4 vecchi in america

THANKSGIVING ON THE SEAROAD!

Posted in Usi e costumi, Varie by quattrovecchiinamerica on 27 novembre 2010

 

THANKSGIVING ON THE SEAROAD!

Puntuali come sempre (cioe’ un’ora di ritardo sulla prevista partenza, alle 9.00), alle 10.00 ci mettiamo in viaggio per Pensacola Beach. 

La distanza da percorrere non e’ enorme, ma sono sempre 610 Km, e da navigatore l’arrivo era previsto dopo 6h 10 minuti (senza considerare la sosta del pranzo, tra l’altro di Thanksgiving!).

Facciamo tutta una tirata fino a Montogomery (circa 3 ore da HSV) e ci fermiamo in un Cracker Barrel, lungo l’autostrada.

Erano le 12.40 ed il ristorante brulicava di americani in attesa, sulle sedie a dondolo sotto il portico, della loro porzione di tacchino.

Non ci siamo neanche fermati ed abbiamo proseguito fino a Greenville, ed alle 13.30 eravamo seduti in un altro Caracker Barrel. 

Cambiando ristorante e citta’ nulla cambia: i Cracker Barrel sono tutti uguali, sia come edificio che come cibo (sembrano tanti cubi calati da un elicottero, gia’ arredati)!!!

Dovete sapere che a Cracker Barrel non servono alcolici di nessun tipo.

E mangiare tutto il ben di Dio salato che ti propone il ristorante, pasteggiando a te amaro\dolce o Coca annacquata, mi fa sempre rovinare il pasto!

Anche perche’ i piatti non sono affatto male (per essere un ristorante catena).

Allora mentre i ragazzi si scatenavano sul prato, dopo 3 ore di prigione forzata nei sedili della macchina, mi e’ venuta una idea!

Avevo una bella lattina fresca nel borsa frigo, che ci portiamo sempre appresso nei viaggi (piena di panini e frutta), ed ho pensato bene di metterla nelle bottiglie di acqua dei bambini!

Ed ecco il risultato finale: Buzz ripieno di birra ghiacciata!!

Felice come un bambino che ha intinto il dito nella nutella, sono entrato nel ristorante, per ordinare il tacchino e gustarmi una bella birra ghiacciata!!

Nel ristorante abbiamo trovato una foto del Colosseo, molto antica!

 

 Sara ha ordinato il suo piatto preferito: Mac and Cheese! 

Paolo due uova con pancetta abbrustolita!!

Non si puo’ dire che abbiano dei gusti italiani!

Qui sotto Stefania che, come tutte le mogli, prima ha criticato l’operazione “birra dentro Buzz”, poi ha bevuto di gusto la birra fresca!!

A sinistra della foto, potete ammirare il piatto del ringraziamento preparato dal ristorante.

Bruttino a vedersi e neanche tanto buono!

Io e Sara all’uscita del ristorante, addobbato a Natale.

Prima di ripartire, dieci minuti di riposo sulle sedie a dondolo che sono sotto il porticato del ristorante, mentre i ragazzi giocavano a scacchi.

Le 2 ore successive di viaggio sono passate velocissime, anche perche’ il cielo offriva scorci molto panoramici!

Verso le 17.00 siamo arrivati in albergo, ed era gia’ buio pesto, ma era molto caldo, circa 26 gradi! 

L’albergo da fuori non dava una bella impressione, dato che il bianco accecante che si vedeva nelle foto del sito, non si vedeva, anzi le luci basse e gialle lo facevano sembrare scuro e poco bello.

Invece non appena entrati l’impressione negativa che avevo avuto, dovuta solo alle luci gialle (d’atmosfera), e’ subito cambiata, diventando invece positivissima dopo aver visto la hall e sopratutto la camera: nuova di zecca, ampia, pulitissima e con arredamenti di gusto ed ultramoderni (compresi i sanitari del bagno, che era dotato di una doccia bianca accecante, che poteva ospitare comodamente 4 persone!).

La stanza era con vista oceano, ma era notte e non si vedeva nulla!

Si sentiva solo il forte rumore delle onde, che si infrangevano sulla spiaggia.

La mattina ci siamo svegliati con un solo meraviglioso e con questo panorama dal nostro terrazzo. 

http://www.youtube.com/v/OFp05eS5JQM?version=3

Finiamo con un po di buon umore.

Thanksgiving visto dalla parte dei tacchini:

E ricordatevi che:

8 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. claudio said, on 28 novembre 2010 at 7:05 am

    Ciao, belle foto che danno un’idea anche del cibo…ma notavo la stranezza del divieto di vendita alcoolici….come funziona?

    • gianluca16 said, on 29 novembre 2010 at 4:39 am

      Quella catena di ristoranti non vende alcolici.
      comunque ricordo un post vecchio che diceva che esistono contee e città dry dove non si vendono alcolici, le contee e le città sono libere di decidere tramite un referendum di vietare la vendita di alcolici….quelle dove sono permessi gli alcolici si chiamano wet.
      Cmq in nessun luogo è possibile bere per le strade, unica eccezione il mardi gras a new Orleans (vero Ezio?) ma comunque devi avere + di 21 anni…..

      • quattrovecchiinamerica said, on 29 novembre 2010 at 10:00 am

        Caro Gianluca quello che scirvi e’ giusto. L’unica cosa che va corretta (alemno a quanto mi dicono le persone che incontro di NEw Orleans) e’ che li si beve (e non solo) sempre a tutte le ore. Non solo durante il MardiGras! Ciao Ezio

    • quattrovecchiinamerica said, on 29 novembre 2010 at 9:10 am

      Ciao Claudio ho visto che ti ha risposto (e bene) Gianluca! E’ come dice lui, in USA ci sono Contee wet (dove si possono berealcolici, ma non per strada, ma solo nei locali che li vendono) e Contee Dry (secche, dove non si possono bere alcolici). Quindi se vivi in una Contea dry e vuoi bere una birra devi andare in un’altra contea a bere od a comprare la tua birra! Poi all’interno di alcune contee ci possono essere delle citta’ dry o wet! Quindi puoi vivere inuna Contea dry e trovarci al suo interno una citta’ wet, e viceversa!! La cosa sicura e’ che non puoi bere alcolici per strada, facendo vedere la bottiglia in pubblico!! Mentre a New Orleans (non solo il MArdi Gras, ma sempre) puoi fare quello che vuoi!! NO (New Orleans) e’ unb po come una Disneyworld per adulti. Li si puo’ bere, vedere donne con il loro ben di Dio in bella mostra dalle finestre di Bourbon Street e nessuno dice nulla! Molti americani vanno li per superare le barriere moralistiche di cui l’America e’ piena!! Ciao a tutti Ezio

  2. stefania said, on 29 novembre 2010 at 1:26 am

    Hi Ezio
    your reports are always interesting,
    and I always love American skies, are
    so picturesque and various.
    Kisses Stefy

    • quattrovecchiinamerica said, on 29 novembre 2010 at 9:18 am

      Hi Stefy we’re back from our short amazing sea holiday. We’ve made some beautiful pictures. This week I’ll post them in! Bye Ezio

  3. Emanuele said, on 30 novembre 2010 at 3:03 am

    Ciao Ezio, dolo un piccolo saluto e i complimenti per il nickname di youtube, alla prossima.

    • quattrovecchiinamerica said, on 30 novembre 2010 at 7:12 am

      CAro Emanuele

      il nome su youtube, non e’ frutto di amore per il sado o per il rock metallaro, ma solo perche’ tanti anni fa, quando internet era agli albori, scelsi questo ributtante nickname, per tenere lontano i rompipalle dai miei vari account!

      Prima sembrava ce inernet fosse il diavolo!

      Ora lo ho mantenuto, anche se fa un po senso!!

      GRazie ancora per la consulenza tecnica

      un abbraccio ai tuoi

      Ezio


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: