare
    a casa dopo lunghi periodi di assenza dai suoi cari….
    un bacio a tutti

    • quattrovecchiinamerica said, on 18 gennaio 2010 at 11:08 am

      Cara Stefania

      ti leggo solo ora, ma come potrai capire i giorni italiani sono stati molto intensi di emozioni e visite. E di tempo per il blog ce ne era poco!!!
      Ho visto che hai apprezzato la cucina pugliese anche solo per foto!!!

      Le emozioni di Stefania nel rivedere la sua famiglia ed il suo paese sono state intense. Poi devi sapere che quando vai nel sud, non solo si salutano i parenti ma praticamente tutto il paese partecipa aia saluti!!!

      Ti lascio immaginare quante persone abbiamo salutato!!!

      Ciao e ci sentiamo presto.

  2. Letizia said, on 11 gennaio 2010 at 8:23 am

    Salve, la seguo sempre con molto interesse!Complimenti per il suo blog che a mio parere è anche molto istruttivo e non solo interessante!!!
    Ciao!
    Letizia e famiglia

    • quattrovecchiinamerica said, on 11 gennaio 2010 at 8:45 am

      cara Letizia

      grazie tante.

      Noi facciamo solo la cronaca di cio’ che ci accade e lo riversiamo in Italia.

      Conitnua a seguirci .

      Ezio

    • quattrovecchiinamerica said, on 11 gennaio 2010 at 8:50 am

      Cara LEtizia ho dato uno sguardo veloce al tuo blog e credo che a mia moglie piacera’!

      Lei ama tutto quello che e’ arredamento e case. Tutti gli stili!

      Per quanto riguarda non ci resta che piangere e la trilogia di Riotrno al futuro mi trovi in accordo al 100%.

      Ciao Ezio

  3. Gianluca 16 said, on 12 gennaio 2010 at 6:42 am

    le pale eoliche nn sono brutte….roba da pazzi ke gli ambientalisti a volte sono contro gli ecologisti….

    • quattrovecchiinamerica said, on 12 gennaio 2010 at 6:44 am

      Caro Gianluca

      in Italia siamo campioni a dire no, anche quando c’e’ una giusta causa!!

      Ma comunque e’ stato realizzato il parco eolico.

      Ciao Ezio

  4. Daniela said, on 12 gennaio 2010 at 8:03 am

    Ciao Ezio, sono Daniela da Minervino, volevo solo dirti che la foto di zio da sostituire non l’ho ancora trovata, appena ne trovo una te la mando, intanto tu potresti già togliere la foto. Grzie ancora, e dai un bacione ai bambini!!
    a presto

    Daniela

    • quattrovecchiinamerica said, on 12 gennaio 2010 at 8:15 am

      cara Daniela

      la foto e’ stata gia’ tolta.

      Tranquillizza chi sai tu!!!

      Continua a seguirci ed a commentarci dal porfondo dele Murge!!!

      Ciao Ezio


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: