4 vecchi in america

FIRENZE, QUELLA AMERICANA, ANZI QUELLA DELL’ALABAMA!

Posted in Escursioni-Viaggi, Usi e costumi by quattrovecchiinamerica on 28 febbraio 2011

  

FIRENZE, QUELLA AMERICANA, ANZI QUELLA DELL’ALABAMA!

 

Domenica scorsa approfittando delle temperature piu’ miti, ci siamo diretti alla volta di Firenze, anzi meglio Florence.

Dovete sapere che di citta’ americane con lo stesso nome di molte  nostre citta’ italiane, ce ne sono tantissime. Cosi’ di Florence in America se ne trovano decine, cosi’ come di Venice, Rome e Palermo!

A circa un’ora di macchina da HSV c’era  Florence, di cui avevo sentito parlare bene da amici americani e cosi’ siamo andati a visitarla.

Il vero motivo della visita, non era tanto visitare Florence (che per quanto bella poteva essere, non meritava una gita!), ma vedere la “neoclassica” Wilson Dam.

La Wilson Dam, e’ una delle 9 dighe gestite dala TVA (Tennessee Valley Authority) sul fiume Tennessee, dichiarata  National Historic Landmark nel Novembre del 1966.

La costruzione e’ iniziata nel 1918 e si e’ completata nel 1924.

Ha una altezza di 137 feet (42 m) ed una lunghezza di 4,541 feet (1,384 m) lungo il the Tennessee River.

E’ costata circa 47 milioni di $.

Ha un canale principale utilizzato per far passare le navi da un lato all’altro della diga (lock)

alto 110 feet (34 m) lungo 600 feet (180 m), ed uno secondario alto  60 feet (18 m) e lungo 300 feet (91 m). Entrambi i canali possono operare insieme.

Piu’ di  3.700 navi passano per la Wilson Dam pgni anno!

La capacita’ della diga e  di 675 megawatts.

La diga e’ stata chiamata cosi’ in onore del presidente americano Woodrow Wilson.

Chi ci legge da tempo, avra’ capito che le dighe mi affascinano non poco, e la famiglia e’ “costretta” ad ammirare questi giganti di cemento!

Ecco i ragazzi proprio sopra il punto di osservazione, ai lati della diga,

 

con tanto di cannocchiale!

 Ed ecco la diga in tutta la sua bellezza!

Eccoci proprio ai lati diga (per la cronaca si puo’ passare con la macchina esattamente sopra la diga, ma non ci si puo’ fermare per motivi di sicurezza), ripresi da Paolo.

Chi volesse avere una visione aerea della diga, puo’ recarsi nella Renaissance Tower, proprio di fronte al Marriot Hotel, e godersi lo spettacolo!

Dopo aver ammirato da vicino la diga, abbiamo cercato un posto per fare merenda. Avevo portato tende, sedie e tavolini, per fare un picnic ai bordi del fiume.

Non conoscendo la zona, l’unico posto che sono riuscito a trovare e’ questo spiazzo di verde ai bordi del fiume, ma a VALLE della diga!

Debbo dirvi la verita’: il fatto di sapere che a poche decine di metri c’era una mole di acqua enorme (pronta a travolgerci, in caso di sfiga immensa!), non mi ha fatto godere il panino con la nutella!

Ci siamo messi un po’ a pescare con i pesci di plastica, mentre Stefania prendeva il sole sulla sedia.

Una volta vista la cosa per cui avevamo viaggiato piu’ di 1 ora, ci siamo diretti a Florence per andare a mangiare.

Florence si chiama cosi’ non a caso!

Vi riporto l’interessante storia della scelta del nome di Florence, in inglese pero’!

Florence, Alabama, is the largest of four smallish towns (total population, 140,000) that comprise the Florence Metropolitan Area.  It was designed by Italian surveyor Ferdinand Sannoner in 1818. This young, 23-year-old surveyor was a native of Tuscany and, when he was given permission to name the new Alabama town, he chose Florence as a tribute to his favorite Italian city by the same name.
Over the years, there have been tentative efforts at maintaining the connection between the city of Florence, Alabama, and its Italian counterpart.  Local historians, in particular, have kept careful records of the life and times of Ferdinand Sannoner and of his genius in designing a town with streets as wide as 115 feet and a public park almost exactly in the center of the downtown grid of streets.
In 1987, a group of community volunteers decided that a fitting connection between the two cities would be a Renaissance Faire.  Since the Italian Renaissance began in Florence (Firenze) in the 13th century, a re-enactment of a Renaissance-era trade fair seemed very appropriate.  What began as a small happening has evolved, eighteen years later, into an excellent regional Faire that attracts 35,000 to the two-day event on the fourth weekend in October.  (An authentic Renaissance Feast precedes the Faire on the third Saturday in October.)
The Florence City Council has caught the spirit of these two events and has officially named Florence, Alabama, the Renaissance City.  Its logo is now the giglio (the Italian version of the French fleur de lis) and appears on all public signage, tourism-related brochures, city stationery, etc.
Enter the Florence Main Street program.
In 1992, local officials decided that the city should join Alabama’s Main Street program, an affiliate of the national program by the same name.  Subsequently, Florence’s program was judged the best in the state.  In 1998, one of its four committees, Design, determined that it wished to present a permanent gift to the city in celebration of the new millennium.  So it set about to determine just the right choice for this extraordinary event.
After many discussions over a period of weeks, the committee found its solution in the new public library building that was, at that time, still on the drawing board.  Should the gift be a fountain for the garden at the rear of the new building?  Should it be a bronze statute for some corner inside?  A meeting with the architect provided the answer.
As part of the interior design, the architect had included two large circles in the floor – a 20 foot-diameter circle in the main rotunda; the other, a 10-foot-diameter at one of the two entries.  Through collaboration with the architect, the committee determined that a permanent medallion or mosaic in the 10-foot circle was the perfect gift.
A member of the committee made contact with Anne Leslie Warren, a Florence native with her own interior design business, W Design Group, in New York City.  Warren  enlisted the assistance of Joost De Quack, a New Yorker who hails from the The Netherlands and specializes in creating beautiful things from various types of stone and tile. 
The two of them agreed on a basic design and fine tuned it to the satisfaction of the firm in Florida that would execute their ideas.  Three large giglios (in black marble with flecks of imbedded gold imported from Florence, Italy) would be the focal point of the large circle.  Its perimeter would have two narrow bands of black marble with a wider band of gold marble between them.  Inscribed in black on the gold band, these words would appear three times:  “Ex Libris Florentinis” – classical Latin for “From the Books of Florence.” 
So the dream of Florence Main Street’s Design Committee had come true.  But how to pay for it?  Warren and Joost had done their work pro bono, but there was the matter of marble and design execution and shipping (ever so carefully) from the fabrication site in Florida to the new library building in Alabama.  Here’s the way it happened:  Members of the Design Committee developed a calendar for the year 2000.  Each page boasted an artistic black-and-white photograph of a downtown Florence building with a brief history of that building accompanying it.  The sale of that calendar was so successful that the committee created a second one for the year 2001.  These were followed by a well-publicized guided tour of selected upper-floor apartments in downtown Florence commercial buildings (a phenomenon that has since caught on in other Main Street cities in Alabama), aptly called “Upstairs in Downtown.”  Then a retired professor of art from the local university agreed to do a pen-and-ink sketch of the new public library.  Copies of his sketch were published:  some as signed artist’s proofs, others as signed-and-numbered prints, while still others as unsigned prints.  These were sold to a public anxious to have a memento of the library’s grand opening which was held to great applause on December 10, 2002.
This story, then, is actually a tale of four cities:  Florence, Italy; Florence, Alabama; New York, New York; and Tampa, Florida.  All played significant roles in bringing to a successful conclusion a project which produced a thing of beauty that is truly worthy of being called a millennium gift to a fine Southern town.

E dato che eravamo in terra quasi italica (chi ha letto sopra sa perche’), per mangiare avevo scelto questa tipica trattoria da Bel Paese! 

Ma nel ristorante c’erano solo tre clienti e dentro la sala era tutto scuro. Insomma non attirava affatto, nonstante le recensioni lo davano come tra i migliori del luogo.

Allora abbiamo scelto il piu’ frequentato Legends Steakhouse!

Il ristorante era pieno, infatti abbiamo aspettato 10 minuti prima di sederci.

Ecco alcune pietanze da noi ordinate:

i famosi pomodori verdi fritti (che non mi piacciono per nulla, ma continuo ad ordinarli, sperando che un giorno mi piacciano!),

ribs, baked potatoes and coleslaw (di Stefania),

hamburger con cipolla cotta, mashed potatoes and black peas (per me).

Nonostante i piatti fossero presentati bene, il locale pulito e pieno di gente, posso tranquillamente dirvi che forse la trattoria italiana era meglio!!

All’uscita di siamo incamminati nel centro storico di Florence (una via!), desolatamente vuoto e privo di qualsiasi edificio notevole!

Il cinema,

una via dove si potrebbero ambientare dei film di gangster,

panchina scomoda,

pub esteticamente particolare, 

moto americane,

la banca,

edificio non meglio identificato,

la posta,

il parco.

Certo a confronto con altre piccole cittadine viste fino ad ora, Florence non e’ poi cosi’ male, ma non vale assolutamente la pena di fare un viaggio per vedere solo la citta’!!

Allora per non aver fatto un viaggio per vedere solo la diga e la cittadina, siamo andati a vedere la famosa (non per me!) casa Usoniana dei Rosenbaum!

The Rosenbaum House is a single-family house, designed by architect Frank Lloyd Wright and built for Stanley and Mildred Rosenbaum in Florence, Alabama. A noted example of his Usonian house concept, it is the only Wright building in Alabama, and is one of only 26 pre-World War II Usonian houses. Wright scholar John Sergeant called it “the purest example of the Usonian.”

Frank Lloyd Wright (Richland Center, 8 giugno 1867Phoenix, 9 aprile 1959) è stato un architetto statunitense, figura centrale dell’architettura organica.

Assieme a Le Corbusier, che rappresenta forse in maniera più emblematica l’altro lato dell’architettura moderna (quello della cosiddetta architettura funzionale), è uno dei maggiori esponenti del Movimento Moderno in architettura ed il rappresentate di maggior rilievo dell’architettura organica.

La casa da fuori e’ molto particolare, dentro non lo so perche’ era Domenica ed anche qui la Domenica i Musei sono chiusi!.

Per i curiosi, ecco alcune foto degli interni della casa dei Rosembaum.

E dato che eravamo di strada, siamo andati a vedere, sempre da fuori perche’era chiusa anche questa, la casa di Hellen Keller.

Helen Adams Keller (Tuscumbia, 27 giugno 1880Easton, 1º giugno 1968) è stata una scrittrice, attivista e insegnante statunitense, sordo-cieca dall’età di 19 mesi. Alla sua vicenda, e a quella dell’istitutrice che le insegnò a interagire con il mondo esterno così da poter affrontare gli studi fino alla laurea, fu dedicato il romanzo The Miracle Worker, da cui furono tratti sia un film che una rappresentazione teatrale, entrambi con lo stesso nome del romanzo, che in italiano è noto come Anna dei miracoli.

Chi non ha visto il tristissimo film Anna dei miracoli da piccolo??!!

Allora dato che la casa era chiusa, ci siamo messi sotto il mega albero vicino al cartello che indicava la casa di Hellen Keller,

 ed abbiamo giocato con i bambini alle rime! 

Verso le 5 i bambini si erano scocciati a giocare alla rime

e ci siamo incamminati verso casa.

Tornando a casa la sensazione di desolazione che avevamo avuto all’andata si e’ confermata!

Infatti lungo le strade abbiamo trovato solo negozi, pompe di benzina e ristoranti desolatamente abbandonati e chiusi!

Segno che allontanandosi da HSV la situazione economica non e’ delle migliori!

La presenza di afroamericani e’ molto maggiore rispetto ad HSV (gia’ alta), in giro si vedono + macchine con cerchioni maggiorati in lega,

ho visto un paio di persone (nere) che portavano i calzoni non a vita bassa, ma con il sedere completamente di fuori e ciliegina sulla torta un signore nero si e’ accostato al mio finestrino (lui era nella sua macchina) e si e’ lamentato della mia guida troppo al centro della strada.

A dire la verita’ non sembrava molto minaccioso, ma io per non sbagliarmi gli ho chiesto scusa (e probabilmente aveva ragione, dato che quando si va in vacanza e non si conoscono le strade e’ facile guidare non nella propria corsia)  ed ho cambiato strada!!

17 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. adr said, on 28 febbraio 2011 at 5:20 am

    una cittadina evacuata

    ezio ma mi chiedevo,la sensazione che si ha vedendo film americani,le strade gli edifici etc,la si sente anche quando si vive in quelle zone,o è solo finzione cinematografica

    credo di no vedendo quella via che hai citato

    per esempio ad auschwitz una volta li si sentono le stesse sensazioni di quando la vedi per televisione,stessa cosa tokyo

    • quattrovecchiinamerica said, on 28 febbraio 2011 at 8:57 am

      CAro Adriano

      la sensazione di strade vuote e di desolazione, e’ netta e chiara nelle piccole cittadine americane.

      Come piu’ volte ho detto ad HSV il sabato e la domenica, nel downtown, sembra di essere ad Hiroshima!

      Il lato positivo che puoi fare quello che vuoi ed il parcheggio e’ ancora piu’ facile degli altri giorni (gia’ facilissimo per noi!!).
      Ciao Ezio

  2. Fabrizio said, on 28 febbraio 2011 at 7:23 am

    Madonna che tristezza che m’è venuta…….

    • quattrovecchiinamerica said, on 28 febbraio 2011 at 8:55 am

      CAro Fabrizio e Gianluca

      la desolazione delle cittadine americane, specialmente nei loro downtown, e’ un classico delle dittadine medio piccole americane!

      Poi se ci vai di Domenica le troverai sempre vuote, come durante in un bombardamento!!
      GLi americani vanno TUTTI in chiesa e non trovi un’anima in giro!

      ANche perche’ c’e’ poco da fare e da vedere!!

      PEro’ se vai un un mall troverai un po’ piu’ di vita!

      D’altronde se a Roma vai nel mio quartiere di Domenica pomeriggio, non trovi quasi nessuno, ma se ti sposti al centro commericale vicino, lo trovi pieno di gente che invece di uscire si rinchiude (compreso me) in questi nuovi centri di aggregazione sociale!!

      Ciao Ezio

      • gianluca16 said, on 28 febbraio 2011 at 11:13 am

        il fatto che non c’è nessuno potrebbe anche essere positivo…..puoi fare un po’ quello ke vuoi………..ma alla lunga stanca non vedere nessuno in giro la domenica…..

      • quattrovecchiinamerica said, on 28 febbraio 2011 at 12:04 pm

        Come dicevo prima se vuoi si puo’ stare in compagnia la Domenica. Basta scegliere un posto che gli ameircani amano! Feste, mercati, fiere eventi sportivi mall ………… Ma non il downtown!!! Ciao Ezio

  3. gianluca16 said, on 28 febbraio 2011 at 8:18 am

    cocordo, sembra una città diasabitata…..

  4. Marco said, on 28 febbraio 2011 at 8:32 am

    Sinceramente, non so come abbiate fatto a stare nelle desolazione assoluta, forse perchè in Italia quando si vede una zona isolata si teme una rapina, e forse in America non si sentono queste cose… Ciao, Marco.

    • quattrovecchiinamerica said, on 28 febbraio 2011 at 12:03 pm

      Caro Marco i centri cittadini sono di solito poco affollati rispetto ai nostri! Qui si arriva a degli eccessi, infatti durante gli orari delle messe per strada non trovi mai nessuno!! Ma dopo non e’ che sia molto meglio!! Ma se vuoi trovare gente, basta andare dove ci sono fiere, sagre e simili! Li trovi sempre persone con cui fare quattro chiacchiere! Ciao Ezio

  5. stefania said, on 2 marzo 2011 at 2:14 am

    Hi Ezio
    you’re always precise and detailed in your posts,
    and you know that I’ll miss this very much,when
    You closed the blog.
    News on the dam are interesting,but Florence city seem to boring
    Kisses Stefy

    • quattrovecchiinamerica said, on 2 marzo 2011 at 8:16 pm

      Hi Stefy

      the best is not to think to the blog ending!

      Flroence has been not so exciting, tha dam yes!

      Bye Ezio

  6. Fabrizio said, on 2 marzo 2011 at 6:40 am

    Sta storia delle messe m’intriga. Sono molto cattolici gli americani? Di piu’ di noi o di meno?

    • quattrovecchiinamerica said, on 2 marzo 2011 at 8:14 pm

      Caro Fabrizio, mi hai dato una ottima idea per un post!!

      Ciao Ezio

  7. Valentina said, on 13 novembre 2012 at 2:32 am

    ciao Ezio!!come al solito gli americani vogliono copiarci ma con scarsissimi risultati!! metti pure Buddy Valastro noto pasticcere di Hoboken originario della nostra Italia..quando fa il programma dove cucina tenta di emulare la nostra cucina ma inevitabilmente la”americanizza” sempre un bel pò!ci”storpiano”ciò che di più bello abbiamo nel nostro(‘na volta!!!) bel paese…la cucina e le belle città d’arte!! anche perchè mi pare di capire che oltre a fatti avvenuti in periodi di guerra non siano così ricchi di storia come noi!:)

    • quattrovecchiinamerica said, on 14 novembre 2012 at 2:54 pm

      Valentina la storia in USA non sanno cosa sia. PEr loro un palazzo del 1800 e’ monumento storico, io ho una casa nelle marche del 1600 e sarebbe un masterpiece per gli americani!!

      PEr la cucina posso dirti che di certo non si mangia meglio che da noi, ma la varieta’ di cibo e’ di gran lunga maggiore!

      CIao Ezio

      • Valentina said, on 16 novembre 2012 at 2:53 pm

        forse è per quello che adorano l’Italia e ci vogliono in un certo senso”emulare”!🙂
        lo storia ce l’hanno a scuola come materia di studio?!🙂

      • quattrovecchiinamerica said, on 19 novembre 2012 at 4:18 pm

        si certamente la storia loro la studiano a scuola!

        E per il fatto di emulare, credo che siano maestri nel prendere il meglio da altre nazioni, tralasciando il peggio.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: