4 vecchi in america

IL DENTISTA DEI PICCOLI: CHE SCOPERTA!!

Posted in Attivita' bambini, Cliniche e Dotttori by quattrovecchiinamerica on 25 febbraio 2010

 

IL DENTISTA DEI PICCOLI: CHE SCOPERTA!!

 

Oggi Paolo e’ andato dal dentista, e la cosa mi spaventava e lo spaventava.

Io ricordo con terrore le volte che da piccolo andavo dal dentista. Studi piccoli, niente giochi per i bambini e metodi non proprio piacevoli. Ricordo che a circa 17 anni, un dentista mi ha tolto nello stesso giorno tre denti, facendomi anche un taglio sul labbro!!

Brutti ricordi che hanno conribuito a far nascere in me la paura del dentista. Ed anche oggi quando vado dal dentista, chiedo sempre l’anestesia, a prescindere!

Un passo avanti lo ho fatto a Spoleto, quando un dentista bravo mi ha fatto dei lavori impegnativi e non ho mai sentito nulla.

Ma torniamo ad oggi.

Alle 11.00 avevamo appuntamento.  Siamo arrivati un po’ prima, nella struttura che vedete sotto. Tutta nuova ed aperta da pochi mesi.

Eravamo gia’ stati li due settimane fa, per la visita di controllo di Paolo. Ed il dentista gli aveva detto che doveva curargli 3 carie!!

Naturalmente lui non sapeva cosa gli avrebbero fatto, ma aveva avuto un impatto molto positivo con la struttura e con il dentista.

La struttura oltre ad essere nuova e confortevole, e’ stata costruita su misura per i bambini. Appena si entra c’e’ un playground eccezionale. Due scivoli altissimi (alti fino al secondo piano) degli scivoli per bambini piccoli, una televisione che trasmette Disney TV, e delle postazioni con playstation!!!

I bambini cosi’ invece di pensare “oddio cosa mi accadra’”, pensano a giocare fino al momento in cui il dottore li chiama.

I dottori sono tutti giovani e simpatici. Quello di Paolo (che e’ il secondo da destra) e’ molto bravo a trattare i bambini e subito mi ha fatto una buona impressione.

Oggi pero’ Paolo sapeva quello che gli avrebbero fatto, infatti gli avevo spiegato in precedenza cosa gli avrebbe fatto il dottore. Ed era un po’ spaventato. Ma appena arrivato si e’ subito distratto con il playground!!!

Appena lo hanno chiamato, siamo entrati nello studio. Non e’ come lo immaginiamo noi. E’ una stanza enorme, con tanti lettini (al posto delle poltrone), separati da una tendina, per la privacy.

Appena arrivato l’infermiera fa scegliere a Paolo il colore della mascherina. Lui ha scelto il rosso.

A che serve la mascherina? Serve a far respirare al bambino un gas che lo rende meno sensibile al dolore!!! Ed il colore della mascherina e’ in armonia con il sapore del gas: quello di Paolo era sapor fragola!!

 

Il gas si chiama ossido di diazoto, ed a temperatura e pressione ambiente è un gas incolore non infiammabile dall’odore lievemente dolce.

Ha formula chimica N2O e si impiega anche come agente ossidante nei motori dei razzi.

Ma e’ piu’ noto come gas esilarante!!!

Ma in questi casi il suo uso e’ legato all’effetto anestetico dell’ossido nitroso. Si pensa che il gas interagisca con le membrane delle cellule nervose del cervello alterando la comunicazione intracellulare a livello delle sinapsi.

L’inalazione di ossido di diazoto è spesso causa di euforia, confusione e – in alcuni casi – un blando effetto afrodisiaco. Può altresì produrre nausea e una confusione persistente se l’esposizione è troppo rapida o eccessiva. .

L’ossido di diazoto è usato da alcuni come sostanza stupefacente (a volte nota come hippie crack). Benché il gas di per sé non sia tossico, un uso prolungato produce sintomi analoghi a quella della carenza di vitamina B12:  anemia e neuropatia. In California l’uso non medico di questo gas è considerato reato penale.

 Io pensavo che il gas fosse una fesseria bestiale, un’americanata!

Invece Paolo dopo aver respirato per due minuti il gas, ha iniziato a seguire le istruzioni del dottore e per venti minuti (durata del lavoro) non ha fatto una mossa. Non si e’ mai mosso, non ha mai urlato, ma collaborava con le istruzioni che gli dava il dottore.

Insomma gli hanno trapanato tre denti e non ha fatto una piega!!

Poi il dottore mi ha detto che nei casi in cui i bimbi nonostante il gas sentono, il dolore, gli danno una pillola che gli fa dimenticare la brutta esperienza!!

Ma nel caso a Paolo non la avrei data, mi sembra quasi una droga!!! 

Io che guardavo l’operazione da lontano, non potevo credere ai miei occhi ed al tempo stesso ero contentissimo del fatto che non stesse soffrendo!!

Alla fine di ogni intervento il dottore regala ai bimbi uno dei tanti regali, che sono in vetrina (e’ una vetrina che sta all’uscita dello stanzone)!! 

Altra cosa che Paolo ha apprezato molto. E questa volta di regali ne ha avuti due!

Appena uscito l’effetto del gas era scomparso, infatti appena si smette la somministrazione, l’effeto del gas sparisce.

Naturalmente prima di andare via, ci siamo dovuti fermare 10 minuti al playground!!

Insomma che bello andare dal dentista!! Anche io avrei voluto in dentista cosi’!!!