4 vecchi in america

PANE E VINO PIZZERIA, TREMENDOUS TREEHOUSES AND UNCLAIMED BAGGAGE!

Posted in Famiglia e dintorni, Fiere-Feste-Musei by quattrovecchiinamerica on 8 settembre 2010

 

 

PANE E VINO PIZZERIA,

TREMENDOUS TREEHOUSES

AND

UNCLAIMED BAGGAGE!

 

La famiglia Vecchi “allargata” (la mia famiglia e quella di mio fratello) ha iniziato il tour di Huntsville incamminandosi (tutti e sette nella nostra Isuzu Ascender),

verso il museo dei bimbi, meglio conosciuto come Early Works Museum.

Del museo ne avevo parlato in un prcedente post, e quindi non aggiungo altro, se non qualche scatto dei bimbi felici.

Alessandro inizia a suonare le musiche tipiche dell’Alabama.

Sara gioca nella vasca con l’acqua (dove i bimbi generalmente si bagnano completamente).

Ecco i due cassieri, che contano i soldi!

Passate le solite due ore nel museo, siamo usciti e ci siamo incamminati attraverso il vicino parco (Big Spring Park) verso un nuovo ristorante, aperto da circa un anno.

Questo cartello, tra il lago ed il parco con un fiumiciattolo, mi ha sempre incuriosito!

Ed ecco le duck, che attraversano la strada, protette dal cartello!

Il ristorante, in realta’ e’ una pizzeria e si vanta di fare un pizza stile New York: fina e crostosa (“in crust we trust”!).

Ha una sala al chiuso piccolina ed un outdoor patio, proprio di fronte al lago,

 

che con il sole rende il pranzo piacevolissimo.

 

Proviamo a prendere un pizza con rucola, pomodoro fresco e prosciutto,

e vari calzoni semplici, con ricotta e mozzarella (con salsa di pomodoro a parte, per fortuna!).

Il calzone era veramente buono, delicato, e fragrante!

Il sapore della mozzarella del calzone sembrava naturale e non “scivolava” sul sapore del cheese, come di solito accade nelle pizze americane.

La pizza, seppure fragrante, era troppo troppo saporita!

Praticamente non mangiabile, per me!!

Dato che il menu offriva dolci tipici italiani (solo nel nome),

abbiamo provato un tiramisu (assolutamente da bocciare), un affogato al caffe’ (buono, tranne la panna, che proveniva dalle bombolette spry!) ed un caffe’ che era fratello del tiramisu: cattivino, lungo e bruciatino!

Questa e’ la recensione del ristorante fatta da un sito web locale:

I recently went to a preview party of the new Pane e Vino at the Huntsville Museum of Art, the former space of Cafe Baba. It is a pizzeria featuring hand-tossed New York style thin crust pizza with quality ingredients. The pizzeria features an outdoor patio seating overlooking Big Spring Park.

You can order your pizza by your favorite artist, there’s the Michaelangelo, the Monet, Salvador Dali, Picasso, Van Gogh, Warhol, Jackson Pollock, Matisse, DaVinci, and the Clemenza.

They also have calzones (Traditional, Italian, Greek or Personalized), salads and Italian desserts (Tiramisu, Cheesecake,Affogato, Pannacotta, and Gelato. You can also get Italian ice in lemon, mango (very refreshing!), and blue raspberry. They offer Italian wines in red or white, as well as wines by the glass and draft beer.

Pane e Vino is affordbable (ranging from $4-$12) and family friendly, open 7 days a week for lunch and dinner. It is located at 300 Church St. in the bottom level of the Huntsville Museum of Art. For more information, call (256) 533-1180.

Recensione esagerata, ma i prezzi non sono esagerati, anzi!

A pancia quasi piena, portiamo i ragazzi a vedere le tremendous treehouses, al giardino botanico.

E’ una mostra di case costruite sugli alberi del giardino botanico.

I ragazzi sono molto contenti, a giudicare dalla faccia di Paolo!

Sparsi nel giardino ci sono animali fatte con le balle di fieno, come questo ragno, che desta apprensione nei bimbi,

spaventapasseri, come questo di Jack Sparrow,

quello di Hanry Potter,

e belle ninfee nel laghetto.

Poi tutti a caccia delle case sugli alberi che erano sparse all’interno del giardino.

Non tutte erano facilmente visibili, dato che il giardino e’ grandissimo, e le case nascoste in mezzo alla foresta.

Di case ce ne erano di tutti i tipi, ed alcune alte abbastanza da spaventare i ragazzi nell’ascesa!

Di sotto i ragazzi in ordine sparso, che si dirigono verso la casa di latta, tiranti e legno!

Questa era a tema Guerre Stellari.

Le tre casette di sotto erano normali e non erano soprelevate, ma sempre carine.

Questa sotto era a forma di ponte,

questa invece a forma di aereo,

e questa futuristica!

Il giorno dopo siamo andati a fare una passeggiata a Scottboro (45 minuti da HSV), dove c’e’ un negozio unico, quanto inutile (sempre a mio avviso!).

Vi do un indizio-fotografia su che tipo di negozio articoli vende il negozio:

Quante volte ci siamo chiesti dove vanno a finire le valigie perse all’aeroporto.

Vanno in gran parte al centro “unclaimed baggage” di Scotboro!

Il padrone, per me un genio del commercio, ha iniziato con 300 $ ed un pick up.

Ora ha svariati centri di unclaimed baggage, sparsi in USA!!

Il negozio e’ abbastanza grande ed ha di tutto.

Non posso elencare tutto quello che c’e’ perche’ in giro per il mondo si perde di tutto e di piu’!!

E la maggiorparte dei bagagli non viene neanche reclamata dai viaggiatori, ed il genio del commercio se li compra a basso prezzo (credo), direttamente dalle compagnie aeree!! 

Fast Facts About Unclaimed Baggage

There is only one Unclaimed Baggage Center!

Our store is unique in that we are the only one in the country that sells unclaimed baggage. This original concept began in 1970 when founder Doyle Owens had an innovative idea, 300 dollars, and a used pick up truck. Today, our one-of-a-kind store offers you a unique shopping experience and the opportunity to discover lost treasures from around the world! Only at Unclaimed Baggage Center!

Unclaimed Baggage Center covers more than a city block!

Our store is huge! It has to be to accommodate all of the great finds that await you. Over the years we have been continually expanding and now occupy a 40,000 sq. ft. building. Be sure to pack enough time into your schedule to be able to dive into the many and varied selections that are waiting to be discovered.

We stock over 7,000 items DAILY in the store.

Throughout the day, over 7,000 items will be introduced to the store’s shelves. This gives you huge possibilities that range from practical everyday items to the bizarre! You’ll want to keep your eyes peeled and the creative juices flowing. The merchandise in the store moves quickly and the inventory is different from day to day. This allows you to have that one-of-a-kind shopping experience every time you come and see us!

It will be a VALUABLE trip!

We strive to deliver our customer a quality product at an amazing value. In order to do this we have expert buyers that specialize in every category who know the market prices for everything from cameras to fine jewelry, and even that trendy designer bag you might want! We price our merchandise anywhere from 20-80% off the retail value.

Everything is clean, fresh, and ready for you to take home!

We operate the busiest laundry and dry cleaning facility in the area. Before any item ever reaches the floor to be sold you can sure it has taken a visit to our laundry facility to be washed, pressed, and repaired if necessary.

Noi siamo stati un paio d’ore ed abbiamo comprato poco.

Ma se si ama questo tipo di “affari”, spendendo tempo nella ricerca, si possono risparmiare diversi soldini, trovando articoli che provengono da tutte le parti del mondo!

Io ho comprato solo due DVD: “Braveheart” and “The lost Samurai”, per 7 $!

UN SABATO NON POLARE!!!

Posted in Attivita' bambini, Famiglia e dintorni, Ristoranti e cucina by quattrovecchiinamerica on 22 febbraio 2010

 

 

UN SABATO NON POLARE!!!

 

Finalmente dopo due settimane di freddo intenso, neve e ghiaccio (non usuali per il Febbraio di Huntsville), questo Sabato e’ uscito il sole e la temperatura era piacevole (circa 13 gradi Celsius!!).

Con i bambini siamo stati spesso in casa, in queste passate settimane,  e ci siamo scocciati abbastanza.

Allora visto il bel tempo abbiamo deciso di andare al parco in centro di Huntsville (Big Spring Park).

Spesso chi segue il blog mi ha chiesto se ad Huntsville fossero presenti palazzi alti, oltre che le usuali subdivision con case ad uno o due piani.

Come detto piu’ volte i palazzi alti (tipo i nostri) sono presenti solo in centro di HSV (e solo vicino alla piazza centrale. Mentre nel resto del centro ci sono sempre case ad un piano, ma piu’ antiche.

La strada che scende (deserta come ogni Sabato!) proviene dalla piazza centrale e sulla curva ci sono dei gradini che portano al parco.

 

Ecco uno dei pochi  palazzi alti che ci sono ad Huntsville. 

Scesi i gradini si arriva al parco.

E’ molto carino, perche’ c’e’ un canale con pesci ed anatre, una cascata ed un secondo lago piu’ grande, poco piu’ lontano. 

Ponte sul canale. 

Pesci nel laghetto antistante la cascata. 

Entrata laterale del parco che da sul ponte. 

Le belle di casa Vecchi!

 

Paolo che cerca di volare! 

Qui ci prova da ancora piu’ in alto! 

Questo cartello e’ strano: attraversamento anatre!!! 

Il laghetto che vedete a destra e’ l’altro lago, che si raggiunge attraversando la strada.

Come sono precisi gli americani: l’attraversamento anatre in un punto e quello umano piu’ indietro!!! 

Le anatre e’ come se sapessero leggere, infatti erano in fila ad attendere il loro turno per attraversare!!! 

Questo e’ il secondo lago (molto piu’ grande del primo, che finisce davanti al Von Braun Center (palazzo tondo in fondo, dove si fanno la maggiorparte degli spettacoli di Huntsville).

Risaliti dal parco raggiungiamo la zona dove c’e’ il museo dei bimbi (Early Works Muesum). Come vedete il profilo delle case torna basso!

Tutte case di legno ad un piano e nessuno per strada!! 

Per farvi vedere che non dico fesserie, ecco una foto di Paolo e mia, in mezzo alla strada. Le foto sono state fatte  in due momenti diversi e nessuno che passa!

 

Paolo e Sara che scherzano tra loro, nella citta’ fantasma!!! 

Ho fatto questa foto, perche’ passavano due macchine. Evento per il centro citta’, di Sabato!!! 

Poi il nulla!! 

Ecco la casa davanti al museo dei bimbi. Bella ed antica (avra’ 150 anni??!!). 

Finalmente arriviamo all’Early Works Children Museum, luogo preferito di Paolo e Sara.
Noi abbiamo la tessera, che per 75 $ all’anno permette entrate illimitate a tutta la famiglia + un altro bambino a  piacimento.  A noi conviene dato che se paghi ogni volta costa almeno 35 $ per tutta la famiglia!! Con due entrate ti sei quasi rifatto il prezzo del biglietto!

Panchina multicolor di fronte al museo. 

Del museo ne ho gia’ parlato, tempo addietro, ma molti di voi non c’erano. Allora ecco qualche scatto dell’interno. 

Qui i bimbi si divertono a ricostruire le case in stile Alabama. In alto ci sono le foto delle case e loro le devono copiare. Paolo ne ha fatta una di suo gusto!!!

Qui sotto io ho scritto Paolo e Sara, ma ho dimenticato la “o” di Paolo!! 

Sara che fa la sua sfilata di cappelli! 

 

 E mentre Sara fa l’inchino, Stefania (che non si divere molto al museo) dorme!!!

Tra le varie parti del museo, quella piu’ ricercata dai bimbi e’ questo stanzone, pieno di tutto.

Ci sono i carrelli, i negozietti e l’ufficio postale! 

C’e’ Paolo che fa il cassiere, con le bimbe che lo guardano estasiate! 

Poi c’e’ il “maledetto” laghetto, dove i bambini inevitabilmente si bagnano!!

Anche se ti danno degli impermeabili, i bimbi  si bagnano sempre!!!

 

 

Da questa scala Sara si e’ schiantata. Si e’ fatta tutte le scale di faccia, ma non si e’ fatta troppo male!! 

Ci sono poi altre stanze tutte a tema. La nave, la miniera, la zona cucina con cibi locali, l’albero parlante, l’orologio parlante, la zona costruzioni giganti, la zona musicale ……

E non poteva mancare un plastico con il treno!! 

All’uscita, verso le 13.00, il panorama non cambia: neanche una persona in giro, ne in macchina ne a piedi!!! 

Per darvi una idea ci quanta gente ci sia in pieno centro di Huntsville, il Sabato ecco tre scatti di tre lati della piazza centrale!!! 

Ristorante greco, desolatamente chiuso!

Lato della piazza senza neanche un negozio aperto. 

Si intravedono dei clienti di un caffe’ aperto da poco!!! 

Per finire la giornata, andiamo a mangiare a Cracker Barrel.

Per i  nostri bambini e’ sempre bello, infatti c’e’ un mega portico con le sedie a dondolo con cui “rockkarsi”, il ristorante e’ larghissimo, c’e’ quasi sempre posto senza aspettare, ed il cibo e’ semplice e non costoso!!

Questo e’ il mio cheesburger con Bacon!!!

Paolo si e’ pappato per la prima volta il bacon fritto!! 

Sara non si sposta dai suoi macaroni and cheese!!! 

Stefania, che gli viene da ridere solo a pensare a quelo che ha ordinato!!!

Ecco Paolo che assapora il gusto del bacon e ne resta colpito!!! La mia faccia da ebete e’ dovua al fatto che Paolo, che di solito non prova nulla di nuovo, ha provato da solo questo nuovo gusto!!! 

Un altro piccolo paso avanti nel degustare nuovi cibi!!!

Dopo il pranzo (concluso con un dolce con torta della nonna sotto, frutti di bosco caldi sopra, ancora piu’ sopra gelato e panna!!) ci siamo fatti la solita partita a dama (o meglio abbiamo incasinato le dame giganti che stanno sotto il porch del ristorante) ed una bella dondolata sulle sedie a dondolo!!! 

Il tutto sotto il sole e con un “warm”, che dopo tanto freddo ci voleva proprio!!!