4 vecchi in america

COME MAI IL MIO SURF CREA TANTO IMBARAZZO?

Posted in Uncategorized, Usi e costumi, Varie by quattrovecchiinamerica on 19 settembre 2010

 

COME MAI IL MIO SURF CREA TANTO IMBARAZZO?

 

L’anno scorso siamo andati in vacanza nel profondo Sud dell’Alabama ed abbiamo comprato a Paolo una tavola da surf, con stampata sopra una bandiera che mi sembrava accattivante.

Il surf e’ piaciuto molto a Paolo che ci ha giocato tutta l’estate scorsa.

Effettivamente il colore della bandiera e’ vivace e simpatico.

Quest’anno lo abbiamo usato molto nella piscina del nostro residence.

Un giorno un ragazzo Americano, con parenti italiani (che prova sempre a parlare italiano con noi), mi ha preso in disparte ed ha iniziato a farmi domande strane sulla bandiera stampata sul surf.

Mi chiedeva se conoscevo la storia di quella bandiera.

Naturalmente non la conoscevo.

Allora mi ha detto che sarebbe stato meglio non usare piu’ quel surf, dato che offendeva le persone afroamericane!!

Abbastanza incredulo di quanto dettomi, mi sono fatto spiegare meglio la storia ed ho approfondito le origini su numerosi siti internet.

 

Vediamo se il mio amico ha ragione, tornando indietro di 150 anni circa!

 

Gli Stati Confederati d’America (undici Stati in cui vigeva la schiavitu’: South Carolina, Mississippi, Florida, Alabama, Georgia, Louisiana, Texas, Virginia, Arkansas Tennessee e North Carolina) dichiararono la loro secessione dall’Unione tra il 1861-1865, periodo in cui si e’ svolta la Guerra Civile Americana.

Ieri sera mi sono letto un libro sulla Guerra civile Americana, e vi assicuro che (a chi piace la storia!) e’ stato veramente interessante!

Ma di questa Guerra, forse, ne parleremo in un altro post!

Comunque dopo 4 anni di aspre battaglie tra i due eserciti (comandati da Lee, per i Sudisti, e da Grant, per i Nordisti), in cui gli Stati Secessionisti sono andati vicinissimi alla vittoria finale nella Battaglia di Gettynsburg (nonstante l’inferiorita’ di uomini e mezzi, ma la netta superiorita’ in campo strategico-militare),

nell’Aprile 1865 l’Unione (con la conquista della capitale degli Stati del Sud Richmond) mise praticamente fine alla Guerra, costringendo il Generale Lee ad accettare la fine delle ostilita’ offerta dal Generale Grant.

Durante la Guerra Civile furono usate diverse bandiere degli Stati Confederati, ed ancora oggi il loro uso (ufficiale o privato) e’ molto controverso.

Questo perche’ sventolando una di queste bandiere, in qualche modo si inneggerebbe alla schiavitu’ (oppure alla supremazia dei bianchi sui neri), pratica comune negli Stati del Sud in quel periodo.

Prima di arrivare alla bandiera stampata sul mio surf, ce ne sono state molte altre!

 

Prima bandiera confederata (“the Stars and Bars”)

La prima bandiera sventolata dalla Confederazione fu usata dal 5-Marzo-1861 al 26-Maggio-1863.

Fu progettata dall’artista prussiano Nicola Marschall in Marion Alabama e mostra la prima volta nella citta’ di Montgomery in Alabama. Lo stesso Marschall disegno’ le uniformi dei Sudisti.

Quando la guerra’ inizio’ la bandiera Stars and Bars, causo’ molta confusione sul campo di battaglia, a causa della sua somiglianza con la bandiera utilizzata dall’Unione!

La bandiera fu modificata piu’ volte, nel numero delle stelle che rappresentavano gli stati della Confederazione, fino ad arrivare a 13!

Si parti’ dai sette stati orginari della secessione (South Carolina, Mississippi, Florida, Alabama, Georgia, Louisiana, Texas), per passare a 9, poi ad 11 (Virginia, Arkansas Tennessee e North Carolina) ed infine ai 13, con l’annessione del Kentucky e del Missouri.

 

La seconda bandiera confederata (“the Stainless Banner”)

Il nuovo design della bandiera Confederata prevedeva un sfondo bianco, in cui era disegnato (in alto a sinistra) una rettangolo rosso con due striscie blu in diagonale (la famosa croce del Sud), in cui erano rappresentati i 13 stati da altrettante stelle bianche.

Il soprannome “stainless” (senza macchia) si riferiva alla purezza del bianco. Il bianco avrebbe dovuto rappresentare la purezza della Causa (per la quale si combatteva). Anche per questa bandiera la vita fu breve, in quanto i militari la osteggiavano per la presenza di troppo bianco, che la rendeva ambigua. Infatti in assenza di vento la croce del Sud poteva non vedersi da lontano, facendo apparire la bandiera come una bandiera bianca, che in guerra significa tregua!

 

Terza bandiera Confederata (“the Blood Stained Banner” – 4 Marzo 1865 – 5 Maggio 1865)

 

La terza bandiera fu adottata dal 4 Marzo 1865, poco tempo prima della caduta degli Stati secessionisti.

Venne aggiunta una striscia verticale rossa (in onore dell’ultima striscia della bandiera francese, da cui gli Stati del Sud aspetavano un aiuto nella famosa battaglia di Gettysburg, in cui avrebbero potuto chiudere a loro favore la guerra!), oltre alla croce del Sud, di derivazione Britannica.

 

Ma ancora siamo lontani dalla bandiera rappresentata dal mio surf!

 

The Confederate Flag

 

La variante rettangolare che vedete sopra e’ la bandiera da battaglia usata da alcune unita’ da combattimento dell’Esercito Confederato.

Questa  e’ quella che e’ stampata sul mio surf, chiamata: “The Confederate Flag” o “The Confederate Battle Flag”.

Sebbene non abbia mai rappresentato gli Stati della Confederazione, e’ riconosciuta come il simbolo del Sud!

E’ anche chiamata the “rebel” or “Dixie” flag, e spesso ci si riferisce ad essa chiamandola the “Stars and Bars” (che invece come abbiamo visto e’ la prima bandiera nazionale degli Stati Confederati, completamente diversa da questa!!).

 

Durante la prima meta’ del ventesimo secolo la bandiera Confederata ha goduto di rinnovata popolarita’.

Alcune Unita’ militari americane, con soprannomi Sudisti o composte in maggiorparte da persone provenienti dal Sud, fecero di questa bandiera il loro emblema, durante la Seconda Guerra Mondiale.

Alcuni soldati portarono questa bandiera questa bandiera durante la battaglia di Okinawa nel 1945, e la issarono per tre giorni sopra il Castello di Shuri.

La bandiera fu poi tolta il quarto giorno, sostituita da una bamdiera americana, una volta che il Generale Buckner (figlio di un generale della Confederazione!) si accorse di quanto accaduto!

Questa e’ la storia, ma ad oggi la bandiera degli Stati Confederati si puo’ trovare in tanti posti e stampata sopra molti oggetti.

Sui corpetti dei neonati,

sulle cover dei telefonini,

sui guanti da cucina (and.co),

sulle targhe delle macchine,

sui bikini indossati da belle sudiste,

sul tetto della general Lee, di Bo and Luke, in Hazzard (mitico telefilm!),

sul corpo di sudisti d’hoc, come tatuaggio,

sulla facciata di un ristorante italiano(!!) accanto alla bandiera americana (!!),

sulle spalle di gruppi tipo KKK (ku kux klan),

sulla tomba di convinti sudisti!!

Praticamente dappertutto (dalla nascita alla morte!), solo che se non ci si fa caso e non si conosce la storia, non la si nota!

Ma la cosa che e’ piu’ strana che nonostante il dibattito ancora in corso sul significato di questa bandiera, alcuni Stati del Sud, hanno ancora la confederate flag all’interno della bandiera del loro Stato!!

Bandiera del Mississipi:

Bandiera delle Georgia fino al 2001

Poi ci sono Stati come l’Alabama e la Florida che hanno bandiera che ricordano nella struttura la confederate flag.

 

Anche la bandiera della Capitale dell’Alabama, Montgomery, ricorda tantissimo la confederate flag.

Addirittura su alcuni stemmi della polizia dell’Alabama, compare la confederate flag.

 

Appurato che siamo circondati da confederate flags, rimane da capire se ancora oggi si possa mostrare la confederate flag, senza offendere nessuno.

A quanto si legge da Wiki, ancora oggi mostrare la Confederate flag rimane una cosa controversa e generalmente c’e’ disaccordo di opinioni.

Alcuni gruppi usano la Croce del Sud come simbolo associato alle loro organizzazioni, inclusi gruppi neonazisti, gruppi Ariani e Ku Klux Klan.

Resta il fatto che in molte universita’ e scuole americane l’uso di tale bandiera e’ stato vietato. Cio’ ha aumentato l’idea che l’uso di tale bandiera sia un segno innegabile di voglia di supremazia dei bianchi sui neri.

Tale idea e’ stata rafforzata anche dal fatto che tra il 1950 ed il 1960 i movimenti per i diritti civili, fecero della confederate flag un simbolo di antirazzialita’!

Ma a mio avviso la maggiorparte delle persone che usano questa bandiera, lo fanno solo perche’ rappresenta il passato del loro Stato e la differenza culturale e di tradizioni tra i paesi del Sud e del Nord.

La mia sensazione e’ confermata dalla lettura di molti blog e forum sull’argomento.

 

Ecco un sondaggio proposto da un blog: 

 

To me, The Confederate Flag represents my Heritage, not hate. I believe The Confederate Flag should be flying under the USA Flag, in the Southern States. What do ya’ll  (you all!!) think?

  

– I absolutely believe The Confederate Flag should fly!

– I’m not sure if The Confederate Flag should fly

– No, I think the Confederate None of the above (Please leave a comment)

– Undecided (Please leave a comment)

– Flag is racist.

 

 Che ne pensate voi ??!!

  

Finiamo con una vignetta.

 

16 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Bruno said, on 20 settembre 2010 at 5:25 am

    Grande post ! Peccato che da qualche anno non vado più a scuola (eh eh eh!!!) avrei fatto un figurone con la professoressa di storia.
    Scherzi a parte,veramente molto interessante…

    però sul bikini della bionda la bandiera non l’avrei mai notata😉
    Ciao

    • quattrovecchiinamerica said, on 20 settembre 2010 at 10:05 am

      ciao Bruno

      se la storia ce la avessero raccontata con appigli alla realta’ quotidiana, sarebbe stato piu’ facile studiarla!!!

      Ma lungi da me l’idea di diventare professore di Storia!!

      ciao Ezio

  2. Fabrizio said, on 20 settembre 2010 at 2:12 pm

    Ma c’è una sorta di situazione italiana in america? Cioè c’è la differenza tra nord e sud come comportamenti, come è in Italia. E tra est ed ovest?

    • quattrovecchiinamerica said, on 20 settembre 2010 at 8:18 pm

      Ciao Fabrizio

      di sicuro la differenza di comportamenti tra Nord e Sud esiste.
      A me sembra che il Sud sia piu’ fiero delle sue tradizioni e della sua storia. Al tempo stesso il Nord fa meno caso alle differenze tra loro ed i sudisti.

      Pero’ quando dico agli americani del Nord che vivo in Alabama, fanno una faccia come se avessi detto in Italia di vivere in LIbia!!

      Insomma anche se non lo vogliono dire la differenza tra Nord (est) e Sud esiste ed eccome. Ma e’ diverso dall’Italia in quanto il SUd comprende Stati sviluppati come la Florida, la Georgia. Stati come il Texas non arretrato e fiero delle sue tradizioni. Poi ci sono gli Stati piu’ “arretrati” come la Louisiana, il MIssissipi e l’ALabama.
      Insomma la situazione e’ diversa da noi, ma le differenze ci sono.
      Tra Est ed Ovest non so se ci sono pregiudizi, ma la California sembra essere una entita’ a parte, che guarda dall’alto gli altri Stati!!

      Ciao Ezio

      • gianluca16 said, on 21 settembre 2010 at 5:55 am

        beh si potrebbe dire che le differenze tra sud e nord ci sono, ma gli americani quando parlano della florida non la includono negli stati del sud, quando si parla di Missisispi, Alabama (senza offesa, cmq è messa molto meglio del nostro belpaese), Louisiana, Arkansas, ecc allora pensano a qualcosa di più rurale…..c’è da dire che quando si parla di stati del sud e del nord ci si riferisce cmq alla zona est, infatti oltre le montagne rocciose gli stati a ovest, vengono considerati stati dell’ovest e della westcoast…giusto Ezio?? ciao

      • quattrovecchiinamerica said, on 21 settembre 2010 at 10:00 am

        Ciao Gianluca ieri sera ho risposto ma troppo in fretta, perche’ stavo guardando la partita di foootbal tra Saints e 49ers! Comunque quello che hai detto mi sembra piu’ che giusto. Infatti il Nord sono pricipalmente gli stati dell’Unione (se volgiamo tronare alla guerra civiel americana) che si identificano in maggiorparte con gli stati del Nord Est dell’America. QUelli del Sud sono Alabama, Louisiana, Missisipi e forse il Tennessee. Poi c’e’ la Georgia e la Florida che sono molto piu’ avanzate. Il Texas e’ puro Sud ma e’ un sud a parte (Cow Boy per intenederci)!! Poi ci sono le zone montagnose del West, e la California che e’ un mondo a parte (sono molto progressisti e liberisti). E’ un buon argomento da apprfondire per un futuro post! Ciao Ezio

  3. Marco said, on 24 settembre 2010 at 7:38 am

    Mi sembra di aver riconosciuto il ristorante italiano con la bandiera… se non mi sbaglio si trova a Napoli, poi se sbaglio correggetemi.
    Saluti, Marco.

    • quattrovecchiinamerica said, on 24 settembre 2010 at 10:48 am

      Ciao MArco ma conosci il ristorante?? Se lo conosci perche’ non fai una foto tua per confrontarla? Ciao Ezio

  4. Stefano Jacurti said, on 26 ottobre 2010 at 10:44 am

    ciao se ti interessa ti lascio il mio blog sulla civil war dove troverai tante cose: battaglie, profili, personaggi, ecc ecc è continuamente work in progress:) belle le tue foto! capitato qui per caso non me ne sono andato e ti ho scritto, vivi in America da quello che ho capito:)
    un saluto
    Stefano

    http://infernobianco.maxiblog.it/11789/CANZONI+E+MARCE+GUERRA+CIVILE+AMERICANA.html

    Stefano

    • quattrovecchiinamerica said, on 26 ottobre 2010 at 2:56 pm

      CAro Stefano

      ho dato uno sguardo al blog e lo ho trovato bellissimo.

      Nei prossimi giorni cerchero’ di leggerlo di piu’, dato che l’argomento mi interessa. Bella la sezione dedicata anche alle musiche.

      MA dimmi una cosa: sono andato in prima in ifernobianco.maxiblog.it e poi all’indirizzo che mi hai postato. MA sono due blog diversi o lo stesso?

      In uno ho visto le canzoni e potevo navigare in vari posts, nell’altro (il primo potevo solo fare lo scroll degli articoli , senza poter scegliere quali vedere.

      FAmmi capire meglio come funziona.

      POi se hai voglia fammi sapere come e’ nata questa passione , inusuale , dentro di te!

      IO vivo negli USA da due anni, e dovro’ stare qui un altro anno ancora!

      TUtto quello che vuoi sapere di noi e; sul blog, e quello che non c’e’ me lo puoi chiedere!

      Ciao Ezio

  5. Stefano said, on 8 novembre 2010 at 6:34 am

    Ciao Ezio, il blog è lo stesso, sia per Inferno bianco, che per la civil war, sulla colonna di destra trovi tutti i vari argomenti:)
    un caro saluto
    Stefano

    • quattrovecchiinamerica said, on 8 novembre 2010 at 10:24 am

      Se mi ricordo come si fa, e se hai piacere, mettero’ nel mio blogroll il tuo sito. Fami sapere se sei interessato!! Ciao Ezio

  6. ARSENALVENDETTA said, on 16 febbraio 2012 at 8:03 am

    Quando Lincoln fu eletto presidente, passò immediatamente, con l’accordo del Congresso degli Stati Uniti, la Morrill Tariff (la piú alta tassa d’importazione della storia degli Stati Uniti), piú che raddoppiando i tassi d’importazione dal 20% al 47%. Questa tassa significò la bancarotta per molti cittadini del Sud. Nonostante il fatto che negli Stati del Sud fosse presente solo il 30% della popolazione degli Stati Uniti, essi pagavano l’80% delle tariffe. La tassazione oppressiva, la negazione del diritto di autogoverno dei singoli Stati, e un governo federale che non sentivano li rappresentasse, spinsero gli Stati del Sud a decidere di ritirarsi legalmente dall’Unione.

    Dal momento che i cittadini degli Stati del Sud si erano sottratti alla tassazione oppressiva ritirandosi dall’Unione, il solo modo per imporne il pagamento era quello di invadere gli Stati Confederati per obbligarli, con le armi, a ritornare nell’Unione.

    Abraham Lincoln invase quindi il Sud per imporre il pagamento di tale tassa d’importazione e soddisfare i suoi sostenitori, gli industriali del Nord. Non era lo schiavismo l’oggetto della discordia. La guerra di Lincoln costò le vite di 600.000 americani.

    La verità sulla bandiera confederata è che non a niente a che vedere con il razzismo e l’odio. La Guerra Civile non fu combattuta per ragioni legate allo schiavismo o al razzismo.

    Alcuni fatti sulla guerra e lo schiavismo
    Solo il 6% dei cittadini del Sud possedevano schiavi.

    Anche il Nord possedeva schiavi.

    L’ultimo schiavo morí 49 anni dopo la fine della guerra, e viveva AL NORD.

    Molti generali nordisti possedevano schiavi, anche dopo la guerra e negli Stati del Nord (per esempio Sherman e Grant).

    Lo schiavismo era solo una scusa per giustificare l’invasione del Sud da parte del Nord. (Chi ammetterebbe mai di combattere per riscuotere soldi?)

    Il proclama di “Emancipazione” di Lincoln liberò gli schiavi solo nei territori confederati, cosicché gli schiavi presenti nel territorio dell’Unione restarono schiavi (a molte grandi città del Sud sotto occupazione del Nord, come New Orleans, fu permesso di tenere schiavi dal momento che erano considerate come appartenenti al territorio dell’Unione, e molti Stati del Nord ancora avevano schiavi).

    Questo prova che la sola ragione per la quale gli schiavi furono “liberati” era quella di danneggiare l’economia del Sud, in modo da comprometterne lo sforzo bellico.

    Vari gruppi, come il KKK (Klu Klux Klan) hanno distorto il significato reale della bandiera confederata a loro uso e consumo.

    La bandiera di combattimento confederata rappresenta tutti i confederati del Sud, e anche del Nord, indipendentemente dalla loro razza o religione, e simbolizza meno governo, meno tasse, e il diritto del popolo di autogovernarsi. Viene fatta sventolare in memoria e in onore dei nostri antenati e veterani confederati che volontariamente versarono il loro sangue per l’indipendenza del Sud.

    • quattrovecchiinamerica said, on 16 febbraio 2012 at 1:37 pm

      Grazie per questo interessante contributo alla conoscenza della bandiera confederata!

      Ciao Ezio

    • Francesco said, on 12 maggio 2014 at 3:23 pm

      Non concordo per niente con ARSENALVENDETTA e se posso dirò la mia: Innanzitutto chiederei ad ARSENALVENDETTA dove ha sentito o letto questi fatti sulla guerra e lo schiavismo.
      DI seguito vorrei correggere il suo madornale errore. Quando gli Stati Confederati d’America si separarono, gli Stati Uniti d’America a malincuore riconobbero la separazione. Furono poi proprio le truppe della CSA qualche anno dopo (se non vado errato in termini di tempo) che fecero fuoco su Fort Sumter dando il via alla Guerra Civile.
      Dovresti poi capire che la bandiera confederata più conosciuta (quella dell’esercito confederato appunto) è ormai presa in considerazione per definire tutti quelli che furono i CSA soprattutto per la fama che riscosse anche dopo la guerra. Non è poi affatto distorta dai membri del KKK che si rifanno appunto agli spiriti dei soldati confederati caduti in battaglia per proteggere i loro ideali giusti o sbagliati che fossero.
      In my honest opinion, la bandiera confederata rappresenta un sistema politico retrogrado, decadente e schiavista che perse la Guerra che egli stesso fomentò (ricordiamo pure che nella Costituzione degli Stati Uniti del tempo non vi erano chiare leggi sulla possibilità di secedere dal territorio originario dichiarato) e non vedo perchè dovrebbero sventolare ancora bandiere del genere o peggio capeggiare su articoli come se fosse un marketing (vedi il facciotto di Guevara) soprattutto quando poi sono “morti” come nemici degli Stati Uniti d’America. Sarà tradizione per molti sudisti, certo, pure da noi in Italia la bandiera del Fascio può essere una tradizione per alcuni, però è bandita perchè il suo sistema politico oltre alle aggravanti di tirannia e genocidio, ha perso e si è rivelato un sistema politico inferiore e retrogrado. Ve lo dice uno che per tradizione ha un ramo della famiglia al tempo fascista e che comunque quando vede una bandiera del fascio è il primo a sentirsi offeso e indignato. Allo stesso modo vedendo una bandiera confederata da qualsiasi parte, se mi adiro io che sono un italiano senza legami con gli USA (se non il profondo amore e rispetto che provo per essi) figuriamoci un americano magari discendente di un veterano unionista.
      Una cosa è sicura, nella Guerra Civile vinse la parte migliore delle due Americhe. Ci fossero ora in Italia politici come Abraham Lincoln…
      Non me ne vogliate se la penso diversamente da voi. Anche se non condivido le vostre opinioni io le accetto e nessuno può impedirvi di pensarla così.

      “But whatever may befall us,
      we will let the Rebels see,
      The unconquered we shall remain
      the Army of the Free.”

      Goodbye😉

      • quattrovecchiinamerica said, on 16 maggio 2014 at 12:07 pm

        CAro FRancesco, grazie dei tuoi commenti?correzioni. o non so quanto te in merito, se non per quello che ho letto ma sopratutto per le bandiere che ho visto in Alabama nei 3 anni e passa di USA!! E ti posso assicurare che la bandiera confederata la trovi in tantissime occasioni ed in tantissime case. MA nessuno si adira piu’ di tanto. FOrse perche’ siamo nel profondo sud degli States regno degli schiavisti!! CIao Ezio


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: