4 vecchi in america

NORTH ALABAMA STATE FAIR

Posted in Attivita' bambini, Fiere-Feste-Musei by quattrovecchiinamerica on 10 settembre 2010

NORTH ALABAMA STATE FAIR

Per festeggiare il Labour Day, siamo andati a passare un pomeriggio alla North Alabama State Fair, in un parco alla periferia di HSV.

Per chi non sapesse cosa e’ il labour day ecco alcune notizie miste (italiano-inglese) da Wiki:

Labor Day è il nome di una festività statunitense che si celebra il primo lunedì di settembre.

La festività ebbe origine in Canada in ricordo delle rivendicazioni denominate Nine-Hour Movement (movimento delle nove ore) che si svolsero ad Hamilton e successivamente a Toronto negli anni Settanta del XIX secolo e che portarono alla stipula del Trade Union Act che nel 1872 legalizzò e tutelò l’attività sindacale in Canada.

Nel 1882 il sindacalista statunitense Peter J. McGuire, dopo aver assistito alle celebrazioni tenutesi a Toronto in ricordo dell’avvenimento, al suo ritorno a New York organizzò il primo Labor Day il 5 settembre dello stesso anno.

Nel 1894, su spinta del presidente Cleveland, la festività venne ufficializzata dal Congresso.

Traditionally, Labor Day is celebrated by most Americans as the symbolic end of the summer. The holiday is often regarded as a day of rest and parties. Speeches or political demonstrations are more low-key than May 1 Labor Day celebrations in most countries, although events held by labor organizations often feature political themes and appearances by candidates for office, especially in election years. Forms of celebration include picnics, barbecues, fireworks displays, water sports, and public art events. Families with school-age children take it as the last chance to travel before the end of summer recess. Similarly, some teenagers and young adults view it as the last weekend for parties before returning to school, although school starting times now vary.

Prima di arrivare all’entrata della fiera, c’erano alcune tendoni dove si facevano spettacoli di maghi e circensi e delle bancarelle con cose da mangiare.

Non poteva mancare il camion del BBQ, con tanto di BBQ portatile.

invece se fosse mancata questa bancarella di finto gelato italiano, sarebbe stato meglio!!

Guardate i gusti non proprio italiani,

ed i colori accesi ed innaturali del gelato!!

Se si osserva beneil frigo, anche le vasche del gelato sono poco pulite.

Ma poco importa, tanto non lo abbiamo assaggiato!

All’entrata ci siamo accorti di non avere neanche un dollaro per pagare i giochi,

allora abbiamo utilizzato il bancomat mobile, presente in ogni fiera americana, che era posto in modo geniale davanti al sole, rendendo il video illegibile!!

Appena entrati, prima dei giochi tradizionali, c’era un tendone con degli animali simpatici.

C’erano dei porcellini,

delle caprette,

ed una tartaruga gigante!!

Ecco i ragazzi con il blu wrist band, che gli permetteva entrate illimitate a TUTTI i giochi!!

Conveniva assolutamente avere questo braccialetto, che per 20 $ permetteva ai ragazzi di entrare dappertutto e quante volte volevano!

Altrimenti i giochi costavano cari, se si sceglieva l’opzione di pagarli volta per volta!

Questa foto si potrebbe intitolare: le due facce di una medaglia!!

Basta scegliere la faccia giusta!!

Ma torniamo ai bimbi che si sono divertiti un mondo, dato che potevano entrare ed uscire dai giochi a loro piacimento, senza problemi di sorta!!

Qui Sara era sulle minimontagne russe,

ed anche Paolo/Alessandro, che ad ogni gioco escludevano regolarmente Sara, sedendosi insieme!

Il gioco sotto mi dava una brutta sensazione: mi sembrava di vedere  Mangiafuoco che imprigionava i bambini nelle gabbie!

Invece era una ruota panoramica per bambini, in cui i bimbi erano rinchiusi in una gabbia metallica!

Non poteva mancare una “banana slide”!

Alla quale ha partecipato anche Stefania, in qualita’ di accompagnatrice di Sara!

Il vomitevolissimo rotor, era presente e’ gettonato dai ragazzi!

E come ogni fiera americana che si rispetti era presente una bancarella che vendeva il funnel cake!

Miglior dolce da fiera assaggiato fino ad ora!

Isabella che non lo aveva assaggiato mai, ne ha provato uno ed ha gradito!

La stessa bancarella vendeva anche i corndog.

Micidiali hotdog fritti in pastella di mais, infilzati su uno stecco tipo cremino!

Questo ridicolo gioco, ci avrebbe sbancato se avessimo pagato in ticket!

Infatti i ragazzi lo avranno fatto almeno 10 volte a testa (ed ogni entrata costava 4 ticket, pari a circa 3 $!!).

Perche’ andare a Disneyworld, quando c’e’ questo gioco in citta’??!!

Per la serie giochi sgangherati ma che piacciono, ecco le moto.

I giri di queste giostre senza pretese tecnologiche erano lunghissimi: almeno 5 minuti!!

Le tazze volanti, gioco un po’ meno vecchio degli altri!

E per finire la giostra con gli animali.

Sara si e’ presa una gallina,

Alessandro un rinoceronte,

e Paolo un cane!

Paolo ha questa faccia fiera, perche’ di solito quando prendeva le giostre prendeva sempre un animale fisso (cioe’ che non si alzava ed abbassava).

Oggi ha vinto la paura ed ha preso un cane che andava su e giu’!!

Quando si vedono gli autobus che volano,

Gianluca con la maglietta XXXL di Sanford e Son (mitico telefilm americano),

ed i bimbi con le spade di guerre stellari,

allora e’ ora di tornare a casa!