4 vecchi in america

TORONTO DA VERI TURISTI!!

Posted in Escursioni-Viaggi by quattrovecchiinamerica on 20 settembre 2009

 

 P1050989

 

TORONTO DA VERI TURISTI!!

 

L’ultimo giorno a Toronto lo passiamo come tutti i turisti del mondo: facciamo un giro sul bus “hop on hop off”. L’Autobus scoperto che fa il giro delle attrazioni turistiche piu’ importanti di Toronto. Come in molte citta’ (tra cui Roma) pagando il biglietto (noi abbiamo pagato 100 $ canadesi  in 5) si puo’ prendere tutte le volte che si vuole il pulman. Infatti il pulman fa circa 20 fermate, si puo’ scendere a qualsiasi fermata e riprendere il bus alla stessa fermata o ad un’altra. La cosa bella del biglietto e’ che vale per tutto il tuo soggiorno a Toronto!!!

IMG_7503

Partiamo da Dundas Square, centro di Toronto, alla scoperta delle bellezze della citta’.

Ecco le donne di casa Vecchi. Sara ha ancora il ciuccio, ma al nostro ritorno Stefania e’ riuscita a levarglielo. Infatti le ha detto che li aveva spediti a Bora (il cane di Maria, di cui lei era innamorata) ed ha funzionato!!! Oramai non lo chiede piu’!! Potenza di questa trovata!!! 

IMG_7528

Passiamo per il quartiere degli artisti, con molti ristoranti italiani, poi per il quartiere universitario. Primadi arrivare  a casa Loma, vediamo la concessionaria della Ferrari e della Maserati!!

P10509641 

E’ il più famoso monumento storico della città, è situato su un colle che domina il centro città. Il castello apparteneva a Sir Henry Pellat, finanziere di primo piano, industriale e uomo d’armi. Sir Henry, da inguaribile romantico quale era assunse il noto architetto E.J.Lennox perché lo assistesse nella realizzazione del sogno della sua vita: la creazione di un castello “medioevale” che dominasse la città di Toronto. La costruzione iniziò nel 1911,richiese l’opera di 300 uomini e fu completata dopo quasi tre anni con un costo di $ 3.500.000 dell’epoca. Giardini di ogni tipo circondano la proprietà di sei acri sulla quale sorge l’edificio, i giardini sono inoltre abbelliti da originali sculture e da suggestive fontane. Sir Henry potè godersi la sua creazione per meno di dieci anni, infatti alcuni rovesci finanziari lo obbligarono ad abbandonare il castello.

IMG_7552

Passiamo davanti al ROM, che non e’ uno zingaro gigante, ma un famosissimo museo di Toronto.

P1050927

Il Royal Ontario Museum, popolarmente chiamato ROM, è il museo più grande del Canada per quanto riguarda l’etnologia e la storia naturale. Questo museo espone sei milioni di pezzi distribuiti in numerose sale.

La sezione sulle culture del mondo comprende le collezioni cinesi, con l’area “Arte nei templi” dove sono esposti tre dei murales meglio conservati della dinastia Yuan (1271-1368), oltre a grandi sculture di legno. Un’altra collezione, con 2.500 oggetti provenienti dalla Cina, copre un periodo storico di circa 7.000 anni, con una selezione che va da utensili di ceramica della preistoria fino a mobili del XVIII secolo.

Un’altra parte delle collezioni include la Galleria della Grecia Classica, Corea, Giappone, Egitto e la sezione europea, oltre alle sale dedicate alla cultura degli aborigeni del Nord America. Infine, la Discovery Gallery, uno spazio interattivo con tante attività hands-on per i più piccoli, che potranno così, per esempio, scoprire l’affascinante mestiere del paleontologo, e la Digital Gallery, con ricostruzioni tridimensionali della storia del paese.

P1050970

Non ci fermiamo al museo perche’ decidiamo prima di finire il giro di tutta la citta’ per poi fermarci alle 16.00 al museo.

Continuiamo e passiamo di fronte alla Art Gallery of Ontario.

IMG_7517

L’Art Gallery of Ontario è un museo di arte antica, moderna e contemporanea con sede in Dundas Street West 317.

La galleria espone opere di: Jean Arp, Edgar Degas, Max Ernst, Fernand Léger, Henri Matisse, Joan Miró, René Magritte, Claude Monet, Pablo Picasso, Camille Pissarro, Jackson Pollock, Alfred Sisley, Paul Klee, Andy Warhol, ecc.

Questa galleria venne fondata nel 1900, con la denominazione di Art Museum of Toronto. Inizialmente sito in un edificio denominato “The Grange”, venne poi ampliato nel 1974 con la costruzione di nuove aree in un edificio adiacente.

Nella collezione molte sono le opere di Tom Thomson e del Group of Seven. Su donazione dello scultore inglese Henri Moore la collezione si è arricchita di molte sue opere.

Continuiamo il giro e ripassiamo sotto la CN Towers. Da questa prospettiva la torre o i grattacieli sembrano storti!!!!!

P1050945

Ci fermiamo a pranzo lungo l’harbour.

Qui con Maria aspettiamo di riprendere l’autobus per andare al ROM.

P10509491

Pero’ prima di ripartire ci fermiamo a prendere in buon caffe’ a Starbucks Coffee!!!

P1050940

Riprendiamo l’autobus e passiamo di fronte all’hockey Hall of fame.

IMG_7542

Oggi sono un pochettino pigro e vi lascio la descrizione in inglese!! Comunque e’ una mega esposizione di tutto cio’ che riguarda l’hockey, dalle maglie ai trofei, alle fotografie ai giochi interattivi …..

A thrilling experience awaits the entire family at the Hockey Hall of Fame with over 57,000 square feet of interactive games and the finest collection of hockey artifacts from around the world.

Unlike other halls of fame and museums, the Hockey Hall of Fame is a vibrant, interactive and innovative destination for guests of all ages and levels of interest. Themed exhibits are artistically designed to colourfully present hockey’s passions and storied history. An exhilarating interactive rink area challenges guests to stop the shots from a virtual Wayne Gretzky and Mark Messier, try to score on Ed Belfour, record their own play-by-play on some of hockey’s most legendary goals plus much more.

Not to be forgotten, the Hockey Hall of Fame is the proud home of the NHL’s merit trophies, most significantly, The Stanley Cup – on display for guests to explore and touch. All trophies, along with portraits and biographies of each of the 306 Honoured Members of the Hockey Hall of Fame, are displayed in the Great Hall, an awe-inspiring heritage bank building (c. 1885) complete with ornate architecture and a spectacular stained glass dome, the largest of its kind in the Toronto area.

Now open for a limited time – the Hockey Hall of Fame’s Montreal Canadiens Centennial Exhibit, honouring 100 seasons of Montreal Canadiens hockey.  The display features elaborate showcases, multi-media displays and a specially-designed replica Canadiens dressing room.  Artifacts include Jacques Plant’s first goal mask, Georges Vezina’s final game stick and skates, jerseys spanning from Morenz to Koivu, milestone sticks and pucks, rings, trophies, and so much more.

Prima di tornare a dundas Square, passiamo a St. Lawrence Market. Zona antica dove sorgono ristorantini e mercati alimentari con edificiin mattoni caratteristici.

P1050954

Incontriamo anche questa chiesa, di cui non ricordo nulla!!

P1050955

E questo campanile.

P1050963

Tornati al ROM ci accorgiamo che e’ troppo tardi per entrare e decidiamo di andare a farci un giro per la via piu’ “in” di Toronto: Bloor Street. Questa via e’ piena di negozi di grandi firme.

Finiamo il nostro tour con un giro in un mega centro commerciale: l’Eaton Center:

IMG_7558

Eccoci nel tentacolare centro commerciale.

IMG_7555

Questa foto di me (con il facciotto piu’ rubicondo del solito) e di Maria (che a confronto mio sembra una sogliola), conclude il nostro itinerario a Toronto.

P10509831

Per chi non credeva che Maria fosse una buona cuoca, ecco le prove fotografiche!!! 

P1050993

Qui sta cucinando, leggiadra, spaghetti ad i frutti di mare!!! 

P1050994

Ecco il piatto pronto in tavola!!

 P1060013

Qui stavo gustando la famosa macedonio di Maria (copia, quasi pari, della macedonia della mamma Dora!!).

P1060021

Paolo che si gusta l’aria frizzante sulla veranda di Maria.

P1060002

Entrata della casa di Maria. 

P1060003

Questo e’ un curioso cartello di fronte alla sua casa: il significato e’ “qui potete giocare a pallone”!!! 

P1060009

Con tanto dispiacere salutiamo Maria, che ci ha accompagnato in albergo ed aspettiamo con ansia una sua visita nella ben meno esaltante Huntsville!! 

Sotto la piscina del nostro albergo. 

P1060032

Paolo e Sara in piscina, prima di partire. Paolo sembra che stia facendo pipi nella jacuzzi!!! 

P1060034

Una curiosita’. Per andare in aeroporto ho chiamato il solito taxi, tramite l’albergo. Loro mi hanno detto che avevano una loro macchina che poteva portarmi all’aeroporto per 60 $ canadesi. Allora ho detto di si.

All’uscita dell’albergo ci aspettava questa Lincon, degna dei migliori artisti di Hollywood!!! 

P1060043

Prima di salire ho chiesto bene la conferma del prezzo ed una volta sicuro della cifra siamo saliti!!! 

P1060044

Ecco i 2 principini in Limousine. 

P1060048

Qui io e Stefania, in posa da cantanti un po fatti!!!  

P1060053

Il viaggio di ritorno consta dei due soliti piccoli aerei, con scalo a Detroit. Questa e’ una foto di una fontana curiosa e di Paolo che cerca di bagnarsi prima della coincidenza per Huntsville.

P1060066

 

P1060067

Treno che collega i vari terminal dell’aeroporto di Detroit.

P1060068

Eccoci in un tunnel sotto la pista di atterraggio, nella nostra solita corsa tra i terminal, con i passeggini.

P10600721

 

P10600751

Il nostro viaggio nelle terre del Nord e’ finito.

Ci siamo divertiti, siamo stati contentissimi di vedere Maria dopo tanti anni ed abbiamo visto una bella citta’. Non tra le piu’ belle che abbia visto (ma come dice Maurizio Battista, noi siamo di Roma ed e’ difficle rimanere colpiti da una citta’, vivendo in una meravigliosa citta’ come Roma!!), ma nel complesso vale la pena di farci un viaggio, se accoppiato alle cascate del Niagara e magari qualche altra citta’ del Canada.  

Annunci

SULLA TORRE PIU’ ALTA DEL MONDO: CN TOWER

Posted in Escursioni-Viaggi by quattrovecchiinamerica on 16 settembre 2009

 

 P1050773

 

SULLA TORRE PIU’ ALTA DEL MONDO: CN TOWER

 

Dopo aver passato due giorni con Maria, decidiamo di lasciarla un po respirare ed andiamo a zonzo per Toronto da soli!!

La scelta e’ facile: andiamo verso la CN Towers, attrazione turistica per eccellenza di Toronto!! Il taxi ci lascia sotto la torre e dopo aver cercato l’entrata per i carrozzini (descritta con precisione sul sito, altrimenti difficilmente localizzabile!!) entriamo.

L’ingresso costava circa 70 $ canadesi per tutti e 4 (circa 55 Euro). Prezzo piu’ che accettabile.

Eccoci nella classica foto di rito per i turisti!!

P1050775

Non contento della foto da iperturista vicino alla torre, eccomi vicino ad un alce, altro simbolo del Canada.

P1050782

Queste sono le fondamenta poste nel 1973. 

P1050785

Come al solito alcune notizie sulla torre prese da wikipedia:

 

La CN Tower (Canadian National Tower), è la più alta torre per telecomunicazioni del mondo, seguita dalla Torre di Ostankino di Mosca (Russia).

75px-Ostankino_Television_Tower

Mentre se si fa una classifica dei grattacieli (quindi si fa una classifica sempre di strutture autoportanti, ma guardate dal lato gratacieli e non dal lato torri) la CN Tower, secondo la graduatoria ufficiale del Guinness dei Primati, risulta la seconda più alta struttura autoportante del mondo mai costruita.

Secondo la classifica ufficiale stilata dal Guinness dei Primati, a partire dal 1976 e fino all’ottobre del 2007 (ben 31 anni) la CN Tower è stata la più alta Struttura autoportante del mondo. A partire dal 24 ottobre dello stesso anno, la struttura ha dovuto cedere il primato al Burj Dubai (altezza 585 m), un grattacielo di tipo residenziale sito nella città di Dubai.

  

450px-Burj_Dubai_20090423

In realtà una struttura più alta esiste e si tratta di un’antenna per radiocomunicazioni situata nel Montana (USA) con circa 630 metri d’altezza. Tale struttura però non rientra nei parametri dei record in quanto è sostenuta da una serie di cavi d’acciaio che le permettono di non crollare.

Storia della torre:

All’inizio degli anni ’70 del XX° secolo, il Canada iniziava ad affacciarsi sulla scena mondiale come paese industrializzato dalle grandi capacità. L’economia registrava tassi di crescita molto incoraggianti, e la ricchezza media dei canadesi si attestava molto vicino a quella dei loro vicini Stati Uniti d’America.

Sull’onda di questo fermento economico-nazionale, la società Canadian National (CN), ente nazionale che gestiva il sistema ferroviario e delle telecomunicazioni canadesi, decise che era arrivato il momento di costruire una struttura in grado di rappresentare il Canada nel mondo.

Sulla base di ciò, vista anche la necessità di poter trasmettere segnali radio-televisivi sulle lunghe distanze, venne deciso che si sarebbe costruita un’altissima torre polifunzionale.

Il progetto finale di quella che sarebbe stata battezzata come CN Tower, prevedeva un’enorme struttura in cemento armato, con tre grandi piloni a forma di triangolo scaleno posti in maniera verticale ed appoggiati ad un unico grande pilone in cemento armato di forma esagonale.

Per far in modo che tale struttura potesse esser goduta dalla popolazione e potesse divenire un’attrazione mondiale, nel progetto venne inserito un enorme disco in acciaio e cemento che, a partire dalla quota di 342 metri, avrebbe ospitato al suo interno 4 piani di locali visitabili dai turisti.

Alla quota di 447 metri, invece, sarebbe stato posizionato un unico punto di osservazione per un numero ridotto di visitatori, lo Skypod.

I lavori di costruzione iniziarono ufficialmente il 6 febbraio 1973

cntower_unfinished

e la torre venne ufficialmente aperta al pubblico nella primavera del 1976. (in solo 3 anni e 36 anni orsono!!)

All’inizio degli anni ’90 del XX° secolo, a causa dei costi di manutenzione eccessivi, la CN Tower venne ceduta ad una società privata che a tutt’oggi ne mantiene la proprietà.

Posizione della torre:

Situata a pochissima distanza dal centro della città di Toronto, tra la Union Station, lo Skydome (stadio da baseball) e l’Air Canada Center (stadio di basket e hockey) la CN Tower è oggi la maggiore meta turistica della città. Dall’alto si può ammirare tutta la skyline della città canadese, la visuale del lago Ontario fino alla città di Detroit e la visuale a nord si perde per l’immensa pianura che porta fino alla baia di Hudson. In cima alla torre si trovano un ristorante, un piano bar ed un punto di osservazione con terrazza esterna. Uno dei punti di forza della terrazza d’osservazione è il Glass Floor. In pratica, una parte del pavimento è ricoperta di spessi vetri che permettono ai visitatori di camminare con la sensazione di esser sospesi nel vuoto alla impressionante altezza di 347 metri.

Il ristorante situato a 360 metri di altezza è inoltre girevole e compie un giro completo intorno all’asse della torre ogni 90 minuti.

Nel punto più alto della torre, lo Skypod, situato a 447 metri d’altezza, nelle giornate limpide si possono vedere le grandi pianure e, a sud, gli Stati Uniti d’America.

Noi non abbiamo visto gli USA, ma l’aeroporto per i voli piccoli (p.es. New York) e’ proprio qui sotto.

P1050794

La pista e’ incredibilmente corta!!!

  

Per arrivare al primo disco in acciaio e cemento, che ospita fra l’altro il ristorante girevole (noi siamo stati piu’ di un’ora a mangiare ma non sembrava girare affatto!!) si prende un’ascensore che fa 114 piani in meno di 15 secondi. Una vera saetta, ma non da il senso di voltastomaco. Inoltre il fondo ed un lato sono  trasparenti e si puo’ vedere bene quanto sale.

Appena si arriva su si puo’ visitare il disco dall’interno. Ci sono finestre sigillate per 360 gradi. Una porzione di disco e’ riservata al ristorante (che secondo me e’ quasi un terzo del disco!!!).

La vista e’ mozzafiato. Inoltre se si e’ tifosi di baseball (e se sei occhio di lince) si puo’ vedere la partita che si svolge al Roger Center!!

P1050813

Qui sotto con il tetto chiuso.

12

Qui la torre vista dallo stadio.

402px-Rogers_Center-restitched

Poi si scende di qualche metro e si va su un pavimento trasparente, che da la sensazione di quanto sei in alto!!!

P1050799

 Anche Paolo fa la solita foto da turista, noncurante del vuoto che e’ sotto di lui!!!

P1050802

Per dirvi quanto attenzione la mia famiglia ha per me, ecco un scatto che dovrebbe ritrarmi!!! Praticamente potrebbe essere chiunque!!! 

P1050803

Ecco la sensazione che avete quando mettete i piedi sul pavimento trasparente.

800px-Glass_Floor_of_the_CN_Tower

Quanto pesa la torre?  23.214 elefanti!!!!

P1050808

Quanto e’ alta? 583 metri 

P1050822

Se c’e’ vento bisogna preoccuparsi? Non troppo perche’ resiste a venti di 190 Km/h!

P1050809

Dopo aver visitato il disco, posto a 347 m, ci mettimao in fila per andare sullo skypod. Un disco di dimensioni piu’ piccole e che sta al piano 147 (esattamente a 447 m)!! 33 piani sopra il disco di acciaio!!

cntower_skypod

L’ascensore naturalmente e’ piu’ piccolo, contiene meno persone e la fila e’ piu’ lunga (almeno 20 minuti).

Oltre tale disco non si puo’ andare, perche’ c’e’ la torre delle telecomunicazioni, che e’ piu’ alta dello skypod di 102 m!!!

Faccio notare che il totale della torre e’ 553 m. Ma non e’ esattamente la somma di 447, altezza dello skypod, + i 102 m della torre di comunicazione!! Ci sono 4 metri che si sono persi!!! 

P1050811

Da quassu’ la vista su Toronto e’ ancora piu’ suggestiva. 

P1050819

Anche perche’ in quei giorni c’era una esibizione di jet militari e ne abbiamo visti parecchi che puntavano la torre, gli passavano al lato e scomparivano!!!

cn_tower_cias

Verso le 14.oo avevamo fame, ma di scendere dalla torre non se ne parlava. Allora abbiamo optato per il ristorante al piano 114.  Come direbbe il mitico Maurizio Battista (il comico che mi fa piu’ ridere di tutti!!!), abbiamo pagato e mo’ chi scende!!!!

Eccomi qui sotto che cerco di capire quanto mi stavano per portare via dal portafoglio!!! 

P1050824

 Sara non si preoccupava tanto del prezzo ma di fare casino!!!

P1050829

Appurato che non mi avrebbero portato via piu’ di tanto (infatti abbiamo pagato 115 $ canedesi, circa 90 Euro, in quattro) ci siamo rilassati ed abbiamo mangiato tranquilli e molto in alto!! 

P1050831

 Paolo il solto piatto di patatine fritte e pollo fritto.

P1050848

Sara si spara un piatto di pasta con burro e formaggio. 

P1050851

Io mi faccio proprio male con questo mega hamburger + patate fritte. 

P1050858

 Finiamo in bellezza con questo waffle con panna (poca per la verita’ e fragole. Non era troppo buono.

P1050860

Finito il pranzo ci rilassiamo ai bordi del ristorante. 

P1050866

Qui Sara sembra davvero che stia per buttarsi!!

P1050861

 Verso le 16.00 (siamo stati nella torre circa 4 ore e mezzo) dopo aver visto tutto, scendiamo dalla torre ed a piedi andiamo verso l’albergo. Subito all’uscita c’e’ lo stadio di baseball, con la sua scultura in bella vista. No bagarini e no sporcizia tutto intorno!!!

P1050867

 Foto della torre da sotto. Vi assicuro cheda sotto per fare la foto dovevi alzare tanto la testa da cadere all’indietro!!!

P1050868

Tornando indietro verso casa passiamo per la stazione (senza troppi barboni) e vediamo questo strano grattacielo.

P1050876

Qui siamo vicino a Dundas Square, centro pulsante di Toronto. Quel giorno c’era una festa brasiliana e tutti ballavano e cantavano a ritmo di samba!! 

P1050885

Dundas Square con effetti fotografici notevoli.

Dundas_Square_Pano_Fisheye_tunnel_crop

 

Dati di sintesi della torre:

 

  • Altezza 553 metri

  • Altezza Skypod: 447 metri

  • Altezza Ristorante: 360 metri

  • Altezza Terrazza interna: 347 metri

  • Altezza Terrazza esterna: 342 metri

  • Peso della Torre: 130.000 Tonnellate c.a.

Conludiamo con delle foto curiose.

Torre di notte.

2007_06_28cntower

Ombra della torre sulla stazione.

cn_tower_shadow

Torre e Roger Center.

CN_Tower_and_Rogers_Centre_1

Il solito pazzo che cerca di ammazzarsi senza riuscirci!!!

Dar%20Jumping%20off%20CN%20Tower%20top%20shot

Questa e’ una foto, bella, che mette in evidenza la torre di Toronto, ma maggiormente le due torri di questa Torontina!!!

post-6330-1190228992_thumb

Ambedue le torri sono da primato!!! 

TORONTO: ACQUA, TERRA E CREPES!!

Posted in Escursioni-Viaggi by quattrovecchiinamerica on 14 settembre 2009

 

 P1050612

 

TORONTO: ACQUA, TERRA E CREPES!!

 

Il nostro secondo giorno a Toronto lo dedichiamo ad una gita sul Lago Ontario. Ci dirigiamo verso il porto di Toronto (ad essere precisi verso l’Harbourfront, dato che il porto e’ spostato un pochettino a sinistra e non e’ “passeggiabile”), che e’ la fine del centro/downtown, e verso le 11.00 iniziamo a girare lungo le sponde del porto.

map_of_toronto

Ecco sotto  Stefania e Sara che posano sotto la CN Towers. 

IMG_7452

In qualsiasi porto che si rispetti c’e’ sempre un laghetto artificiale, nel quale i bimbi ed i grandi si divertono a far girare i modellini di navi (ricordo che anche a Sidney era la stessa cosa!!).

P1050568

Dal molo abbiamo visto questo bellissimo veliero che portava a spasso i turisti sul lago Ontario. 

IMG_7459

Ne abbiamo cercato uno  anche noi. E dato che sembrava brutto che un desiderio di un turista non fosse esaudito, ecco che di fronte a noi si para il Kajama. Meraviglioso veliero a tre alberi che aspetta turisti, paganti, per trasportarli per un ora e mezza sul Lago Ontario. 

P1050930

Detto e fatto. Eccoci sul veliero e non contenti di pagare il biglietto, ci facciamo abbindolare (come fessi) a fare il lavoro della ciurma. Tirare su le vele!!! Naturalmente nella trappola ci sono cascati solo i maschi della famiglia Vecchi. Le femmine si sono guardate bene e non hanno versato una lacrima di sudore!!!

A dire la verita’ anche io e Paolo ci siamo messi in posizione non troppo di fatica!!!

P1050601

Poi pero’ quando il gioco si e’ fatto duro, un po’ ho faticato!!! 

P1050603

Apro una parentesi. Io in ogni volta vhe visito un paese lontano dall’Italia, trovo sempre dei sosia. Questa estate ho trovato la sosia della nostra amica Caterina. Sulla barca c’era il sosia di mio cugino Francesco di Macerata!!! Questo ragazzo che fotografa compiaciuto il panorama e’ identico a Francesco!!!!

IMG_7468

Finito il lavoro delle vele, ci rilassiamo sulla barca. 

P1050640

Paolo beve acqua e si bagna come al solito la felpa!!! 

P1050652

La giornata e’ bellissima, calda e con vento. Un paradiso per le barche a vela!!! 

P1050660

Ecco Marraia, che si gode il sole e fa le prove generali con la carrozzina!!!

P10506081

Ecco lo skyline di Toronto, dalla barca.

P1050661

Questo effetto disco volante, non voluto, dimostra come e’ facile fare degli scoop inerenti agli UFO!!! Sembra un Ufo in avvicinamento.

P1050668

Ancora la CN towers, di cui parleremo in un prossimo post. 

P1050671

Passiamo ora alla terra.

Lasciamo la macchina che Marraia aveva preso in affitto e ci dirigiamo verso casa sua ed in direzione  quartiere suo. Se guardate la cartina dalle parti di Cabbagetown (non dico il quartiere per ragioni di sicurezza!!).

Tutto nel quartiere e’ diverso dal centro. No grattacieli, no caos metropolitano, no centri commerciali, ma bensi’ calma, case basse di legno e negozietti piccoli, gestiti da cinesi!!

Ecco le foto di alcune casette belline.

P1050725

P1050755

C’e’ da dire che le case del quartiere e l’intera citta’ (strade comprese) sembrano essere sotto perenni lavori in corso. Questo perche’ il freddo, il gelo ed il sale fanno i loro danni durante l’inverno ed il periodo migliore per riparare tutto e’ l’estate!!

P1050751

 

P1050752

Ecco i negozietti, che in questa zona  sono in maggioranza cinesi, anche se non siamo a Chinatown!!

P1050741

Una notizia: dopo l’inglese la seconda lingua parlata e’ il cinese, la terza il cinese cantonese, la quarta l’italiano e la quinta il greco. Penultima e’ il francese (incredibile per un paese bilingue come il Canada) !!!

Questo vi da l’idea di come Toronto sia un “melting pot” di lingue e persone, provenienti da posti lontani.

Ecco qui sotto Maria che ci scorta per il suo quartiere, con il suo cane Bora.

 P10507431

Dopo una tranquilla passeggiata arriviamo in un bellissimo parco con vista sulla sul downtown.

P1050766

Sara nel frattempo dopo aver seppellito Bora di erba, si mette in posa con la sua nuova amichetta.

IMG_7492

Questa foto per me da l’idea della calma e della serenita’ che si respira nel parco. 

IMG_7496

Verso le 19.00 ci ritiriamo verso casa. 

IMG_7500

Arriviamo a casa e Marraia inizia a preparare la cena.

Non ho prove fotografiche della sua cena, perche’ la macchinetta fotografica si era scaricata.

Pero’ vi posso dire che le crepes/vincisgrassi preparate da Maria, erano veramente buone; l’arrosto con salsa cipollosa, era degno di grandi cuoche marchigiane.

vincisgrassi

Maria cuoca e’ stata una sorpresa, ma non troppo, dato che i geni materni in lei ci sono e sono potenti.

Ricordo che Dora, la mamma di Maria, e’ una cuoca sopraffina. Di lei si ricordano (tra le tante leccornie) le crepes ripiene di tortellini e la meravigliosa macedonia ultrafina con le amarene!!!