4 vecchi in america

FIOCCHI DI NEVE, INESATTEZZE GIORNALISTICHE E GIRELLE DI NUTELLA AD HUNTSVILLE

Posted in Ristoranti e cucina, Usi e costumi, weather by quattrovecchiinamerica on 14 febbraio 2010

FIOCCHI DI NEVE, INESATTEZZE GIORNALISTICHE

E GIRELLE DI NUTELLA

 AD HUNTSVILLE

 

Questa mattina ci simao svegliati verso le 8.00 ed abbiamo trovato una bella sorpresa: la neve a fiocchi grossi ad Hutnsville.

A dire la verita’ sono giorni che fa freddo e nevica, ma i fiocchi erano piccoli e duravano poco!

Oggi invece i fiocchi sono stati tipo quelli della Val Gardena, grossi e soffici!!

A dire la verita’ non e’ durata molto, al massimo mezz’ora, ma e’ stato bellissimo.

Dovrebbe nevicare di nuovo questa sera e domani mattina presto. Poi il freddo per altri due giorni (-8 gradi Celsius), poi forse la perturbazione fredda ci lascera’!!

E sarebbe ora!!!

 

Per chi ha seguito la sparatoria di Sabato, ci sono delle novita’.

1) La biologa, Amy Bishop,  20 anni orsono aveva ammazzato il fratello (nel Massachussets), sparandogli sempre con una pistola (alcuni dicono fucile)!! Per questo fatto non fu condannata, dato che la giuria aveva sentenziato fosse stato un avvenimento casuale e non volontario!!!

Vi lascio immaginare il caos giornalistico che si sta creando qui, nell’america giustizialista. TV e giornali stanno incolpando la polizia ed i giudici del Massachussets, rei di non aver fatto il loro dovere (secondo il punto di vista dell’Alabama!!). Inoltre il suo incartamento giudiziario e’ sparito!! Un giallo!

Certo che aveva un “background”, non proprio positivo, da tenere a mente!!

2) Naturalmente e’ stata incriminata e rischia (quasi sicuramente) la sedia elettrica o l’iniezione letale (questi sono i due metodi vigenti in Alabama, per chi riceve la pena capitale). Vi ricordo che qui vige la pena capitale (come in altri 38 stati americani!!).

3) Dei tre feriti nella sparatoria, uno sta bene ed  e’ stato dimesso dall’ospedale. Mentre gli altri due sono ancora gravi!

Questo e’ la cronaca.

Per curiosita’ sono andato a vedere le notizie che i quotidiani italiani hanno riportato, di questo avvenimento.

Ed ho notato alcune inesattezze + un errore tragicomico.

Dato che fuori fa freddo e non si puo’ uscire andiamo a vederle.

1) Dal Corriere della sera:

BIRMINGHAM (ALABAMA) – Una laurea di prestigio ad Harvard, un inizio di carriera brillante come insegnante all’Università di Huntsville, in Alabama. Ma quando ha saputo di non essere stata confermata alla cattedra di biologia, ad Amy Bishop sono saltati i nervi. Ha impugnato un fucile, ha sparato contro i colleghi. È nata così l’ennesima strage in un campus Usa: tre persone sono morte, altre tre sono rimaste ferite, due delle quali in modo grave. La donna, 40 anni, è stata arrestata e adesso rischia di finire la sua vita su una sedia elettrica.

TEMEVA IL LICENZIAMENTO – Insegnante precaria e ricercatrice, Amy Bishop era molto conosciuta alla facoltà di biologia di Huntsville. Assieme al marito Jim Anderson, nel 2006, aveva perfezionato un incubatore per la coltivazione di cellule staminali, che le aveva fruttato un premio di 25 mila dollari. Secondo alcuni testimoni, la donna avrebbe sparato mentre era in corso un seminario di biologia in uno dei dipartimenti dell’università. A scatenare la furia della docente sarebbe stata la notizia che non avrebbe ottenuto la cattedra per il prossimo anno accademico, rischiando dunque il licenziamento. Il portavoce dell’ateneo, al quale sono iscritti circa 7.500 studenti, ha spiegato che assieme alla donna è stato fermato anche un uomo, come «persona informata dei fatti». Ma nessuna accusa è stata formulata a suo carico, mentre la docente è stata accusata di omicidio. Le vittime erano tutti colleghi di Amy Bishop, come i due feriti più gravi. La sesta persona coinvolta è invece un dipendente dell’università. Nessuno studente è rimasto ferito. La polizia ha isolato il palazzo della strage, avvenuta attorno alle 4 del pomeriggio (le 23 in Italia), e ispezionato le classi del dipartimento di scienze a matematica. Un dottorando, Erin Johnson, racconta di aver sentito spari e urla mentre studiava nella facoltà di biologia. La polizia è intervenuta rapidamente mettendo in sicurezza il dipartimento. Tutti gli studenti sono stati evacuati.

PORTO D’ARMI – Questa sparatoria è l’ultima di una lunga serie nei campus degli Stati Uniti, Paese in cui il dibattito sul porto d’armi continua a dividere la politica e la società civile. La sparatoria più sanguinosa ha avuto luogo in un’università della Virginia, il 16 aprile 2007, quando uno studente ha ucciso 32 persone prima di suicidarsi. (Fonte Agenzia Ap-Apcom)

Qui le inesattezze sono minime. Infatti la donna ha 44 anni ed ha sparato con una pistola 9 mm!

2) Dal Corriere el Ticino

A due giorni dai fatti, intanto, emergono ulteriori particolari sulla vita della docente americana. A sedici anni, infatti, Amy Bishop aveva già ucciso (in modo involontario, secondo l’inchiesta di allora) suo fratello. Partì un colpo di fucile accidentale dell’arma che custodiva il padre in casa. Il ragazzo non ebbe scampo. E la donna, ancora minorenne, fu prosciolta da ogni accusa essendo stata esclusa l’intenzionalità del gesto. L’incarto che riguardò quel caso, tuttavia, sparì nel nulla. E ora c’è chi sospetta che anche quella morte di un familiare non fu casuale. Amy, questo è certo, per la strage di due giorni fa, ora rischia la sedia elettrica.

Anche qui siamo ad errori minimi, infatti all’epoca dell’uccisione del fratello aveva 19 anni!

3) La Repubblica 

 ALABAMA – Tre morti e diversi feriti “in condizioni critiche”. E’ il bilancio provvisorio dell’ennesima sparatoria in un campus universitario Usa. Questa volta è avvenuta nello Shelby Center, il palazzo che ospita la facoltà di matematica e biologia, dell’università di Alabama ad Huntsville. Ad aprire il fuoco sarebbe stata, secondo le prime notizie arrivate dal portavoce del sindaco, una donna. L’assassina è una docente di trentanni circa che ha cominciato a sparare appena ha saputo di non essere stata confermata alla cattedra di professoressa dell’istituto. Le tre vittime sarebbero anch’esse dipendenti dell’Ateneo. La donna è già stata catturata.

A parte i diversi feriti, che vuol dire che neanche hanno letto le notizie che i giornali locali davano minuto per minuto, c’e’ sempre l’eta’ che non e’ giusta. Mi inizia a venire un dubbio” ma che tutti i giornalisti copino le notizie dal primo che le scrive, senza leggere ed approfondire la notizia!!

4) Libero

Tre morti e tre feriti. E’ questo il bilancio di una sparatoria all’Università dell’Alabama a Hunstville. Ad aprire il fuoco nello Shelby Center dell’Ateneo, intorno alle 16 ora locale (23 in Italia) è stata un’insegnante. Amy Bishop, 30 anni,  era furiosa quando ha saputo che non sarebbe stata confermata alla cattedra di biologia e così ha impugnato il fucile e sparato contro i colleghi, nel palazzo che ospita la facoltà di matematica e scienza. Secondo alcuni testimoni, la strage sarebbe avvenuta proprio mentre era in corso un seminario di biologia.
La donna è stata arrestata e rischia di essere giustiziata su una sedia a rotelle. 

Oramai si e’ capito che tutti si sono copiati  le notizie sui 30 anni e sul fucile, sbagliate!! Ma che la biologa rischi di essere giustiziata su una sedia a rotelle, questa non la volevo leggere!!! Fa ridere solo a pensarla, anche se tragicomica!!!

5) Il Secolo XIX

Amy Bishop, la professoressa di biologia che ha ucciso tre persone all’Università dell’Alabama a Huntsville, è stata formalmente accusata di omicidio plurimo. Se sarà giudicata colpevole, rischia la pena di morte, che in Alabama si traduce in un’iniezione letale.

Il 6 dicembre 1986 Bishop uccise il fratello Seth, appena diciottenne a Braintree, in Massachussets. All’epoca il caso venne archiviato come una tragica fatalità e lei venne liberata praticamente subito dopo il fatto.

Le indagini stabilirono che Amy, allora una ragazza, colpì il fratello con un colpo di fucile al petto per sbaglio, mentre stava chiedendo alla madre come scaricare l’arma. Il giovane morì appena una mezz’ora dopo, all’ospedale della città.

Ma questa storia ora si tinge di giallo, visto che l’attuale capo della polizia di questa contea ha fatto sapere alla stampa locale che tutti gli incartamenti di quel processo sono spariti addirittura nel 1988.

Il responsabile delle indagini dell’epoca, John Polio, oggi 86 anni, è allibito: «Non ho idea di come mai queste carte sono scomparse. Circa la morte di quel povero ragazzo, nel fare le indagini, non abbiamo tralasciato alcuna prova. Tuttavia – aggiunge l’anziano ex poliziotto – c’è sempre rimasto qualche dubbio sul fatto che veramente si trattasse di un incidente».

Al Secolo XIX il premio precisione ed aderenza ai fatti accaduti!!! (Forse all’epoca Amy aveva 19 anni, ma siamo li!).

 

Ma finiamo con il dolce, che e’ meglio.

Ieri visto che faceva freddino, mi sono cimentato in una impresa ardua, per me, preparare un dolce, forte della mia nuova iscrizione al sito quisquilie e pinzellacchere.

Dal sito, che si trova a questo link http://quisquilie.mastertopforum.net/, curato anche dalla nostra amica Stefania, ho scelto la ricetta piu’ facile e veloce, tra le fotoricette bimbi: le girelle di nutella.

La ricetta era facilissima e velocissima. Ho seguito tutto alla lettera, ma forse qualche cosa mi manca!!

Ecco sotto quelle riuscite meglio!!

Devo dire che le girelle non erano male, ma se andiamo ad esaminare il risultato non e’ stato poi cosi’ buono.

Infatti il dinosauro non le ha mangiate!!

A parte le 5 girelle che sono venute bene, ce ne sono anche altre che non sono venute affatto!

Infatti meta della base della girella era troppo dura e non si arrotolava a dovere, essendo troppo dura e cotta!!

Poi la difficolta’ maggiore e’ stata lo stendere la nutella. Troppo viscosa da stendere a temperatura ambiente, a meno di non metterne un barattolo intero.

Mi serve qualche consiglio per migliorare.

Ma per essere la prima volta puo’ andare bene!!!

Pero’ i bimbi si sono divertiti a preparare le girelle e se le sono anche mangiate!!

Ecco Paolo che, in posa plastica, mangia la sua girella!

Sara che si imbratta la faccia di nutella!

Qui mostra il suo trofeo di cioccolata!

12 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. rosadimaggio63 said, on 14 febbraio 2010 at 3:48 pm

    Ciao Ezio,
    che dire, l’Italia in fatto di notizie non si smentisce mai… se prima guardi Italia Uno ad esempio, ti accorgi che mezzora dopo Rai Uno da le stesse notizie e così via per gli altri canali.
    Infatti proprio ieri stavamo constatando con mio marito che tutti i telegiornali sono uguali, e ci siamo detti che invece ogni rete dovrebbe avere un suo modo personale di fare informazione e di dare ” sue ” notizie.
    Ma anche in ciò ci siamo ridotti a dei ” format ” se così mi posso esprimere.
    Tutti uguali, tutti che dicono la stessa cosa oltre che fanno vedere gli stessi servizi.
    Ma passiamo oltre…
    Bhe i fiocchi veramente dovevano essere fantastici da vedersi… anche se preferirei il sole californiano.
    Grazie delle foto, però… potevi lasciarci una girella !!!

    • quattrovecchiinamerica said, on 14 febbraio 2010 at 6:06 pm

      Ciao Myriam

      devo dire che poi le inesattezze non erano cosi’claomorose, tranne la sedia a rotelle, invece della sedia elettrica!!!

      Ma dei nostri giornalisti mai fidarsi troppo.

      Troppo politicizzati, poco professionali e per mettere una notizia prima degli altri venderebbero l’anima al diavolo.

      Naturalmente nonsi puo’ generalizzare, ma l’impressione di base per me e’ questa!!

      I fiocchi sono stati tanto belli quanto sono durati poco. al max mezz’ora!!!

      Per le girelle forse e’ stato meglio che se le siano mangiate i bambini, data la mia profonda inesperienza a fare i dolci!!!

      Ciao Ezio

  2. Stefania said, on 15 febbraio 2010 at 1:43 am

    Dear Ezio,
    don’t worry,
    I will ask in the forum ,advices to improve the recipes,
    and the next time your “girelle” will be fantastic.
    Ps :welcom to the forum

    • quattrovecchiinamerica said, on 15 febbraio 2010 at 8:02 am

      STefania, I don’t know if the recipes was wrong or not, but I suppose yes.
      The only thing that has been difficult was the nutella layer.
      It was a bit difficult cover the roll with the nutella.
      Nutella was too much sticky!!

      Did I have to make something different before cover the roll???

      LEt me know

      Ezio

  3. Stefania said, on 15 febbraio 2010 at 3:06 am

    Dear Ezio
    can you specify which recipet to use for the “girelle”?
    So I and my friends can help you to improve a recipes…
    bye Stefy

  4. rosadimaggio63 said, on 15 febbraio 2010 at 5:10 am

    Approposito Ezio,
    a chi appartiene quella meravigliosa casa imbiancata con tanto di piscina ?

    • quattrovecchiinamerica said, on 15 febbraio 2010 at 8:08 am

      MYriam

      quellameravigliosa casa, come tu la chiami, e’ la clubhouse!!

      Ogni residence che si rispetti ne ha una. E’ una casa che di solito ospita gli uffici di chi gestisce il residence, da una parte. POi dall’altra c’e’ la zona pianoforte con divani, la cucina con il forno ed il frigorifero (utilizzabile da tutti i residenti) la palestra e la lavanderia. Ed inoltre da li si puo’ accedere anche alla piscina!!!

      Praticamente e’ il cuore pulsante del residence. Tanto e’ bella la clubhouse e tanto e’ curato il residence!!

      IL nostro residence da quello che vedi sta messo molto bene!!!
      CIao Ezio

  5. Pruzzo said, on 15 febbraio 2010 at 7:48 am

    Certo che sti cappero di americani,
    come qui hanno riscosso enorme successo i siti di lavaggio auto a gettone, dovresti investire in una catena di “tiro a piattello” a gettone che, viste le spiccate attitudini a servirsi di beretta ed affini in ogni dove, non può che essere un corrispettivo di sicuro successo.
    Inoltre ho notato mancano ulteriori semplici basi relative ai quelle brezze che vedo ciclicamente si aggrovigliano sopra le vs teste.
    La “sconosciuta” favola de “i tre porcellini” dalla “complessa” morale, evidentemente non la conoscono, quindi sdoganane qualche container di dvd e rivendila a prezzo salato mutandone il titolo sotto forma di “norme tecniche di esecuzione per la realizzazione di edifici ubicati in territori climaticamente svantaggiati”.
    Abbraccio a pupi e puponi!

    • quattrovecchiinamerica said, on 15 febbraio 2010 at 8:14 am

      CAro ROby

      finalmente sei appparso su questi schermi.

      Hai notato la facilita’ di sparo che hanno questi cow boy!!
      La loro antica tradizione di uso delle pistole fa fatica a scomparire!!!

      SPeriamo di essere sempre dei buoni indiani e di sfuggire ai conquistatori dei nostri territori!!!

      PEr quanto riguarda gli shelter antitornado, devo dire che e’ una bataglia persa. Loro credono in Dio e nelle previsioni del tempo. Quindi continuano a costruire casa in legno, senza shelter. E dopo le tragedie vanno in chiesa a piangere i loro morti!!!

      MO domando come mai un popolo con cosi’ poco talento e fantasia, riesca a comnadare il mondo!!!

      GRandi baci a tutti e guarda anche le foto che ho messo su IPNM!!!

      CIao Ezio

  6. Stefania said, on 16 febbraio 2010 at 2:03 am

    Dear Ezio
    I didn’t make this recipes,
    but I’ll ask more information
    in the forum…
    Let me know

  7. Stefania said, on 16 febbraio 2010 at 3:31 am

    Dear Ezio
    I asked in the forum for the swidel’s question
    You have heat the Nutella in boling water bath,
    when the Nutella is soft,you have spread it on
    the roll.
    I hope helped you.
    PS:When you read this,if you have a free-time
    please correct my english.

    • quattrovecchiinamerica said, on 16 febbraio 2010 at 8:03 am

      Stefania
      if you want I can try to correct your english (that is so good!). But don’t trust too much in my grammar.

      I have to improve my grammar.
      THis is a weakness of my english.
      My speking is OK, my listening is OK, my grammar is so and so!

      But if you want “sometime” I give you a suggestion!

      You said “youhave heat” the better should be “you have to heat”!

      Thank you for the tip

      Ezio


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: