4 vecchi in america

SUPERBOWL 2010 E KATRINA

Posted in Sport, weather by quattrovecchiinamerica on 18 febbraio 2010

 

SUPERBOWL 2010

 E

 KATRINA

 

Gia’ l’anno scorso avevo visto la finale del Superbowl (partita finale che decreta la squadra regina del campionato Americano di football) e mi ero divertito.

Quest’anno, avendo letto qualche regola in piu’ e consapevole dell’importanza (per gli americani) di questo evento me lo sono gustato  con piu’ attenzione.

La partita iniziava domenica 7 Febbraio alle 17.30 ed io un’ora prima sono andato in giro in vari negozi. Non ci crederete, ma dopo 18 mesi in cui tutto nei negozi era calma e quiete, quella Domenica c’era fila alle casse e la gente aveva fretta!!!

Allora ho chiesto a qualche Americano perche’ avessero tutta questa fretta e loro, facendomi vedere le cose nel carrello, mi hanno fatto capire (come si farebbe con un bambino che non capisce!!) che dovevano correre a casa per vedere “l’evento”!

Le cose da mangiare nel carrello era tutto quanto di piu’ deleterio si possa mangiare durante una partita: burro di arachidi a barattoli, pop corn con arricchiti con burro, pizza con pepperoni, mega hamburger/wurstell con le salse piu’ strane e tanta tanta birra!!!

Per la prima volta ho visto delle persone non automi, sempre educati, ma con la fretta che noi abbiamo sempre in Italia. Pensate che  alcuni non ti facevano neanche passare avanti alla fila delle casse, come di solito fanno!!

Gente che avrebbe fatto di tutto, pur di essere a casa alle 17.30!!!

 

Assodato quindi che gli americani non sono delle macchine e che hanno dei sentimenti sportivi, anche io torno rassicurato a casa, alle 17.30 esatte.

 

Proprio in tempo per vedere una splendida Carrie Underwood, che intonava l’inno degli Stati Uniti d’America. Questa bella ragazza (e bravissima) e’  divenuta una celebrità grazie al talent show American Idol.

Tutti con la mano sul cuore e l’altra sulla macchina fotografica per fare delle foto alla bella americanina!

 

A contendersi il Vince Lombardi Super Bowl Trophy,c’erano i New Orleans Saints

 e gli Indianapolis Colts.

Nomi che a noi italiani non dicono poco o nulla.

Andiamo a vedere i pronostici sportivi. 

Gli Indianapolis Colts sono arrivati al Superbowl battendo  New York Jets 30-17, aggiudicandosi cosi’ il primato nell’American Football Conference (AFC).

I Colts, con il quarterback Peyton Manning, cercherano il secondo titolo in 4 anni. Sempre a Miami, dove hanno trionfato nell’ultima apparizione al Super Bowl, contro i Chicago Bears 29-17, nel 2007. 

I New Orleans Saints (alla loro prima finale della loro storia, dopo 43 anni di anonimato), hanno vinto la National Football Conference sconfiggendo nell’overtime i Minnesota Vikings, del mitico Brett Favre, per 31-28, in una sfida decisa all’overtime, dal field goal del kicker Garrett Hartley, che ha centrato i pali da 40 yard facendo esplodere il pubblico del Superdome di New Orleans.

Lo stadio, devastato 4 anni fa all’uragano Katrina, è tornato ad essere un luogo di festa.

 

Per i pochi che non lo sapessero new Orleans, nel 2005 e’ stata distrutta dall’Uragano Katrine.

Anzi ad essere piu’ precisi l’uragano ha fatto molti danni, ma la mala gestione del pre, durante e dopo Katrina, ne ha fatti molti ma molti di piu’.

Infatti la causa del fatto che gran parte di New Orleans sia finita sotto l’acqua durante e dopo l’uragano Katrina, e’ stata (oltre alla furia della natura) l’imperizia di chi gestiva gli argini del fiume Missisipi e del Lago Pontchartrain  (gli ingegneri militari americani, per la cronaca!!).

 

Andiamo a vedere cosa e’ successo veramente con l’aiuto di Wikipedia + altri siti.

 

L’uragano Katrina è stato uno dei cinque più gravi uragani della storia degli Stati Uniti, il più grave in termini di danni economici, uno dei più gravi dal punto di vista del numero di morti. È stato il sesto più forte uragano atlantico mai registrato e il terzo più forte che abbia mai raggiunto le coste degli Stati Uniti.

Le maggiori perdite di vite e di danni alle infrastrutture sono avvenuti a New Orleans, in Louisiana, che è stata inondata quando il sistema di argini si è rivelato catastroficamente inutile.

L’aumento del livello delle acque causato dall’onda di tempesta, ha causato gravi danni lungo la Costa del Golfo degli Stati Uniti, devastando le città del Mississippi Waveland, Bay St. Louis, Pass Christian, Long Beach, Gulfport, Biloxi, Ocean Springs e Pascagoula.

In Louisiana, il sistema di prevenzione delle inondazioni non ha funzionato in più di 50 punti differenti.

In quasi  tutti gli argini dell’area metropolitana di New Orleans, si sono create delle brecce, non appena l’uragano Katrina è passato ad est della città, inondando conseguentemente l’80% dell’area metropolitana per settimane.

 

Almeno 1.836 persone (la maggior parte in New Orleans!) hanno perso la vita a causa dell’uragano Katrina e per i conseguenti allagamenti causati, rendendolo il più grave negli Stati Uniti dal punto di vista del numero dei morti, dopo l’uragano Okeechobee del 1928.

Si stima che la tempesta abbia causato danni per 81,2 miliardi di dollari, diventando il più grave disastro naturale della storia degli Stati Uniti in termini economici.

Il catastrofico fallimento della protezione contro le inondazioni a New Orleans ha portato a rivedere l’organigramma del corpo degli ingegneri dell’esercito, poiché questa agenzia era l’unica, per mandato del Congresso, ad avere la responsabilità della progettazione e della realizzazione del sistema di protezione.

Andiamo ancora piu’ nel dettaglio:

Dalla fotografia sopra si capisce che il rischio di allagamento era grande, dato che l’80% della città di New Orleans e dell’area metropolitana nella costa sud è sotto il livello del fiume e sotto il livello del lago Pontchartrain.

Questo rischio di devastazione era ben conosciuto; studi precedenti del FEMA e dell’Army Corps of Engineers avevano avvertito che se l’uragano avesse colpito direttamente New Orleans avrebbe portato una massiccia inondazione, causando migliaia di vittime per annegamento e a sofferenze per malattie e disidratazione a causa del lento ritiro delle acque dalla città.

Per questo motivo furono costruite/rinforzati gli argini del fiume Mississipi e del lago Pontchartrain.

Alla conferenza stampa delle 10.00 del 28 agosto, subito dopo che Katrina aveva raggiunto categoria 5, il sindaco di New Orleans Ray Nagin ha ordinato l’evacuazione obbligatoria della città, definendo Katrina “una tempesta che molti di noi hanno a lungo temuto”.

Le autorità governative della città hanno inoltre stabilito numerosi rifugi per i cittadini che non avevano potuto lasciare la città, incluso l’enorme Louisiana Superdome (stadio di football dei Saints), che ha dato ricovero ad approssimativamente 26.000 persone, e fornito cibo e acqua per molti giorni.

 

Il 29 agosto, l’onda di tempesta di Katrina ha causato 53 differenti brecce negli argini attorno a New Orleans (Le più ampie brecce nel sistema della città includono brecce nell’argine del 17th Street Canal, nel London Avenue Canal e nel largo, navigabile Industrial Canal, che hanno approssimativamente inondato l’80% della città),

inondando l’ottanta percento della città.

L’onda di tempesta di Katrina si è insinuata fra le 53 brecce nel sistema di argini a protezione dell’area metropolitana di New Orleans.

Senza entrare troppo nel dettaglio provo a spiegarvi cosa e’ successo agli argini: New Orleans, dato che e’ sotto il livello delle acque, ha costruito negli anni un complicato sistema di argini, dei sistemi di pompaggio per le acque e dei canali.

Gli argini servivano naturalmente ad impedire che le acque (del lago e del fiume) entrassero nella citta’. I sistemi di pompaggio acqua assicuravano l’estrazione dell’acqua in casi di pioggia od inondazioni. Ed i canali servivano per portare l’acqua pompata dall’interno della  citta’, al lago!!

Tutto il giocattolo si e’ rotto perche’ l’uragano Katrina ha fatto entrare l’acqua in citta’ dal lago (il cui livello si era innalzato a causa dell’Uragano), le pompe hanno iniziato a pompare acqua dall’interno delle vie della citta’ immettendola nei canali. Ma gli argini dei canali (per motivi che dopo vedremo) hanno iniziato a cedere in vari punti e cosi’ l’acqua che doveva riandare al lago, si e’ disperatamente sparsa nelle citta’!!!

I sistemi di pompaggio erano oramai inutili, dato che pompavano acqua nei canali, i quali la immettevano di nuovo in citta’!!! La conseguenza naturale e’ stata che le pompe sono andate in tilt e la citta’ si e’ allagata, senza nessuna possibilita’ di drenaggio alcuno!

I motivi per cui gli argini (creati dagli ingegneri dell’esercito americano) hanno ceduto sono stati molteplici.

1) i foodwalls (i muri in cemento armato creati ad hoc per parare le inondazioni) erano stati messi troppo poco in profondita’. In tal modo l’acqua e’ penetrata da sotto le fondamenta dei muri, ha superato i foodwalls  da sotto e successivamente ha divelto tali muri (avendo superato l’acqua  da dietro il muro!).

2) le giunture degli argini (fatte con muri di cemento armato) non hanno retto. E gli argini hanno iniziato piano piano a far passare acqua dalle giunture, fino a creare dei veri e propri buchi nei foodwalls.

3) i materiali dei muri non erano tra i migliori per resistere a tali pressioni.

Tutto questo e’ stato certificato da almeno 5 inchieste diverse.

Ecco alcune immagini del tremendo allagamento che c’e’ stato a New Orleans, a seguito della rottura degli argini, non proprio a causa dell’uragano!!!

 

 

 

 

Poi oltre ai danni causati dall’imperizia umana, ci sono naturalmente stati i danni della natura.

Ponti crollati come immensi pezzi di domino!! 

 

 

Intere subdivision spazzate via, come le case dei tre procellini, quando soffiava il lupo! 

Barche portate in campagna! 

Guppi di isole che hanno cambiato la loro geografia, dopo il passaggio di Katrina! 

Ammassi di detriti da tutte le parti.

Come spesso succede dopo una tragedia, c’e’ anche il ridicolo, a mio avviso: a causa dell’alto numero di vite perse e dell’elevata quantità di danni provocati lungo la Costa del Golfo, il nome Katrina è stato ufficialmente ritirato il 6 aprile 2006 dall’Organizzazione meteorologica mondiale in seguito alla richiesta del governo statunitense. È stato sostituito con Katia nella lista III della lista dei nomi degli uragani atlantici, che sarà utilizzato nella stagione degli uragani atlantici 2011.

Come se ritirando il nome, si cancellasse la vergogna del disastro in parte naturale ma sopratutto causato dall’incapacita’ dell’uomo a fronteggiare tali eventi!!

Questa maglieta e’ dedicata ai militari americani ( e dice:”fate gli argini, non la guerra”!!).

All’epoca in Italia di questa tragedia ed ancor di piu’ del perche’ se ne seppe poco.

 

Dopo quello che avete letto, capite bene quella Domenica per quale squadra tifavo!!

Ero idealmente sugli spalti con loro!!!

 

Come molti di voi non sapranno, le partite molte volte girano intorno ai quarterback. Un po’ come i nostri vecchi numeri 10 nel calcio (Platini o Maradona) che dettavano il pasaggio e che potevano decidere in qualsiasi momento l’esito di una partita!!!

Al commando dei Colts c’è l’attuale Mr. Football, Peyton Manning, uno degli uomini più popolari d’America (un recente sondaggio lo ha eletto nuovo role model, al posto di Tiger Woods) che riesce a decodificare le difese avversarie meglio di un matematico alle prese con gli integrali doppi. Se riuscisse a far vincere i Colts entrerebbe di diritto fra i più forti di tutti i tempi ed allungherebbe sul fratello Eli che, con i New York Giants, ha vinto il Superbowl due anni fa.

E’ curioso che Mannings sia in qualche modo legato a New Orleans.

Infatti il padre e’ nato e cresciuto li ed inoltre è stato il quarterback, icona negli anni ’70, dei Saints!!

A guidare i Saints c’è Drew Brees, arrivato cinque anni fa da San Diego, subito dopo che New Orleans era affondata sotto le ondate di Katrina. Brees si era subito immedesimato nella parte del salvatore: aveva messo in piedi una fondazione per aiutare la ricostruzione della città e inanellato una serie di campionati alla media di 4 mila yard a stagione.

Ok, ora avete il giusto background per “leggere” la partita.

Pero’ per conoscere il risultato dovrete aspettare il prossimo post: “Superbowl 2010: la partita”!!

Finiamo con fans e spettatori illustri che erano presenti allo stadio. 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Condoleezza Rice e Spike Lee.

Demi Moore ed il marito.

2 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. rosadimaggio63 said, on 19 febbraio 2010 at 1:00 am

    Ricordi ed immagini impresse nei nostri cuori e nei nostri occhi.
    Caro Ezio, avevo già visto queste immagini, ma devo dire che rivederle è sempre un grande dolore che appartiene a tutti noi, a priscindere dalla nazione o dalla città di cui siamo.
    le magliette con la scritta ” fate gli argini e non la guerra “, credo che rappresenti il pensiero di tutti noi !!!
    La foto più originale e simpatica, per me, è stata quelli con gli uomini in colore oro !!
    La Carrie Underwood la conosco di fama, e devo ammettere che è veramente molto sexi !
    Buona giornata🙂

    • quattrovecchiinamerica said, on 20 febbraio 2010 at 8:59 am

      CAra Myriam

      per me scoprire , non le foto che in parte avevo visto e purtroppo sono sempre le stesse ogni tragedia simile, il perche’ e’ successo tutto quel casino e’ stato triste. Infatti che i casini vengano per cause naturali puo’ succedere, ma e’ difficile accettare che i morti vengano da imperizia o da imprudenza!!

      PEro’ questo e’ quello che e’ successo.

      E gli abitanti di NO sono stati ripagati con la vittoria nel SuperBowl!!

      Ti svelo il risultato prima dell’articolo che faro’ la settimana prossima, sulla partita, che non credo ti interessera’ piu’ di tanto!!!

      Ciao Ezio


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: