4 vecchi in america

LE CONTRADDIZIONI AMERICANE IN UN TRANQUILLO VENERDI’ DI PAURA A MADISON!!

Posted in Uncategorized by quattrovecchiinamerica on 7 febbraio 2010

           

LE CONTRADDIZIONI AMERICANE

IN UN

 TRANQUILLO VENERDI’ DI PAURA A MADISON!!       

 

  

In questi 18 mesi ho sempre descritto Huntsville e Madison (due citta’ attaccate, che praticamente sono solo una!)  due citta’ tranquille, senza violenza e costruite per le famiglie. Continuo a pensarla cosi’, ma qualche dubbio in piu’ lo ho, dopo quello che e’ successo Venerdi’ in una scuola media di Madison!

Venerdi’ alle 1.45  PM, mentre gli sudenti stavano muovendosi all’interno della scuola durante il cambio di ora, un ragazzo delle scuole medie (di cui viene tenuto nascosto il nome)  ha tirato fuori una pistola dalla tasca. Con calma l’ ha puntata alla nuca di un suo compagno di classe ed ha sparato, colpendolo in piena testa!

Dopo di che, con calma ha rimesso la pistola nel suo giubotto e se ne e’ andato via, come se niente fosse accaduto!

Il povero ragazzo colpito, e’ stato trasportato subito all’ospedale, dove e’ morto alle 4.00 PM (ma i giornali e le tv lo hanno detto solo alle 8.00PM). Mentre l’assassino veniva arrestato, senza opporre resistenza, ad un agenta della sicurezza della scuola.

Questo sotto e’ quello che ha detto un ragazzo che ha assistito alla sparatoria:

“He came up from behind Todd, pulled the gun out of his jacket pocket, put it to the back of his head and shot it,” Sims said. “Then he lowered the gun, cocked it again and walked away like nothing happened … creepy.” 

Immaginate i genitori dei ragazzi di quella scuola cosa hanno passato, dal momento in cui hanno appreso la notizia (via twitter, fcebook e SMS), a quando hanno rivisto sani e salvi i loro figli!! Non voglio neanche immaginare le  paure, le trepidazioni ed i pensieri di quei momenti.

 

Gia’ vi avevo detto che nelle scuole americane si fanno delle esercitazioni, nel caso succedano eventi simili. Ma mentre lo scrivevo, pensavo a quanto fossero esagerati gli americani.

Ora non lo penso piu’!

Appena successo il fatto la scuola, tramite gli altoparlanti, ha immediatamente annunciato il Codice Rosso.

Quando si annuncia il codice rosso, immediatamente si sa di essere in serio pericolo. Gli insegnanti sono stati istruiti (ed i ragazzi fanno delle prove durante l’anno) a chiudere a chiave la porta della classe, dal di dietro, portare i ragazzi nella parte piu’ lontana dalle finestre/dalle porte, farli riparare sotto i banchi ed aspettare che tutto sia finito! 

 

 

Nel frattempo i genitori si erano precipitati da Huntsville e Madison verso la scuola, radunandosi fuori dalla scuola. Naturalmente non potevano fare nulla, dato che la polizia aveva bloccato tutto, se non aspettare, pregare e mandare degli SMS!!

 

Questa in sintesi e’ la tragedia che ha colpito la citta’ di Madison.

Oltre a scioccare tutti, l’avvenimento ha toccato anche la comuita’ italiana, dato che due ragazzi italiani vanno in quella scuola. Ed uno di questi ha assistito alla sparatoria!!!

Sabato sera siamo andati a mangiare con vari amici italiani, e c’erano anche i due ragazzi che stavano nella scuola al momento della sparatoria.

Dopo essermi assicurato che avessero voglia di parlare del fatto, ho chiacchierato con loro (in specialmodo con una ragazza di 13 anni, che per intelligenza e sensibilita’ ne dimostra 16!) e mi sono fatto dire le loro sensazioni e la loro versione dei fatti.

Dalla versione dei testimoni come e’ stato ammazzato il ragazzo e’ esattamente cio’ che e’ riportato dai giornali. Cio’ che non c’e’ scritto e’ che il ragazzo che ha ucciso, era gia’ stato allontanato da un’altra scuola, per comportamenti violenti. Era di origine araba (ma questo non vuol dire nulla) ed era in fase depressiva.

Infatti lo si vedeva spesso con la faccia assente. Al tempo stesso si dice facesse parte di un gang, che pare volesse saldare un conto con la gang del povero ragazzo ucciso (che era un ragazzo simpatico, allegro e sempre sorridente).

Certo che sentirsi raccontare il fatto da due tredicenni, sentire le loro sensazioni e guardarli in faccia mentre cercano di esprimere i loro sentimenti, fa tenerezza e tristezza allo stesso tempo. Tenerezza perche’ sono cosi’ ingenui, e tristezza perche’ prima del tempo hanno dovuto passare un’esperienza che spero dimenticheranno presto!!!

Tutto questo mi fa pensare alle contraddizioni enormi che ci sono in questo paese (gli USA).

Le scuole come detto sembrano degli orologi svizzeri. Tutto funziona, ci sono regole e procedure per ogni cosa. Non si possono indossare felpe con cappucci e cappelli, perche’ le telecamere a circuito chiuso altrimenti non possono riconoscerti. Non si possono portare jeans con i buchi. Non si possono portare gonne troppo sopra al ginocchio …………………

In classe e dentro la scuola i professori esigono un rispetto di altri tempi (per noi !).

Questo lo vedo fin dalla Kindergarden. I ragazzini alle 7.30 sono tutti seduti lungo i corridoi della scuola, con una maestra che li guarda, che li fa leggere il libro e che li fa rigare dritti, alla stregua di piccoli galeotti. E se sgarrano sono rimproveri!!!

Insomma tutti devono rispettare le regole! Se non lo fai cartellini gialli, rossi e viola (massimo grado di punizione!!).

In questo modo io credo che i bimbi/ragazzi  in qualche modo siano un pochettino repressi e non spontanei. Non riescano a sfogare l’esuberanza e l’esplosivita’ della gioventu’.

Magari ci mettiamo anche una famiglia che segue poco il figlio, delle amicizie poco raccomandabili ed ecco che nasce il potenziale assassino!!

Naturalmente queste sono osservazioni da bar, ma credo non siano molto lontane dalle verita’.

La reazione degli adulti e’ stata quella di piangere, pregare ed invocare i metal detector.

 

Cosa assolutamente comprensibile, dopo un crimine cosi’ violento.

Ma a nessuno viene in mente il fatto che oltre a pregare, piangere ed iniziare dibattiti mediatici e nelle scuole, su come fronteggiare il problema (gia’ Sabato ed anche oggi ci saranno dibattiti pubblici, in varie scuole per capire cosaci sia bisogno di fare. Metal detector, piu’ controlli, piu’ famiglia nella vitadei figli …..), ci sarebbe da pensare al fatto che in Alabama (ed in molti altri stati americani) e’ troppo  facile comprare le armi!!

E questo lo avevo gia’ evidenziato in un post precedente, spiegando bene che se una persona volesse comprare armi e proiettili in Alabama, ci metterebbe al massimo una settimana (ma ci vuole in realta’ al massimo due giorni!).

Non si vede una tetta neanche a pagarla, non si puo’ bere la birra fino a 21 anni e dopo i 21 anni  non te la puoi gustare bevendola per strada. Il sesso, tra marito e moglie (!!), in certi  Stati e’ severamente punito, in certe sue forme e manifestazioni (che nella maggiorparte delle nazioni occidentali sono assolutamente normali).

Ecco le contraddizioni che escono fuori.

Controlli spasmodici  nelle scuole su come si vestono i ragazzi, non vedi una minigonna neanche a pagarla, i bambini non possono fare la pipi’ all’aperto (come se fossero degli adulti), non si possono fare determinate pratiche sessuali tra marito e moglie (pena la cella, a volte), non si puo’ bere alchool fino a 21 anni ed anche dopo i 21 anni non si puo’ bere liberamente una birra per strada, censura ssoluta sui nudi in TV (che non e’ male, ma se ci si limita ad una tetta in TV non e’ un dramma!), i ragazzi sotto i 16 anni non possono entrare nei mall da soli, polizia severissima per ogni infrazione,  ……………… E si potrebbe continuare per molto.

Tutte cose che rendono la societa’ americana piu’ vivibile (anche se le persone forse sono un po’ represse!), ma poi la patente la puoi avere a 16 anni, in California la Marjiuana e’ legale e le armi le puoi comprare facilmente, cosi’ come compri un telefonino!!!

Allora i pianti disperati e le preghiere di tanti americani, distrutti dal dolore per la perdita di un ragazzo sono comprensibili, ma anche inutili.

Dato che non serve solo piangere o pregare, ma serve cercare di capire perche’ succede questo.

Ed uno dei motivi secondo me e’ che le armi si vendono troppo facilmente.

 

Questo commento lo ho postato ad un forum del giornale di Huntsville:

I am completelly astonished from this news!!
No one kid (and people in general) has to die in this way!!!
I really feel close to the Todd’s family. I cannot imagine the pain for their kid.
I am from Italy and I have been living in this beautiful city since July 2008!! Everything seemedwas  perfect since I got this bad, bad news.
But even if all of us have to be sad, we have to ask ourselves why is very very easy purchase a gun!! Easy as buying a football ball!
In Europe is much more complicated buy a gun.
Here in USA, and in Alabama seems the opposite.
I can understand all the feelings, but we do not have to cry, without thinking that the guns don’t have to sell so easily.

The law is too gunfriendly, and these are the consequences.

I know that even with a more restrictive law, a school shooting could happen, but more more not likely!!!

Again pray for the poor kid and hope for amore restrictive gun law.

Le risposte che ho ricevuto sono state diverse, ma nessuna mi ha chiaramente detto che era d’accordo sul fatto di dover fare una legge piu’ severa per la vendita delle armi. Chi dava la colpa alla famiglia del ragazzo assassino, chi la colpa al venditore di armi, chi alla mancanza di metal detector nelle scuole, ma nessuno che si sai chiesto perche’ e’ cosi’ facile comprare armi!!! 

 

 

Per la cronaca il ragazzo rischia di farsi 30 anni in prigione se lo processano come un adolescente e la sedia elettrica se lo processano comeun adulto. Casi simili sono  accaduti in Alabama!!

La cosa che poi colpisce (ma non me) e’ che le scuole  di Madison sono notoriamente le piu’ ben frequentate e quelle in cui si fa a gara (leggi si cambia casa, per entrare nella loro school district) per mandarci i propri figli!! Forse da oggi un po di meno e si rivaluteranno le scuole di Huntsville (dove va a scuola Paolo e Sara!!).

 

 

 

Inoltre ho provato a guardare una statistica sulle sparatorie nelle scuole nel mondo ed in USA. Ecco la strabiliante e preoccupante statistica USA!!!

Name  

Location  

Date  

Year  

Death toll  

University of Texas at Austin massacre

Austin, Texas, United States

August 1

1966

15

SC State killings1

Orangeburg, South Carolina, United States

February 8

1968

3

Kent State shootings1

Kent, Ohio, United States

May 4

1970

4

Jackson State shootings1

Jackson, Mississippi, United States

May 14-15

1970

2

Olean High School shooting1

Olean, New York, United States

December 30

1974

3

California State University, Fullerton massacre

Fullerton, California, United States

July 12

1976

7

Cleveland Elementary School shooting

San Diego, California, United States

January 29

1979

2

Parkway South Middle School shooting

Manchester, Missouri, United States

January 20

1983

2

Portland Junior High School shooting

Portland, Connecticut, United States

December 10

1985

1

Goddard Middle School shooting

Goddard, Kansas, United States

January 21

1985

1

Pinellas Park High School shooting

Pinellas Park, Florida, United States

February 11

1988

1

Hubbard Woods School shooting

Winnetka, Illinois, United States

May 20

1988

1

Atlantic Shores Christian School shooting

Chesapeake, Virginia, United States

December 16

1988

1

Cleveland School massacre

Stockton, California, United States

January 17

1989

6

University of Iowa shooting

Iowa City, Iowa, United States

November 1

1991

6

Simon’s Rock College of Bard shooting

Great Barrington, Massachusetts, United States

December 14

1992

2

Palo Duro High School shooting

Amarillo, Texas, United States

September 11

1992

0

Lindhurst High School shooting

Olivehurst, California, United States

May 1

1992

4

Edward Tilden High School shooting

Chicago, Illinois, United States

November 20

1992

1

Wauwatosa West High School shooting

Wauwatosa, Wisconsin, United States

December 1

1993

1

Reseda High School shooting

Reseda, California, United States

February 22

1993

1

East Carter High School shooting

Grayson, Kentucky, United States

January 18

1993

2

Amityville High School shooting

Amityville, New York, United States

February 1

1993

1

Wickliffe Middle School shooting

Wickliffe, Ohio, United States

November 7

1994

1

Grimsley High School shooting

Greensboro, North Carolina, United States

October 12

1994

1

Richland High School shooting

Lynnville, Tennessee, United States

November 15

1995

2

Blackville-Hilda High School shooting

Blackville, South Carolina, United States

October 12

1995

2

San Diego State University shooting

San Diego, California, United States

August 15

1996

3

Hetzel Union Building shooting

State College, Pennsylvania, United States

September 17

1996

1

Hamilton High School shooting

Scottdale, Georgia, United States

February 2

1996

1

Frontier Middle School shooting

Moses Lake, Washington, United States

February 2

1996

3

Pearl High School shooting

Pearl, Mississippi, United States

October 1

1997

2

Heath High School shooting

Paducah, Kentucky, United States

December 4

1997

3

Bethel Regional High School shooting

Bethel, Alaska, United States

February 19

1997

2

Westside Middle School shooting

Jonesboro, Arkansas, United States

March 24

1998

5

Thurston High School shooting

Springfield, Oregon, United States

May 20

1998

2

Parker Middle School dance shooting1

Edinboro, Pennsylvania, United States

April 24

1998

1

Heritage High School shooting

Conyers, Georgia, United States

May 20

1999

0

Fort Gibson Middle School shooting

Fort Gibson, Oklahoma, United States

December 6

1999

0

Columbine High School massacre

Littleton, Colorado, United States

April 20

1999

15

University of Arkansas shooting

Fayetteville, Arkansas, United States

August 28

2000

2

Lake Worth Middle School shooting

Lake Worth, Florida, United States

May 26

2000

1

Buell Elementary School shooting

Mount Morris Township, Michigan, United States

February 29

2000

1

Santana High School shooting

Santee, California, United States

March 5

2001

2

Granite Hills High School shooting

El Cajon, California, United States

March 22

2001

0

Martin Luther King, Jr. High School shooting

Manhattan, New York, United States

January 15

2002

0

Appalachian School of Law shooting

Grundy, Virginia, United States

January 16

2002

3

Rocori High School shooting

Cold Spring, Minnesota, United States

September 24

2003

2

Red Lion Area Junior High School shootings

Red Lion, Pennsylvania, United States

April 24

2003

2

John McDonogh High School shooting

New Orleans, Louisiana, United States

April 14

2003

1

Case Western Reserve University shooting

Cleveland, Ohio, United States

May 9

2003

1

Fairleigh Dickinson University shooting

Florham Park, New Jersey, United States

April 4

2004

2

Columbia High School shooting

East Greenbush, New York, United States

February 9

2004

0

Red Lake Senior High School massacre

Red Lake, Minnesota, United States

March 21

2005

8

Campbell County High School shooting

Jacksboro, Tennessee, United States

November 8

2005

1

Weston High School shooting

Cazenovia, Wisconsin, United States

September 29

2006

1

Platte Canyon High School shooting

Bailey, Colorado, United States

September 27

2006

2

Pine Middle School shooting

Reno, Nevada, United States

March 14

2006

0

Orange High School shooting

Hillsborough, North Carolina, United States

August 30

2006

1

Essex Elementary School shooting[12]

Essex, Vermont, United States

August 24

2006

2

Amish school shooting

Nickel Mines, Lancaster County, Pennsylvania, United States

October 2

2006

6

Virginia Tech massacre

Blacksburg, Virginia, United States

April 16

2007

33

University of Washington shooting

Seattle, Washington, United States

April 2

2007

2

SuccessTech Academy shooting

Cleveland, Ohio, United States

October 10

2007

1

Henry Foss High School shooting

Tacoma, Washington, United States

January 3

2007

1

Delaware State University shooting

Dover, Delaware, United States

September 21

2007

1

Northern Illinois University massacre

DeKalb, Illinois, United States

February 14

2008

6

Mitchell High School shooting

Memphis, Tennessee, United States

February 11

2008

0

Louisiana Technical College shooting

Baton Rouge, Louisiana, United States

February 8

2008

3

Henry Ford High School shooting

Detroit, Michigan, United States

October 16

2008

1

E.O. Green School shooting

Oxnard, California, United States

February 12

2008

1

Dillard High School shooting

Fort Lauderdale, Florida, United States

November 12

2008

1

Davidson High School Shooting

Mobile, Alabama, United States

March 9

2008

1

Central High School shooting

Knoxville, Tennessee, United States

August 21

2008

1

2008 University of Central Arkansas shootings

Conway, Arkansas, United States

October 27

2008

2

Wesleyan University1

Middletown, CT, United States

May 1

2009

1

Skyline College shooting

San Bruno, California, United States

September 2

2009

0

Northern Virginia Community College

Woodbridge, Virginia, United States

December 8

2009

0

Larose-Cut Off Middle School shooting

Larose, Louisiana, United States

May 18

2009

1

Henry Ford Community College shooting

Dearborn, Michigan, United States

April 10

2009

2

Harvard University

Cambridge,Massachusetts, United States

May 18

2009

1

Deer Valley High School shooting

Antioch, California, United States

September 16

2009

0

Atlanta University Center

Atlanta , Georgia, United States

September 3

2009

1

Discovery Middle School

Madison, Alabama, United States

February 5

2010

1

Negli anni ’70 ed ’80  5 casi di sparatorie, per decade. Negli anni ’90 circa 30! Nella prima decade del 2000 siamo gia’ a 50!!!

Un aumento preoccupante e pericoloso, specialmente se paragonato con le statistiche di sparatorie in Europa. 

Name  

Location  

Date/Year  

Death toll  

Bremen school shooting

Bremen, Germany

June 20, 1913

5

Eppstein school shooting

Eppstein, Germany

June 3, 1983

6

Raumanmeri school shooting

Rauma, Finland

January 24, 1989

2

Colston’s School

Bristol, England

March 5, 1991

0

Aarhus University Shooting

Aarhus, Denmark

April 4, 1994

3

Dunblane massacre

Dunblane, Scotland

March 13, 1996

18

Erfurt massacre

Erfurt, Germany

April 26, 2002

17

Coburg shooting

Coburg, Germany

July 3, 2003

1

Terra College

The Hague, Netherlands

January, 2004

1

Grund- und Hauptschule von Rötz shooting

Rötz (Oberpfalz), Germany

March 7, 2005

0

Geschwister Scholl School attack

Emsdetten, Germany

November 20, 2006

1

Jokela school massacre

Tuusula, Finland

November 7, 2007

9

Kauhajoki school shooting

Kauhajoki, Finland

September 23, 2008

11

Winnenden school shooting

Winnenden, Germany

March 11, 2009

16

Kanebogen elementary school shooting

Harstad, Norway

April 28, 2009

0

University of Pécs shooting

Pécs, Hungary

November 26, 2009

1

Leggendo la tabella si nota che nella prima decade del 2010 in Europa ci sono stati “solo” 10 casi di sparatorie in scuole, la maggior parte in Germania e nessuno in Italia!! 

Certo dalle statistiche non si puo’ estrarre la verita’ esatta, ma il trend delle sparatorie nelle scuole e’ nettamente e pericolosamente a favore della societa’ americana. Questo dovrebbe far pensare un po’ sulla policy da adottare nella vendita delle armi.

E speriamo di non vedere piu’ queste scene all’entrata delle scuole. Deprimente per i ragazzi, preoccupante per i genitori ed indice di una societa’ all’ultima spiaggia!!!

Ad Obama la soluzione del caso, anche se ha molte rogne da risolvere in questo periodo, non ultima l’avventura sulla luna del 2020, che ha cancellato dai finanziamenti, con notevoli proteste della comunita’ spaziale di Huntsville!!!

Resta il fatto che quanto accaduto e’ una preoccupazione in piu’, che la comunita’ di “emigranti” italiani si trova a dover fronteggiare!!  

6 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Stefania said, on 8 febbraio 2010 at 1:30 am

    Buona settimana famiglia Vecchi,stae bene?
    Che brutta notizia,queste situazioni sono
    molto dolorose e danno molto da pensare
    Credo tu abbia sollevato una questione che
    da molto da pensare e discutere,io stessa mi
    sono sempre chiesto perche’sia cosi facile comprare
    armi in America.Purtroppo situazioni del genere
    diventerannò sempre più frequenti,visto lo stato
    attuale delle cose,troppa violenza che chiama
    altra violenza spinta dalla “legge del far west”
    Forse sarebbe il caso di permettere ai ragazzi sotto
    i 16 anni di entrare da soli in un Mall piuttosto che
    permettere di comprare armi come se si comprassero mele….
    un bacio a tutti
    Stefy

    • quattrovecchiinamerica said, on 8 febbraio 2010 at 5:11 pm

      Cara Stefania bentornata

      hai visto che casino!!

      Proprio oggi parlavo con dei colleghi americani del fatto e loro mi confermavano che il fatto di vendere le armi facilmente non e’ la causa del tragico evento.

      Loro sono convinti che le armi se nonsi comprano si trovano sul mercato nero!

      Sicuramente e’ cosi’ , ma io gli ho fatto notare che questo vale per idelinquenti, non per i ragazzi che esconoditesta, trovano un’arma in casa e vanno scuola per fare un massacro!!

      Ma loro sono difficili da convincere. E come dargli torto, dato che sono stati abituati acrescere con le armi in pugno. Ancora oggiin Texas si possono portare le armi nel giubotto senza problemi!!!

      Comunque il problema e’ compicato da capire ed ha molte sfaccettature.

      Resta il fatto che e’ molto triste quanto accaduto.

      Ma cerchiamo di pensare ad altro. Nei prossimi post cerchero’ di mettere qualcosa di + allegro!!

      Ciao Ezio

  2. Luigi said, on 8 febbraio 2010 at 7:05 am

    Cncordo pienamente con quanto scritto…ma tieni presente che a Roma all’Università è stata uccisa Marta Russo, poi da noi tra i giovani/giovanissimi va di moda il coltello…poi in Italia le scuole al massimo crollano (vedi San Giuliano e Moncalieri), quindi Paese che vai….Ciao Luigi

    • quattrovecchiinamerica said, on 8 febbraio 2010 at 5:16 pm

      Caro Luigi

      non metto in dubbio che paese che vai , arma che trovi. Ma a mia mente (e sono passati 30 anni!!!!) a scuola non c’erano tutti questi problemi. Al massimo trovavi quello che te le suonava!!

      Ma gli anni cambiano molte cose. Cosi’ come la Societa’ ha cambiato molto i giovani!!

      Discorso troppo lungo da affrontare in un commento, ma interessante. Dicevo a Stefani che gli americani continuano ad essere convinti che la vendita facile di armi non sia la causa dell’accaduto. Ed inoltre sono convinti che il ragazzo debba essere giudicato “as an Adult”. cosa possibilissima in americaed impossibile in Europa!!

      Cosi’ rischierebbe la pena di morte!!!!

      Ciao Ezio

  3. Gianluca 16 said, on 8 febbraio 2010 at 7:26 am

    ciao Ezio, brutta notizia….forse è troppo facile comprare armi in alabama…..cero ke
    Virginia Tech massacre
    Blacksburg, Virginia, United States
    April 16
    2007
    33 morti in un solo giorno sono veramente tanti……in Italia nelle scuole medie, ma anke in quelle superiori nn siamo a questi livelli avremo anke scuole che cadono a pezzi, un alto tasso di criminalità organizzata ma fortunatamente non accade ke un ragazzo di 13 vada ad uccidere un compagno di classe…per di + dentro ad una scuola…….hai sentito delle esplosione della centrale a turbogas in conneticut?, peno male ke non era una centrale nucleare…..ciao

    • quattrovecchiinamerica said, on 8 febbraio 2010 at 5:18 pm

      Ciao Gianluca

      concordo con te che in Italia i problemi sono diversi.

      Le scuole sono orrende c’e’ casino ovunque, ma non esistono pazzi che vanno a scuola per uccidere!!

      Proprio ieri ho letto la notizia della centrale nel Connecticut.

      Non parliamo di centrali nucleari, perche’ ne abbiamo una dietro casa!!!

      Ciao Ezio


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: