4 vecchi in america

UNA DOMENICA PASSATA CON AMICI AMERICANI!!

Posted in Famiglia e dintorni, Usi e costumi, Varie by quattrovecchiinamerica on 29 marzo 2010

 

UNA DOMENICA PASSATA CON AMICI AMERICANI!! 

 

Prima di dirvi della nostra Domenica, due parole sugli avvenimenti del week end italiano!!

Prima di tutto un sabato magico vissuto di fronte al computer, guardando Roma-Inter!!!

Momenti di calcio meravigliosi (se tifoso della Roma): vedere quell’antipatico di Mourinho soffrire, vedere Milito prendere il palo all’ultimo minuto, vedere che nonostante un gol segnato dall’Inter in CLAMOROSO FUORIGIOCO la Roma sia riuscita a vincere, e’ stato un momento (di calcio) bellissimo!!!

Allora possiamo dire, comunque vada per lo scudetto, Forza Magica Roma e speriamo che l’entusiasmo agonistico non finisca dopo questa prova di carattere!!!

Queste faccette allegre all’Inter sono ora un solo ricordo!!

Avete sentito la telecronaca di Zampa quando Milito prende il palo??

http://www.youtube.com/watch?v=TxfsJTUf0dA

Andate al link di sopra  e sentite, ne vale la pena se volete ridere un pochettino!!!

Prima di tornare alla nostra Domenica, una parola la voglio spendere su quei tifosi (??) che a Torino hanno inscenato prove di incivilta’ contro i giocatori della Juventus, tirando uova marce e dando schiaffi a Zebina!!

Io mi chiedo sempre due cose: questi non hanno niente altro da fare nella loro vita se non quella di pensare al calcio, in qualsiasi momento? Non lavorano? Non hanno famiglia? E poi ancora, perche’ non vengono arrestati quando assalgono un giocatore??

Da un lato abbiamo le imprese sportive, come quelle della Roma ieri sera, dall’altro i cretini, che continuano a dominare le nostre scene calcistiche, complici le leggi che gli permettono di fare tutto (vogliamo parlare delle trasferte in treno? Provate a prendere un treno dei tifosi, di qualsiasi squadra, e vedrete che meraviglia di ragazzi esportiamo negli stadi!!).

Provate a passare per caso accanto ad un treno dei cosidetti tifosi (ed io per sfortuna lo ho fatto varie volte) e vedrete che vi copriranno di sputa e di insulti, gratuiti.

Provate a trovarvi in un autogrill quando scendono i pulman dei tifosi organizzati (a volte gli autogrill preferiscono chiudere invece di farsi fregare prodotti e farsi distruggere il locale!!).

Questo per me e’ incredibile, incomprensibile, dato che poi si sa da anni che e’ cosi’ e pochi cercano di tamponare questa falla della nostra societa’!!

Ma se cio’ accade la colpa non e’ del calcio, ma della societa’ che si sta sempre piu’ perdendo!!

E’ di oggi la notizia di uno stupro in classe, in una scuola italiana!! Ma vi rendete conto, una ragazza che mentre ci sono le lezioni a scuola e’ stata stuprata!!

Ma dove cazzarola era il professore??!!

Per questi personaggi ci vorrebbe almeno l’ergastolo, ma quello vero!!

E’ per questo che, nonostante tutti i limiti della Societa’ Americana, preferisco vivere qui piuttosto che tra i nuovi barbari del Bel Paese!

Non sembra ma stiamo perdendo i nostri valori, e non ce ne accorgiamo purtroppo!!!

E’ di qualche minuto fa la vittoria del centro destra nelle elezioni regionali (passata da 11-2 a 7-6 per la sinistra)!

E’ incredibile, ma anche dopo risultati cosi’ netti c’e’ qualcuno che dice di non aver perso!!

E’ un vizio italico (destra e sinistra in maggior modo!), dopo le elezioni e’ sempre difficile capire chi abbia perso, anche se e’ chiarissimo!!

Dopo questa botta di “Celentanite” (pero’ come si fa a non incazzarsi quando si leggono, purtroppo sempre piu’ spesso, certe notizie che vengono dall’Italia) torniamo alla nostra Domenica.

Questa Domenica avevamo avuto due inviti, uno dalla comunita’ di italiani di HSV che festeggiava la Pasqua in un ristorante di pesce ed un altro da un mio collega americano, che ci aveva invitato a pranzo a casa sua per la festa della figlia.

Gia’ da qualche giorno avevo dato l’adesione agli amici italiani, quando ho ricevuto l’invito della famiglia Americana.

Li per li non ci ho pensato ed ho detto di si anche a questo  pranzo. E quando sono tornato a casa Stefania mi ha ricordato che avevamo, lo stesso giorno, anche il pranzo con gli italiani!

Allora ho lasciato a lei la scelta, dato che se avessi scelto io, COMUNQUE, la mia scelta sarebbe stata sbagliata!!

Lei ha scelto di andare a pranzo con gli amici americani ed io sono rimasto soddisfatto e sbalordito della sua scelta!!

Ma gli italiani li vediamo spesso, mentre una esperienza con una famiglia Americana non e’ poi cosi’ frequente!!

Anzi rara, se in 20 mesi siamo andati a cena a casa di americani solo due volte!!

Allora con una puntualita’ che non e’ degna della nostra famiglia (infatti quasi sempre arriviamo in ritardo!!) alle 13.15 (invece delle 13.30 canoniche) arriviamo a casa dei nostri amici!!

A dire la verita’ il trucco c’e’ stato, infatti ho detto alla famiglia che dovevamo partire alle 12.30, invece delle 13.00, come logica avrebbe dettato (infatti la distanza tra le nostre case non era piu’ doi 20 minuti!!).

Ha funzionato, questo trucco lo devo provare piu’ spesso!!

Una curiosita’: prima di andare, anche se ho il Tom Tom, ho controllato la strada da percorrere (dato che il Tom Tom a volte ti fa fare strade piu’ lunghe) ed ho controllato con street view la casa, meta del nostro pranzo!!

Non so se conoscete street view, ma e’ portentoso!

Ti fa vedere con zoom esagerato la strada da percorrere, con i relativi edifici, non su mappa ma come foto!! E come se qualcuno avesse registrato le immagini della zona e tu puoi guardarle a tuo piacimento, girando e zoomando alla grande!!

Quindi avendo guardato da street view la casa, subito ci siamo accorti di essere arrivati!

Questa zona non e’ una vera subdivision, come quelle classiche che nei post vi ho fatto vedere.

E’ un’area, sempre a cul de sac, dove pero’ le case sono costruite second uno stile arichitettonico vario!!

Questa e’ sopraelevata di 10 metri sul livello della strada!

Questa e’ nuovissima!

Questa e’ in stile tedesco!

Queste sono cinque case in fila, dopo la casa del nostro amico!!

Ogni casa e’ diversa da quella accanto.

E questo tipo di subdivision si trovano di piu’ in HSV zona collina che in Madison.

La casa dei nostri amici e’ particolare, dato che e’ 1o metri sotto il livello stradale!

Per accedere alla casa o si fa una rampa ripidissima, o si passa per un boardwalk (ponte in legno) che scende dal livello della strada fino alla casa.

Ecco il padrone di casa sul boardwalk che ci aspetta.

La casa e’ antica (parliamo di America, quindi avra’ 25 anni??!!), nella sua concezione. E poi e’ affascinante, dato che e’ completamente immersa in un bosco fitto.

Ora le foglie ancora non sono ricresciute, ed un po’ il cielo si vede, ma quando ricresceranno del tutto il cielo scomparira’ e la casa cadra’ in un ombra perenne!!!

Il backyard non e’ come tutti gli altri, perche’ ripido e scosceso, con rocce aguzze ed appuntite.

Ma non per questo hanno rinunciato a fare della case per i bimbi e degli scivoli, magari un po pericolosi!!

Questo e’ il terrazzo che sta dietro la casa.

Queste scale fanno connettono il terrazzo con il backyard.

E questo e’ un pezzo di backyard!

Completamente diverso dai soliti backyard piatti, con lo steccato e con il prato inglese!

Appena entrati si respire una atmosfera di “vissuto”, arredamento non convenzionale, insomma old style house!

Vi ricordate il telefilm “otto lo chiamano papa’” in cui una famiglia, i Bradford, avevano tanti ragazzi e la casa era sempre piena di parenti ed amici?

Se vi ricordate il telefilm, l’atmosfera che si respirava nella casa era la stessa felice, incasinata e spensierata.

Tanti parenti, bambini piccoli, gente che arrivava e che se ne andava, sembrava una festa di altri tempi!! 

Il pranzo e’ stato tipico Americano, prima ci sono stati vari antipasti (formaggi vari, crackers, uva and cheese, fragole) con birre (tra le piu’ strane per il mio palato),

poi il vero e proprio pranzo.

La padrona di casa aveva preparato un mega prosciutto al forno (veramente ottimo) delle backed potatoes (da condire con la sour cream) e le inmancabili patate dolci.

Qui Paolo che con la sua faccia dice tutto sul cibo che gli hanno preparato. Per la cronaca non ha mangiato nulla se non una merendina che gli avevo portato da casa!!

Le patate dolci (quella grande arancione in primo piano, nella foto di sotto) sono un piatto ostico per me, ma un must per gli americani!!

Le avevo gia’ magiate in vari ristoranti e non mi erano mai piaciute. Infatti mi hanno spiegato che nei ristoranti mettono oltre al burro sopra, anche uno strato di zucchero di canna, che le rende estremamente dolci!!

Ieri ho provato a mangiarne una meta’, ma nonstante non fossero dolci come quelle del ristorante, non ci sono riuscito!! Gusto troppo diverso ed ostico per me!!

Poi c’era una insalata mista ed una salsa di tonno con brioche salate.

Tutta self service con posti disposti a caso!

E’ stato tutto molto informale e carino, infatti alcuni mangiavano nel living room, alcuni in cucina, alcuni in una sala con la televisione ed alcuni nel terrazzo del backyard!!

Tutto all’insegna della non formalita, come piace a me!!

Dopo il pranzo, che potra’ non essere il top per i gusti italiani, ma comunque buono  e tipico di queste zone, ci siamo adagiati sui divani ed abbiamo aperto i regali!

Sara si e’ subito integrate nella festa, porgendo i regali alla festeggiata.

Mi ha colpito la semplicita’ dei regali e la contentezza , vera e non finta, della ragazza!!

Quando riceveva dei regali, senza nessun riguardo alla bellezza o meno del regalo, era contenta!!

Gioia naurale, che e’ sempre piu’ difficile vedere sui volti dei nostri bambini!!

Paolo in primis, che ha tutto e non e’ mai contento di nulla!!

C’e’ stato il tempo per vedere il vestito di questa bella ragazza, che partecipera’ al ballo di fine anno con il suo principe!

Ed il principe per qualche secondo e’ stato Paolo!!

Dopo le chiacchiere del dopo pranzo, che anche io mi sono concesso con il mio amico Americano,

e la volta del gelato!!

Anche qui una cosa fuori dal normale: gelato fatto in casa con questo attrezzo infernale!!

Si mette fuori al contenitore del gelato del sale e del  ghiaccio, e dentro qualche composto per gelati.

Si fa girare per  un paio di ore! ed il gelato e’ pronto!

Ecco il risultato:

gusto buonino, compattezza niente male e Paolo ha gradito!

Ecco il padrone di casa che si gusta il gelato e la torta al cioccolato!!

Verso le 5.00 PM abbiamo lasciato gli amici e la bella compagnia, in quanto io e Stefania eravamo stanchi di badare a Paolo e Sara, che nel frattempo giravano come trottole nei due piani della casa, toccando tutto, cani compresi!!!

Qui Paolo che tocca tutti gli strumenti musicali presenti in casa!!

Prima di lasciare la casa, Paolo si e’ divertito un po nel porch (parte davanti alla casa), con dondolo ed altalena.

In conclusione posso dire di aver passato un pomeriggio veramente piacevole con amici americani, diverso da tanti altri passati ad HSV, respirando un’atmosfera di famiglia, che ci mancava da tanto!!