4 vecchi in america

IL TERZO VIAGGIO VERSO HUNTSVILLE, MINUTO PER MINUTO!

Posted in Escursioni-Viaggi by quattrovecchiinamerica on 17 gennaio 2010

 

 

IL TERZO VIAGGIO VERSO HUNTSVILLE, MINUTO PER MINUTO!

 

La porta dell’ascensore che vedete sopra (che sta all’aeroporto di Huntsville), fra qualche secondo si aprira’ e vi mostrera’ il nostro terzo viaggio dall’Italia verso gli States!

Oggi riscrivo piu’ o meno quello che ho scritto nel primo articolo di questo blog: “il viaggio”. Questoperche’ nel primo articolo c’erano delle istruzioni per l’uso , a mio modo di vedere, interessanti, ed i primi tempi il  blog lo seguivano veramente in pochi (i i primi post sono solo  per amatori, come i primi numeri dei fumetti!!).

Quindi voi che avete intenzione di viaggiare verso la meta americana, date un’occhiata a cosa succede ad una famiglia che viaggia verso gli States, con la Delta!!

Il nostro volo e’ shedulato alle 9.45. Sembra tardi, ma e’ veramente presto!!!

Ci svegliamo alle 6.00. Gianluca e Babbo caricano le 5 valigie, i due zaini ed i due carrozzini (!!!) in macchina, noi prendiamo i bimbi e, IN PIGIAMA, li portiamo direttamente in macchina. Partiamo alle 6.45. Qualche minuto lo ho perso per preparare qualche cosa da mangiare (di commestibile, dato che in aereo e’ quasi tutto cattivo!!). Ho portato del prosciutto cotto e crudo gia’ tagliato con dei piattini e delle forchette. Dei maritozzi con la nutella, delle merendine Kinder e dei tarallucci. Inoltre due vasetti di omogeneizzato da 80 g (il cadauno, come direbbe Toto’) di prugna per i bambini.

Arriviamo alle 7.30 al terminal 5. Ricordate che chi vola per gli States, deve andare al terminal 5!! Non e’ nel corpo centrale dell’aeroporto, ma distaccato e le indicazioni sono poche e piccole!!! Le prime volte ci si puo’ perdere!!

Dopo il fallito attentato a Detroit (proprio su un volo della Delta) tutti i TG italiani avevano sbandierato che bisognava andare all’aeroporto almeno 3 ore prima e che i controlli erano severissimi. Che un’ora prima dell’atterraggio tutti i passeggeri dovevano stare in piedi per un fantomatico controllo!!!

Io malfidato ci credevo poco, ma comunque ero un pochettino preoccupato, dato che eravamo li solo 2 ore e 15 minuti prima della partenza!!!

Il terminal era controllato da poliziotti armati fino ad i denti.

Pero’ i controlli mi sono sembrati ancora piu’ blandi del solito.

Ma andiamo in ordine. Arrivati nel terminal c’e’ un primo controllo dei biglietti e del passaporto. Poi si passa in un altro salone, dove si fa il vero e prorpio check in. A questo salone possono accedere tutti, anche chi non parte (di questo non sono sicuro, ma mio padre e’ entrato sempre!!!).

Anche questa volta ci fanno una bella multazza di 150 $ per sovrappeso di una valigia!! Doveva essere di 50 libre, ma era 64!!! Naturalmente tutto sara’ addebbitato a Stefania, che questa volta aveva anche pesato le valigie prima di partire!!!

Avevamo due valigie in sovrappeso e la quinta quasi vuota!!! Insomma la quinta valigia non la hanno fatta pagare (ne avevamo diritto una a testa, quindi 4) ma la valigia in sovrappeso si.

Il ragazzo voleva farmi pagare 150 Euro!! Poi gli ho fatto notare che non piu’ di tre settimane orsono avevo pagato, per lo stesso motivo, 150 $. Allora mi ha detto che si era sbagliato, ma ha aggiunto che  a partire dal 12 Gennaio 2010 tutte le multe saranno di 150 X!!! Cioe’ voleva dire che se sei in Inghilterra pagherai 150 Sterline, in Italia 150 Euro, in USA 150$ e cosi’ via.

A me semra una colossale fesseria, detta per giustificare il fatto che  aveva provato a sfilarmi invece di 150 $ , 150 Euro (che sono ben 220$!!!). 

Fatto il check in, salutiamo babbo, con il solito magone, ed andiamo verso i controlli dei bagagli e personale. Naturalmente non c’e’ ancora in servizio il body scanner!!

Vedendo i passeggini una guardia ci fa passare davanti a tutti ( ma la fila non e’ clamorosa, dato che lo scalo e’ asservito solo ai voli per gli USA, e gli aerei che partono non sono tantissimi!!). Prima dicevo che i controlli sono stati blandi perche’:

– i passeggini non sono stati controllati ai raggi x, come si fa in tutti gli aeroporti del mondo!!!

– il mio computer non e’ stato controllato separatamente, come usualmente si fa!

– ai bambini non sono state fatte togliere le scarpe e fatte passare ai raggi x!

– io avevo dentro lo zaino due vasetti di omogeneizzati alla frutta liquidi, e neanche se ne sono accorti!! Vi ricordo che il limite per i liquidi e’ di 100 ml!! Dentro poteva esserci di tutto, invece delle prugne!!

Passato questo controllino, andiamo alla dogana, dove si esibisce il passaporto ed in 1 minuto si arriva al pulman che ti riporta all’aeroporto vero e proprio!!!

Arriviamo al terminal alle 8.45, dopo circa un’ora ed un quarto dal nostro arrivo!! Altro che 3 ore prima!!!

L’aereo che ci portera’ a destinazione e’ questo possente e stabile  767-400ER della Boing. 

 Sara, in pigiama e pelliccia, che vede il suo aereo dalla vetrata.

Paolo, in pigiama e giaccone di pelle con latte e biscotti in mano, guarda gli aerei che atterrano. 

Prima di entrare in aereo, ci hanno perquisito il corpo, ma naturalmente se avessimo avuto esplosivo nelle parti intime nessuno se ne sarebbe accorto!! 

L’aereo non era poi cosi’ pieno e siamo riusciti a spostarci una fila avanti a quella prenotata, in modo da avere piu’ spazio davanti (infatti davanti a noi non c’era un’altra fila di sedili) e per non distrubare i viaggiatori  davanti. Noi avevamo due posti nella fila centrale (composta da tre posti) ma il terzo era libero e due posti nella fila accanto (composta da due posti).

Poi di dietro alla fila da due posti, c’erano altri due posti liberi e cosi’ ce ne siamo appropriati. Alla fine avevamo 7 posti!!

Notevole perche’ abbiamo potuto gestire ben il viaggio.

Nella fila di dietro da due, ho fatto un lettino per i bimbi, che alternativamente andavano a riposarsi (purtopppo poco!!). Inoltre ci mettevo da bere e da mangiare, perche’ se li avessi messi dove stavamo noi, il rischio di far cadere tutto, con queste due pesti, era altissimo. Stefania, aveva accanto a se un posto vuoto e poteva metterci lo zaino e quant’altro.

 Stavamo proprio sul motore! Ma non si sentiva nulla.

 Qui Paolo che si diverte con i giochini ed il touchscreen!! 

Stefania, la cui foto non e’ pubblicabile, ha dormito 10 ore su 12, un vero record!!! Ed una vera punizione per me che dovevo badare alle due pesti quasi da solo!!

Dato che io in aereo non riesco a dormire (stando seduto), ho imparato a memoria i giornali che danno e li ho trovato il regalo che faro’ a Stefania il prossimo compleanno: “prevent overweight luggage fees”!! Previeni le multe provenienti dal bagaglio in sovrappeso!!! Costa 39.95$, ma e’ sempre megli di multe da 150 $ ogni volta che si parte!!!

Un collega americano mi aveva detto che ora il business delle compagnie non e’ piu’ tanto sul biglietto ma sui bagagli!!! Ed aveva ragione. Prima si potevano portare due bagagli a testa di 25 Kg, ora solo uno se si effettua un volo non nazionale. Mentre su voli nazionali non si puo’ portare neanche quello (e’ consentito solo il bagaglio a mano!!). E le multe , come detto, sono salate.

Dopo 8 ore di viaggio, i bambini mi avevano distrutto e questa era la mia faccia mentre attraversavamo il Labrador!!!

Praticamente imploro pieta’ ai bimbi, dato che Stefania era assente-dormiente!!! 

Questi sono i ghiacci del Labrador 

La rotta che segue l’aereo da Roma e’ stranissima: si passa sopra  Parigi, vicino gli UK, sotto l’Islanda, poi sopra il Canada e poi si rietra negli States passando vicino a Detroit e scendendo decisi verso Atlanta!

Siamo anche passati sopra casa di Marraia a Toronto!! 

Prima di arrivare ad Atlanta ricordatevi di compilare questi  moduli, necessari alla dogana.

Quello verdino serve a chi non ha il visto (turisti di solito), quello bianco  serve a chi ha il visto. I moduli vanno compilati uno per ogni  passeggero.

Mentre il modulo blu deve essere compilato per la dogana dei bagagli. Se siete una famiglia ne basta uno per tutta la famiglia

Fatto cio’ e dopo ben 12 ore di volo potete atterrare!! L’atterraggio e’ stato qualche cosa di fantastico!! L’aereo pur atterrando non ha fatto una piega, ali perfettamente ferme e nessun movimento strano.

La stessa sensazione la avevamo avuta la volta precedente e l’aereo era sempre un 767!!

Per rendervi conto della differenza di grandezza tra l’aeroporro di Fiumicino e di Atlanta (il + trafficato al mondo) ecco le due piantine a confronto!!

 

Guadagnata Atlanta, con qesta rotta di avvicinamento,

vi voglio segnalare questo meravigloso albergo sulle piste dell’aeroporto di Altanta!!!

Questo albergo (Renaissance Concourse Atlanta Airport Hotel – Atlanta) e’ posto direttamente sulle piste dell’Aeroporto di Atlanta e dalle stanze si possono vedere atterrare e decollare gli aerei in transito ad Atlanta!!!

Prezzi normali per gli USA, bassi per l’Italia!

Non ci credete? Guardate la foto sotto! E si dice che sia ben insonorizzato!!

Scesi dall’aereo, inizia la fase + pallosa. Ritirati i passeggini, all’uscita dell’aereo, ci si dirige verso la dogana. Con i documenti preparati in precedenza ed i passaporti, ci si mette in fila (di solito lunga, anche 1 ora a volte, ma ieri cortissima!!) , in attesa che un poliziotto ti chiami.

Se non sei un militare, preparati a lasciare le tue impornte digitali ed il tuo bel faccino alle autorita’ americane!!! Infatti per tutti c’e’ la foto digitale e la registrazione delle impronte digitali!!!

Se non parli italiano, don’t worry, il poliziotto chiamera’ subito un interprete!!

Passata la dogana, bisogna andare a ritirare le valigie, per passare la dogana delle valigie!!!

Il problemo per noi e’ sempre tosto. Infatti oltre i passeggini ed agli zaini, abbiamo sempre un numero di valigie che varia da 4 a 5 !!!!

Altra vista, del mare di bagagli che avevamo!! 

In piu’ i bimbi sono poco collaborativi. Infatti dopo 12 ore incapsulati in un di aereo, hanno voglia di correre, senza pensare che potrebbero perdersi in un niente!!!!

Capite bene che non si possono portare tutte queste cose in due persone!! Allora di solito chiamo un facchino che, per una mancia a piacimento (io gli do 2 $ a valigia), ti porta le valigie attraverso alla dogana (dove potrebbero fermarti per ispezionare le valigie!) e le deposita sul nastro trasportatore che va alla tua citta’ di destionazione. 

Fatto cio’ si ripassa per la security, con controllo personale e dei bagagli a mano ai raggi X. Altra fila.

Qui i controlli sono piu’ accurati e fanno tutto quello che non avevano fatto a Roma!!

Tutto questo porta via da 1 ora a due ore!!!! Quindi il tempo tra un volo ed un altro non dovrebbe essere inferiore a due ore, se si vuole avere un po di respiro!!

Noi avevamo 2 ore e 45 minuti ed inoltre per fare tutto ci abbiamo messo meno di un ora. Allora ci siamo fermati a mangiare al terminale E, dove c’e un mega area con decine di ristoranti, al centro del terminal. Inoltre c’e’ una persona che suona il pianoforte e c’e’ un bar che vende birra alla spina ottima. Per la cronaca in nessun ristorante dell’area si vende birra, se non la!!

Quindi megapanino americano, birra ghiacciata e Mac Donald per i bimbi. Questa volta avevo provato a cambiare ed ho preso delle patate fritte da Airbys. Ottime peccato che c’era un quintale di pepe!! Allora sono tornato da Mac ed ho preso il classico Happy meal!

Ecco i provetti viaggiatori che esibiscono il loro Alvin, premio dell’happy meal!

Ma la loro spavalderia finisce non appena entriamo nel CRJ-200 Bombardier.Il trabiccolo volante che porta direttamente ad Huntsville, in meno di 1 ora di volo!!! 

\

L’interno e’ strettissimo!!

 

I bimbi si schiantano e si risveglieranno solo il giorno dopo, alle quattro di mattina pero’!!! 

Il tempo e’ brutto e l’atterraggio ad Huntsville e’ pessimo! Sembrava che il pilota non riuscisse a stabilizzare l’aereo, il quale e’ atterrato traballando come una foglia!!

Ecco alcune foto dell’aeroporto di HSV, rinnovato di recente. Respirate l’area di tecnolgia (nel senso che la citta’ vive intorno alle societa’ spaziali e missilistiche)  che aleggia nell’aria!! 

 

Questa foto e’ per Piero. Lui potra’ vedere la differenza tra il vecchio aeroporto e quello nuovo. Avendo vissuto prima di me qui per 3 anni!! 

Distrutti arriviamo al nastro bagagli, ma non e’ finita! Un bagaglio manca all’appello. Ma non e’ la prima volta. In 5 minuti faccio la denuncia ed il giorno dopo (oggi!) mi arrivera’ direttamente a casa!! Forse se li perdessero tutte le volte, mi eviterebbero la fatica di caricarli in macchina e di portali per le scale!!!

Fortunatamente due amici ci sono venuti a prendere con due macchine e ci hanno aiutato a “salire” i bagagli a casa!

Inoltre ci hanno comprato del latte, del pollo e del pane per eventuali languori di stomaco!!!

Che carini! Dopo il caffe’ con loro, alle ore 20.00 ci schiantiamo sul letto!!

Per risvegliarci alle 4 di mattina, dato che i bimbi avevano deciso che era ora di svegliarsi!!

Come tutte le volte appena svegli, approffittando della stanchezza nostra, mettono a subbuglio tutta la casa. Infatti tanta e’ la gioia di tornare che sembrano voler toccare tutti i loro giocattoli, come a dire “per 3 settimane non ho avuto i miei giochi, ma ora li ho TUTTI”!!!

La colazione la facciamo alle 5.15!!

Con un maritozzo che ci aveva regalato Isabella prima di partire. Questo e’ l’unico pezzo avanzato dal viaggio!!!

Paolo che fa la sua colazione con maritozzo e latte. 

 

 Concludiamo con le furie distrutte nel letto. Sono andati a dormire alle 18.00.

Questo significa che si sveglieranno, se tutto va bene alle 5.00 (se va bene)!!!

 

36 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. rosadimaggio63 said, on 18 gennaio 2010 at 4:19 am

    Beato te !

    • quattrovecchiinamerica said, on 18 gennaio 2010 at 5:04 am

      CAraRosa

      come sempre dipende dai punti di vista!!

      Iosareirimasto tranquillamente ualche altro giorno in ITalia.

      Anche orche perme tornare significa avorare!!

      Puoi dirmi, e hai voglia , com efai a mettere musica sl tuo blog??
      Cao Ezio

  2. Federica Telloni said, on 18 gennaio 2010 at 7:43 am

    Quel maritozzo faceva gola anche a me che sono a Milano…….anch’io non li trovo qui, nn solo voi in America!!!! Adesso imparo a farmeli da me!! Un grosso bacio a voi tutti!

    • quattrovecchiinamerica said, on 18 gennaio 2010 at 8:59 am

      Cara Fede

      se trovi una ricetta che riesce, facci sapere, perche’ anche noi non riusciamo a farli!!

      Vorrei fare anche delle emrendine tipo kinder colazione piu’ ma non ci riesco. NE sai una??

      Baci Ezio

  3. Stefania said, on 18 gennaio 2010 at 9:25 am

    Ciao bentornati…mi siete mancati…
    se vuoi delle ricette per farti maritozzi
    e kinder col bimby,le trovi sul forum
    di cui ti ho parlato…se avete bisogno fammi
    un fischio…ciao

    • quattrovecchiinamerica said, on 18 gennaio 2010 at 11:12 am

      Cara Stefania oggi invece sono puntuale nel risponderti, non come la volta scorsa!!

      Mi fa piacere che nel sito di cui sei amministratrice-moderatrice o simili ci siano le ricette che da tanto cerchiamo!!

      Mi dovresti ricordare l’indirizzo web, cosi’ vado e non so se ci dobbiamo iscrivere per partecipare alle discussioni.

      Ma le ricette funzionano davvero??

      Perche’ Paolo ha voglia di maritozzi e di merendine kinder brioss, nonche’ di torte al cioccolato (tipo ciambelloni).

      Ci sentiamo presto

      Ezio

  4. Stefania said, on 18 gennaio 2010 at 9:28 am

    dimenticavo…i risultati sono garantiti…

    • quattrovecchiinamerica said, on 18 gennaio 2010 at 11:13 am

      Cara Stefania

      non lo metto in dubbio, ma a volte il risultato dipende dal manico, non dalla ricetta!!

      Provero’ e ti faro’ sapere.

  5. Stefania said, on 19 gennaio 2010 at 1:35 am

    Buongiorno,ecco l’indirizzo del forum
    quisquilie e pinzillachere…devi fare l’iscrizione gratuita naturalmente,
    di ricette ce ne sono mille e piu’ dagli antipasti,ai dolci,alimentazione
    infantile,per intolleranze,per ilbimby,tradizionali,dietetiche,pentola a
    pressione,micronde,video ricette,ricette con le fotografie passaggio per passaggio,
    ricette per pane,pizza,macchina del pane,insomma un infinita.La maggior parte sono gia’ provate,e puoi sempre chiedere consigli alle superesperte.
    un bacio buona giornata

    • quattrovecchiinamerica said, on 19 gennaio 2010 at 5:40 am

      Cara STefania il sito e’ http://quisquilie.mastertopforum.net/ricette-bimby-i-dolci-vf21.html ??

      Credo di si.

      Ma come si trovano le ricette? Devo cercarle una per una o c’e’ un metodo piu’ veloce??

      Forse devo registrarmi per trovare un “cerca”??

      Guardando, senza registrarmi, non trovo cerca.

      Ciao Ezio

    • quattrovecchiinamerica said, on 19 gennaio 2010 at 5:47 am

      CAra Stefania, andavo di fretta e non ho visto che c’e’ un post in cui le ricette sono in ordine alfabetico!!

      CIao Ezio

  6. Stefania said, on 19 gennaio 2010 at 1:48 am

    dimenticavo tral le tante c’e’ una sezione chiamata….
    “tentazioni al cioccolato”….e’ tutto un programma..
    ahahaha…

  7. Stefania said, on 19 gennaio 2010 at 6:41 am

    Ciao Ezio
    si e’ vero ci sono gli indici delle ricette per rendere
    piu’ facilmente consultabili alcune sezioni.Se hai dei problemi
    fammi sapere vi aiuto volentieri

  8. Stefania said, on 19 gennaio 2010 at 6:59 am

    scusa il ritardo nella risposta ma ero al corso di inglese…
    dunque visto che partecipanti di altriforum di cucina
    venivano a mettere zizzania e a rubar ricette spacciandole
    per loro,gli amministratori hanno deciso che era necessaria
    l’iscrizione per partecipare.Una volta fatto poi il login puo’
    girare all’interno del forum liberamente e nel riquadro
    in alto a dx trovi il bottone “cerca”,altro modo e entrare
    nella sezione che ti serve..es.”ricette bimby:i dolci” e scorrere
    le varie ricette.All’inizio come per tutto sembra complicato
    ma poi risulta una passeggiata.Ci tenevo a fari sapere che molte
    delle moderatrici e partecipanti sono del sud e sfoderano
    delle ricette originali di strufoli,maritozzi,baba’,panettone,pandoro,
    pastiera e via dicendo da far concorrenza alle migliori pasticcerie
    fammi sapere se sei riuscito nell’intento,sempre a disposizione
    baci Stefy..
    ps.ammazza quanto si e’ fatto grande Paolo,
    Doppio ps…interessante anche il sito di Lo Conte…
    come stanno ora che sono rientrati?

    • Pietro Lo Conte said, on 19 gennaio 2010 at 1:54 pm

      Mi hai chiamato in causa e… eccomi qui!
      Come stiamo ora che siamo rientrati??? Hai presente la pubblicità di Costa Crociere?
      Beh, soprattutto mia moglie Gianna ci sta molto vicina!
      Già il fatto che prima aggiornavo il sito almeno ogni 48 ore e spesso ogni 24 e ora invece passano mesi prima che riesca a trovare il tempo e l’ispirazione per scrivere qualcosa… la dice lunga.
      Non è una sensazione solo nostra, ma tutti coloro che si sono trovati nella nostra stessa situazione. Dopo 3 o 4 anni di tranquillità, serenità, efficienza, pulizia in tutti i sensi, dentro e fuori di noi, è difficile riambientarsi nel caos, il traffico, il rumore, l’inquinamento, le prepotenze quotidiane degli italiani e dei romani in particolare.
      Oggi, ad esempio, per andare a fare una visita specialistica abbiamo perso 4 ore (dico 4) per raggiungere la clinica (1 ora per percorrere meno di 10 km), trovare parcheggio (1 ora), fare la fila in ambulatorio (malgrado la prenotazione, un’altra ora) e tornare a casa (ancora 1 ora)! Per 10 minuti di visita (220 euro) abbiamo buttato soldi, tempo e salute… Vogliamo tornare ad Huntsvillle!!!!!

    • quattrovecchiinamerica said, on 19 gennaio 2010 at 4:37 pm

      CAra Stefania

      con un solo commento hai scatenato quel taciturno di PIero, che mi sembra abbastanza arrabbiato!!!

      Devi sapere che PIero e’ la persona con cui ho diviso tutto nella carriera militare, a partire dal lontano 1994, in quel di TOrino!!!

      Lui era il mio capo corso ed io il suo vice.

      Abbiamo abitato insieme in varie case e diviso tutto, gioie e dolori!!

      Non ultimo e’ stato il fatto che il suo sostituo ad Huntsville sono stato io!!!

      QUando si dice il destino!!!

      Se leggi i due blog potrai capire le differenze tra i nostri caratteri: lui romantico e contemplativo io pratico e senza peli sulla lingua!!

      Insieme ci siamo sempre compensati bene!!!

      Oggi faro’ l’iscrizione al forum e ti diro’!!!

      Ciao Ezio

    • quattrovecchiinamerica said, on 19 gennaio 2010 at 4:37 pm

      dimenticavo: brava per il corso di inglese, e’ sempre una risorsa in piu’!!!

  9. Stefania said, on 20 gennaio 2010 at 1:18 am

    Buongiorno Ezio…buongiorno Piero…
    avevo capito leggendo che siete molto amici
    e come dici tu Ezio ho notato la vostra differenza
    caratteriale,ma entrambi siete molto simpatici,
    a Piero posso dire che mi sto leggendo i messaggi del forum
    a partire dal primo anno,e mi piace leggere di Francesca,nella
    quale ritrovo il carattere di mia figlia Stella…testarde,intraprendenti
    e precoci nell’apprendere.Quando vi sento parlare della tranquillita’
    di Huntsville vorrei partire insieme alla mia famiglia e non tornare piu’
    Sono stata a Roma ospite di un amica e la prima cosa che mi ha colpito
    e’ la sua bellezza…la seconda il traffico…sto male all’idea di dover
    stare per ore in coda in auto….per me gia’ 15 minuti sono un eternita’…
    capperi sto scrivendo un poema…ahahahah…
    buona giornata famiglia Vecchi…buona giornata famiglia Lo Conte….
    a piu’ tardi

    • quattrovecchiinamerica said, on 20 gennaio 2010 at 6:22 am

      CAra STefania

      leggendo mi hai fatto venire curiosita’. Se si puo’ dire, dove abiti??

      IO mi sono fatto l’idea che abiti in centro ITalia, tipo BOlogna. Od in ALternativa in Calabria!!

      Quanto sono andato lontano???

      PEr la sernita’ , ti posso assicurare che qui si vende a Kg e non si paga!!
      Proprio l’opposto delle nostre cittadine.

      Ma la cosa che e’ piu’ strabiliante e’ l’educazione che qui hanno e che noi ci siamo dimenticati!!

      BAci Ezio

  10. Stefania said, on 20 gennaio 2010 at 4:47 am

    Un esempio di cio’ che puoi trovare nel forum…ciao

    Kinder Delice con bimby:

    Ingredienti facilissima e senza uova

    Ingredienti

    250gr latte
    100gr zucchero
    200gr farina
    50gr cacao
    1/2 bustina di lievito
    300gr di panna

    Preparazione

    Nel boccale:

    250gr latte + 200gr farina + 100gr zucchero + 50gr cacao
    1′ vel.5
    aggiungere
    1/2 bustina lievito
    15″ vel.5
    Versare in uno stampo RETTANGOLARE (io ho usato il rotondo) imburrato e infarinato e cuocere in forno a 160° per 20/25 minuti
    Lasciar raffreddare
    tagliare in due parti
    Nel boccale con farfalla
    300gr panna montare
    2/3 minuti vel.3
    farcire la e cospargere con zucchero a velo

    Vi prego di non guardare la perchè non è venuta molto bene è decisamente bruttina, ma buona….la ricetta originale è della vorwerk e prevede 200 gr di zucchero e 90 di cacao (per me sono troppi)…i 300gr di panna sono giusti perchè lo stampo deve essere RETTANGOLARE…rotonda è brutta e troppo alta per essere un Kinder fetta al latte…lasciata in frigo una notte…e identica all’omonima merendina…
    L’ultima foto é la fetta di fatta in stampo rettangolare
    _________________
    Io non l’ho mai provata ma mi dicono le ragazze che buonissiama…

  11. Stefania said, on 20 gennaio 2010 at 4:51 am

    dimenticavo questa fa parte delle foto ricette
    quindi nel forum trovi anche le foto dei passaggi

    • quattrovecchiinamerica said, on 20 gennaio 2010 at 6:24 am

      Oggi quando torno mi iscrivo e giro nel sito. La mattina quando ho pochissimo tempo (di solito leggo alle 6.15 ed alle 6.30 inizio il rito di preparazione mia e di Paolo, con l’aiuto di Stefanioa mia) e quel poco lo uso per rispondere a chi fa dei commenti sul blog. Poi ultimamente c’e’ anche facebook che mi fa perdere un po di tempo.

      CIao Ezio

  12. Stefania said, on 20 gennaio 2010 at 6:26 am

    Sono lombarda,con precisione abito a Ospitaletto
    un grande paese a pochi km da Brescia…
    Guarda anche qui ormai la maleducazione regna
    sovrana,uno schifo,io non mi ritengo miss educazione,
    ma certe regole sono basilari,altrimenti sarebbe anarchia
    assoluta…ciao

    • quattrovecchiinamerica said, on 20 gennaio 2010 at 1:39 pm

      Cara Stefania

      oggi hanno inaugurato una postazione internet in ufficio, dalla quale si possono consultare i social network.

      E quando e’ libera (pochi minuti algiorno dato che e’ una postazione per una marea di impiegati) si puo’ provare a consultare i social network!!

      Quindi ti rispondo in orari quasi italiani.

      Conosco Ospitaletto, ma pensavo fosse in Liguria e sul mare!!! Forse e’ un’altra o le mie cognizioni di geografia si sono anncquate consultando troppo le mappe americane.

      Per quanto riguarda l’educazione sono d’accordo con te. Dovrebbe essere alla base di tutte le realzioni sociali. Cosi’ come troppo spesso non e’ piu’ da noi. A partire dai politici per finire all’ultimo degli italiani. Ma non diamoci troppe botte intesta ed inziamo ad educare bene i nodtri figli. Cosa non facile!!

      Ciao Ezio

  13. PAOLA said, on 20 gennaio 2010 at 6:27 am

    Caro cugino,
    bentornati in America…..anche se vi preferivo in Italia!!!!
    Ci sentiamo presto e cercherò di mandarti qualche bella foto appena ho un po’ di tempo.
    Vi abbraccio!
    Paola (tua cugina)

    • quattrovecchiinamerica said, on 20 gennaio 2010 at 1:42 pm

      Incredibile ma vero!!

      ANche tu mandi commenti sul bog.

      Ci manca che lo faccia Claudi e siamo al completo!!!

      A parte gli scherzi ci mancate tutti e tanto. IEri ho messo alcune foto del raduno dei pennesi nel mondo su Facebook. Oggi le mettero’ sul blog. Ce ne sono delle belle, anche tue.

      In una sembri una supermaggiorata, degna di tua sorella!!!

      Che ha fatto Fausto di cosi’ magico per ingigantire tali forme!!!

      Pomate russe od Ucraine!!

      BAci Ezio

  14. Stefania said, on 20 gennaio 2010 at 6:32 am

    figurati …ti capisco…anche io sono
    sempre di corsa sveglia alle 6 e via rito
    di preparazione di Stella…di corsa per
    sistemare casa,andare all’asilo,e poi al
    lavoro…ciao

    • quattrovecchiinamerica said, on 20 gennaio 2010 at 1:40 pm

      NOi invece sono due gioni che ci alziamo alle 4.00. Mentre oggi i bimbi hanno deciso di svegliarsi alle 6.00. Orario decente e quasi normale!!

      BAci Ezio

  15. Stefania said, on 21 gennaio 2010 at 1:11 am

    Buongiorno Ezio
    oggi alzata alle 4.30 anche per noi,Stella ha ben pensato
    che fosse un ottimo orario per cominciare a leggere le migliaia
    di libri della sua libreria…e va beh….
    buona giornata a tutta la famiglia…ciao

    • quattrovecchiinamerica said, on 21 gennaio 2010 at 5:58 am

      CIao Stefania

      oggi ci hai fregati, dato che ci siamo svegliati alle 5.30!!!

      Stella sa gia’ cosa deve fare e sembra decisa nelle sue azioni.

      HA la stessa eta’ di Paolo?

      Buona giornata anche a te ed alla bimba

      Ezio

  16. Stefania said, on 21 gennaio 2010 at 6:09 am

    Ciao Ezio,
    speriamo che domani si possa dormire un po’
    di piu’.Stella compie due anni il 2 febbraio,
    ma e’ molto sveglia rispetto all’eta’ anagrafica,
    e’ sempre stata trattata come una persona
    e non come un bambolotto quindi lei si crede
    grande,fa ragionamenti da grandi e parla come i
    grandi.Ama i libri ,ne possiede un infinita,e adesso
    le e’ venuta la fissa per l’inglese,le insegniamo qualche
    parola e frase semplice ogni giorno.Caratterialmente
    e’ una tosta,testarda e determinata,tenerla sotto
    controllo e’ dura,fortuna vuole che abbia appreso
    le prime regole dell’educazione con facilita’e almeno
    per quello in parte stiamo tranquilla,ma e’irremovibile
    sulle sue decisioni…temo il periodo dell’adolescenza
    ahahahha…speriamo bene
    ciao a tutta la famiglia

    • quattrovecchiinamerica said, on 21 gennaio 2010 at 11:33 am

      Cara STefania

      da quello che dici, il carattere di STella sembra uguale a quello di Sara. DEcisa e testarda. Sa quello che vuole e fargli cambiare idea e’ difficilissimo. In questo periodo da il tormento al fratello grande fregandogli tutti i giochi e facendolo imbestialire. Tanto e’ che a volte le prende dal grande!!!

      E’ un continuo litigio!!

      Ma se non fossero cosi’ vispi, sarebbe una noia!!!

      Vai con l’inglese, perche’ i bimbi apprendono velocissimamente!!

      Ciao Ezio

  17. Stefania said, on 22 gennaio 2010 at 2:14 am

    Ciao,
    da quello che ho letto in precedenza di Sara,concordo
    con te,i nostri diavoli travestiti da angelo…hyhy.hyhy..
    sono molto simili.A volte sono gatte da pelare,ma ne vale
    la pena,ripagano in mille modi…
    baci

    • quattrovecchiinamerica said, on 22 gennaio 2010 at 6:41 am

      NOn potrei essere + d’accordo con te, anche se alle volte ti viene voglia di dargli una camomilla!!

      MA se non fossero cosi’ vispi che tristezza sarebbe!!

      POi i miei amici con figli grandi mi dicono che questo e’ il momento giusto per godersi i figli, cioe’ quello in cui tu ancora conti qualche cosa e puoi indirizzarli. Piu’ avanti diventi quasi “nemico”, e’ difficile stabilire un dialogo oltre si e no, e se gli chiedi di venire in vacanza con te dicono di no!!

      MA questa e; la vita ci sono fasi diverse. L’importante e’ saperle viviere bene!!

      BAci Ezio

  18. Stefania said, on 22 gennaio 2010 at 6:48 am

    Da noi si usa dire…” facciamogli fare l’aereoplano
    sul gas”ahahahahahaha.
    Anche a me spessono dicono che questo e’ il momento
    piu’ bello,e solitamente aggiungono…”bambini piccoli…problemi piccoli…
    bambini grandi …problemi grandi”….
    speriamo che facciano tesoro dei nostri insegnamenti
    e diventino brave persone….
    ciao

    • quattrovecchiinamerica said, on 23 gennaio 2010 at 7:06 am

      Io lo spero tanto, ma la cosa che ho notato che fare il padre e la madre, non e’ facile per nulla!

      E poi spesso ci si trova in disaccordo su quello che fare!!

      Bisogna metterci tanto impegno e sperare che il bimbo recepisca e che i suoi futuri amici siano bravi ragazzi!

      Perche’ una buona educazione e’ la base , poi c’e’ la scuola e gli amici che lo potranno condizionare!

      Gli americani dicono wait ‘n see (aspettiamo e vediamo!!)

      Ciao Ezio


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: