4 vecchi in america

IL CASH BACK E NON SOLO!

Posted in Usi e costumi, Varie by quattrovecchiinamerica on 3 febbraio 2011

 

IL CASH BACK E NON SOLO!

 

Da tempo volevo scrivere sul cashback, dato che e’ una cosa utile e che da noi non esiste, ma mi dimenticavo sempre!

Una cosa che in USA e’ diffusissima e’ il servizio di cashback che molti negozi forniscono al cliente.

Tale servizio, a mio avviso, e’ semplice, geniale, utilisimo oltre ad essere gratuito!

Immaginate di essere al supermercato, in fila per pagare la spesa (con i bambini che vogliono comprare gli oggetti inutili e costosi messi ad arte di fronte alle casse e tua moglie che ti incalza per sapere quante buste chiedere).

Al momento del pagamento, aprite il portafoglio e notate di avere solo pochi Euro!

Invece di andare al Bamcomat e ritirare dei soldi (pagando la gabella truffaldina di 2 Euro o piu’, che le banche molto amichevomente applicano ai loro amati clienti), mentre si paga la spsa con la carta di credito, sul display del POS della cassa del supermercato potete leggere questa scritta: “do you want cashback”?

Significa che puoi ritirare dalla cassa del supermercato (gratuitamente) una certa cifra, scelta a piacere dal display del POS.

Questa cifra, oltre al conto, verra’ addebitata sul tuo conto in banca istantaneamente.

Naturalmente non si possono ritirare cifre altissime, credo massimo 100 $, ma e’ molto utile se non si vuole perdere tempo ad andare al bancomat (qui ATM e spesso utilizzabili con il drive through).

Io da quando sono in USA sono andato solo una volta al bancomat, proprio perche’ ancora non sapevo della possibilita’ di fare il cashback!

E questo succede in moltissimi negozi.

Questo servizio dovrebbe essete disponibile in Italia (gratuitamente), perche’ facilita di molto le operazioni bancarie e ti fa risparmiare tempo/soldi e perche’ no benzina (se per esempio siete in una localita’ a voi non nota e dovete andare a cercare un bancomat, perdete tempo e spendete soldi per la benzina).

 

Ma credo che sia difficile da importare la mentalita’ di fare le cose veloci e senza farlo pesare economicamente sul cliente!

Pensate ad esempio alle fattura emesse dagli alberghi in Italia.

Una volta che l’albergo ha emesso una fattura, se per un qualsiasi errore al cliente serve cambiarla, inziano i guai!

Cambiare una fattura in un albergo italiano equivale a cambiare la Costituzione dell’Italia. Ti fanno mille problemi (reali o inventati), facce brutte ed alla fine se sei molto ma molto perseverante ci si riesce (ma in pochi casi)!

Qui in USA se devi cambiare una fattura, gli albergatori prendono quella vecchia la stracciano e te ne fanno una nuova!

Se non ti piace, te la cambiano ancora, dato che e’ stampata su dei normalissimi fogli A4!!

Stessa cosa per gli scontrini fiscali.

Se in Italia dovete fare un cambio di un articolo (cosa che non auguro a nessuno, con la propensione che i negozionati italiani hanno ad osteggiare il cliente), dovete portare l’imballaggio intatto (magari non aperto) e lo scontrino fiscale.

Spesso mi e’ capitato di non avere lo scontrino fiscale, ma solo la ricevuta della carta di credito con cui ho pagato la transazione.

In Italia non va bene. Sembra che gli hai presentato la lista della spesa fatta dalla nonna!

Eppure la ricevuta della carta di credito mi sembra essere un documento che attesta il fatto di aver comparto in quel negozio quella merce, per quel valore!!

NO WAY, in Italia.

Qui in USA se hai la ricevuta di pagamento eseguito con la carta di credito, loro rintracciano sul computer il giorno del pagamento, l’articolo venduto e dopo 1 minuto puoi cambiare l’articolo senza problemi.

La tecnologia esiste, e’ matura, facile da utilizzare, ma noi la disconosciamo!!

Tutto sembra fatto apposta per andare contro il cliente (in Italia), le facilitazioni sono rare da trovare e se le trovi ci si chiede:”dove sta la fregatura”!

Oggi alla radio sentivo che a LOWES (negozio tipo Le Roy Merlin) che vende materiali per la casa/giardino,

offrivano al cliente la possibilita’ di stipulare in loco i contratti con l’idraulico, il muratore  il carpentiere ……….

Quindi vai nel negozio, ti compri il materiale che ti serve per rinnovare la casa, stipuli un contratto con i professionisti che ti faranno il lavoro e torni a casa tranquillo. Non devi pensare piu’ a nulla se non a controllare che il lavoro sia fatto bene (in cso cotraric’e’ la garanzia del negozio, che ti copre contro i rischi di un lavoro malfatto).

Anche questo e’ un esempio di come le cose potrebbero essere fatte bene, per far risparmiare tempo (non so soldi, ma se un negozio grande come Lowes fornisce un servizio del genere, credo che i prezzi siano competitivi rispetto ai prezzi di mercato) al cliente.

Chiudo dicendo che in USA i prezzi sono esposti senza IVA, e che tale imposta varia da Stato a Stato.

Quindi attenzione a quando leggete un prezzo.

Alla cassa potreste pagare ben di piu’!!