4 vecchi in america

MARRYMOON …. IN ITALY (part 3 – il matrimonio)

Posted in differenze tra Italia ed USA, Feste e ricorrenze USA, Ristoranti e cucina, Usi e costumi, Varie by quattrovecchiinamerica on 24 gennaio 2015

imagesCABQ5HIBuntitled

MARRYMOON …. IN ITALY

(part 3 – il matrimonio)

In questo post parleremo finalmente della giornata del matrimonio di Leah e Collins, i due famosi ragazzi dell’Alabama, che il 22 Dicembre 2014 si sono sposati a Roma, nella chiesa di San Cosma e Damiano.

a60655_880a0d0b6d2b4f03bfd72be64543a4ce_jpeg_srz_308_411_75_22_0_50_1_20_0
Leggendo il post vi accorgerete quanto diversamente (dalla maggiorparte delle coppie italiane) hanno interpretato il giorno del matrimonio la neo coppia di sposini.

Che fossero due tipi particolari era evidente, dato che avevano rinunciato a sposarsi in US, avevano rinunciato a festeggiare con i loro parenti, avevano affrontato molti problemi burocratici per potersi sposare in Italia (Collins mi ha raccontato che non e’ stato affatto facile ottenere il permesso, e che comunque dopo il matrimonio, avrebbero dovuto fare ulteriori passi burocratici per far riconoscere il loro matrimonio in US!).

Ma la cosa che mi ha colpito di piu’ e’ stata la semplicitia’ della cerimonia e sopratutto del dopo cerimonia (ricevimento, per il quale le coppie italiane spendono diverse migliaia di euro).

Ma andiamo per ordine.

Come ogni sposina che si rispetti la mattina del matrimonio  Leah si e’ fatta truccare da una delle sue damigelle, venuta apposta dagli States.

a60655_97ff5801688b45579da2f105b634080d_jpg_srz_466_683_75_22_0_50_1_20_0

Nel frattempo i due best man e Collins sono andati in chiesa a controlare che i due fotografi romani, assunti per le foto del matrimonio, fossero arrivati e che tutto fosse a posto.

a60655_15644aea62f5491d8b9efcd06b3aef95_jpg_srz_466_350_75_22_0_50_1_20_0

Il matrimonio, al quale eravamo stati invitati anche io e Stefania ed al quale non abbiamo potuto partecipare perche’ impegnati,   si e’ svolto in modo veloce, semplice e senza troppe formalita’.

Ecco alcuni scatti fatti dai fotografi, che evidenziano una gioia ed una tranquillita’ che difficilmente nel giorno del matrimonio si notano negli sposi!

a60655_6198bb7a5e4b41989881a738d12cf30c_jpeg_srz_308_411_75_22_0_50_1_20_0

a60655_c33205eb8e8243bfb1de7af552d35f35_jpeg_srz_308_411_75_22_0_50_1_20_0

 Eccoli felici dopo aver detto si!!

a60655_67c78cb236854a8984b7dca0975bb470_jpeg_srz_466_638_75_22_0_50_1_20_0

All’uscita dalla chiesa hanno chiamato un taxi e si sono diretti alla sala ricevimenti.

a60655_ee2fa0f681a74cbca3f56c1f45ab60e5_jpg_srz_466_350_75_22_0_50_1_20_0

Molti italiani, vedendo le foto della sala ricevimenti si sbalordiranno, abituati a DOVERE spendere centinaia di Euro a persona per il pranzo nuziale.

Loro hanno scelto un ristorante tavola calda in zona Garbatella! 

a60655_0111437da0574f719548fc59637cec9f_jpg_srz_466_287_75_22_0_50_1_20_0

Il ristorante e’ stato consigliato dai fotografi romani. 

Ed anche se per noi italiani sembrerebbe strano festeggiare il matrimonio in una tavola calda, da ricerche su internet ho capito che la scelta non era assolutamente sbagliata (in quanto a rapporto qualita’ – prezzo).

Infatti tripadvisor ha assegnato al ristorante il certificato di eccellenza 2014!

10357468_10203906426531995_7117074661752371097_n

Chi avesse voglia puo’ controllare su tripadvisor le recensioni entusiastiche che i tanti avventori hanno rilasciato su questo ristorante (al n.292 in classifica su 8.812).

Ecco la via  ed il menu’ del ristorante (con prezzi decisamente bassi):

Via Rosa Raimondi Garibaldi 26/28 – ROMA065110408

Primi:
– Cannelloni ripieni di pesce 6.00€
– Tortellini alla crema di noci 6.00€
– Farfalle al pesto genovese fatto da noi5.50€
– Fettuccine al pomodoro 5.00€
– Bombolotti alla carbonara 5.50€
– Rigatoni allaamatriciana5.50 – Tagliolini al tartufo e funghi
– Tonnarelli allo scoglio 6.00€
– Risotto alla crema di scampi 6.00€
– Linguine alle alici 5.50


Secondi di pesce:
– Spiedino di gamberoni 9.50€
– Persico e calamari ai ferri 9.50€
– Orata ai ferri 9.50€
– Spiegola ai ferri 9.50€
– Fettucce di calamari fritti 8.00€
– ALICI FRITTE
– ARROSTICINI DI CALAMARO


Secondi di carne:

MENU’ BISTECCA :
MANZO SALSICCIA PATATE E CICORIA € 12.


– Grigliata mista 7.50€
– Bistecca di maiale con patate 5.50€
– Bistecca di manzo ai ferri 9.50€
– Salsiccia di patate 5.50€
– Cosciotto di maiale ai ferri con patate 5.50€
– Scamorza al prosciutto 5.50€
– Petto di pollo ai ferri con patate 5.50€
– Braciola di maiale a ferri 5.50€
– Caprese con mozzarella di bufala 6.50€
– Prosciutto e mozzarella di bufala 6.50€
– Prosciutto e mozzarella 6.00€
– Caprese 6.00€
Arrosto di vitella 6.50€
– Petto di pollo al limone 5.50€
– Pollo alla romana 5.50€
– Porchetta fatta dal ristorante stesso 5.50€

Contorni:
– Patate fritte 2.50€
– Melanzane e patate all’aceto balsamico 2.50€
– Peperoni grigliati 2.50€
– Melanzane al gratè 2.50€
– Zucchine al pomodoro 2.50€
– Zucchine grigliate 2.50€
– Broccoli all’agro 2.50€
– Insalata verde 2.50€
– Insalata mista 2.50€
– Insalata di pomodori 2.50€
– Fagiolini all’agro 3.00€

Ma le parole valgono poco lasciamo spazio alle fotografie!

QUi sotto gli inviati all’entrata del ristorante.

a60655_57cc46521f274640ad5e7c94fb9796c4_jpg_srz_466_315_75_22_0_50_1_20_0

a60655_52e5934798d9437bb4028fcfd60f9739_jpg_srz_466_350_75_22_0_50_1_20_0

a60655_ec5335d7d7654198b1449d04a690415e_jpg_srz_466_311_75_22_0_50_1_20_0

a60655_53ae22d815534d3aaae5329c5d6d3d92_jpg_srz_466_311_75_22_0_50_1_20_0

Dato che il menu’ era rigorosamente in italiano e che i gestori non parlavano italino, i fotografi hanno tradotto per gli invitati le pietanze da ordinare!

a60655_e60838fc4d234d56b25044a127fc84cb_jpg_srz_466_350_75_22_0_50_1_20_0

I primi:

a60655_ddd78dbf60774f2d8b1c3c32efcb122d_jpg_srz_466_350_75_22_0_50_1_20_0

a60655_980f2766740f476694039ff4b0b609e4_jpg_srz_466_350_75_22_0_50_1_20_0

a60655_a83785af42b045e88d7f243363add556_jpg_srz_466_311_75_22_0_50_1_20_0

Salvietta ad hoc per parare il vestito della sposa dagli schizzi dei primi succulenti e sugosi! 

a60655_2d125875b13c4bf2adf198a988ac0568_jpg_srz_466_350_75_22_0_50_1_20_0

a60655_7490d715c85f4a07b9a3e3d00c5361b8_jpg_srz_466_350_75_22_0_50_1_20_0

Spiedini di mazzancolle (che sembrano veramente invitanti).

a60655_9c6ca553eba2496aa6e28478f4a901e9_jpg_srz_466_311_75_22_0_50_1_20_0

a60655_de214075b272407bb9e8b050400f699a_jpg_srz_466_311_75_22_0_50_1_20_0

E grigliata di carne mista.

a60655_99517d436d9c458cb9bed5c97ccf6fec_jpg_srz_466_350_75_22_0_50_1_20_0

Pieni, ma felici (ed un po brilli) ecco gli invitati all’uscita del ristorante.

a60655_f8f64efee47f419faae530308854ce6d_jpg_srz_466_311_75_22_0_50_1_20_0

Qui sotto Leah, che resta sorpresa alla vista del regalo che Collins le ha fatto alla fine del ricevimento:

a60655_2de642287eef429cbffdcc187a03c41e_jpg_srz_308_462_75_22_0_50_1_20_0

un bel mazzo di fiori!

a60655_84170b0870904f2681db46f7f754dcc2_jpg_srz_466_311_75_22_0_50_1_20_0

 

 

 

 

 

Ritorno veloce a casa per una piccola siesta (nap per gli amici americani)

a60655_bb44f9c19ca7499a839f07adf7bdf200_jpg_srz_308_411_75_22_0_50_1_20_0

 

 

 

 

 

 

E cena con il prete che li ha uniti in matrimonio, in un altro locale del centro di Roma.

a60655_cf38d59ef2ae4c229160c2b1f8fc7f00_jpg_srz_466_350_75_22_0_50_1_20_0

Per chi volesse seguire il viaggio di nozze (oltre  a tutte le altre foto della loro avventura)  che hanno fatto Leah e Collins vi riporto di seguito il link del loro marrymoon website!

http://leahandcollins.wix.com/marrymoon#!marrymoon/cefp

Annunci

Take Your Kids To Work Day

Posted in Attivita' bambini, Attivita' Ezio e Stefy, Usi e costumi, Varie by quattrovecchiinamerica on 27 aprile 2013

vn

 

imagesCAJYTT9M

 

Take Your Kids To Work Day

 

Cari lettori del blog e’ da troppo tempo che non riesco a scrivere nulla, per mancanza di tempo.

Piu’ volte vengo sollecitato da commentatori del blog e su Facebook a scrivere qualche posts, ma pur avendo voglia di scrivere non lo faccio mai (un po perche’ il tempo e’ poco, ma sopratutto perche’ la delusione quotidiana, che deriva dagli avvenimenti a cui tutti i giorni siamo costretti a fare da testimoni passivi,

cccv

e’ talmente forte che ti annulla la voglia di fare scrivere posts  comparativi tra momenti di vita americani vissuti, in cui tutto funzionava bene e che davano veramente il tempo di vivere per la famiglia e non rincorrere la vita, e quelli di basso livello italiani).

Tanto per citarvi qualche notizia di basso livello (che sara’ meno dell’1 % di quello che abbiamo sentito dai TG e letto sui giornali) ecco una lista scarna degli ultimi tempi:

Le banconote da 500 euro con cui Formigoni faceva i bonifici

Concorso per laureati, lo vincono con il diploma di terza media

Mps : «Ce la faremo, finiti i cassetti segreti». Il PD c’entra.

Il pubblico ministero Roberto Staffa filmato mentre fa sesso con un trans nella Procura della Repubblica

Livorno: bufera sulla nomina ad assessore di Solimano, ex terrorista di Prima Linea

Regione Lombardia, rimborsi falsi: 40 indagati tra consiglieri Pdl e Lega

L’affondo di Battiato : «Troie in Parlamento»

PER NON PARLARE DEI 60 GIORNI DEPRIMENTI DEL DOPO ELEZIONI POLLITICHE 2013, CULMINATE NEL VOTO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ITALIANA: UNA PENA A CUI ABBIAMO DOVUTO ASSISTERE GIORNO DOPO GIORNO, ASCOLTANDO LE STESSE INUTILI FRASI E GLI STESSI STERILI DISCORSI DEI NOSTRI POLITICI, TESI NON A RISOLVERE I PROBLEMI NOSTRI MA I LORO!

Ma tornano al post oggi ho trovato questa voglia, proprio leggendo un post di una amica su Facebook, che parlava del giorno in cui gli americani portano i loro bambini sul posto di lavoro ed ho deciso di riscrivere qualche mia impressione sull’argomento.

L’argomento e’ tanto interessante, quanto sconosciuto nella nostra Italia che e’ sempre piu’ divorata da contraddizioni politiche, ipercriticismo inutile verso tutto, maleducazione dilagante e con prospettive di miglioramento tendenti allo zero!

Elezioni-2013-Diretta-586x389

Ritornando ad una nazione civile (gli USA, con tutte le loro contraddizioni, di cui abbiamo parlato nel blog e di cui parleremo ancora), ogni 25 Aprile si festeggia il giorno in cui tutti i lavoratori portano i loro figli sul luogo di lavoro.

fdfs

La mia prima giornata di “take your child to work day” e’ stata nel 2009, e quando mi hanno invitato a portare i miei figli sul luogo di lavoro, mi e’ sembrato strano, ma una bella idea.

Per noi era come una possibilita’ ulteriore di socializzare con gli amici americani e per conoscere le famiglie di molti di loro, che altrimenti avremmo conosciuto molto difficilmente.

I bambini sono stati veramente contenti di vedere dove passavo le mie giornate, e poi l’Arsenale per quelle giornate ha sempre preparato un sacco di eventi particolari per i bambini.

Il primo anno siamo stati in un building, dove avevano organizzato giochi a squadre (con i genitori parte attiva) ed alla fine della giornata l’inmancabile diploma della giornata.

wer

Il secondo anno invece hanno organizzato su un prato una esposizione di mezzi militari da visitare.

dscn3524

Non vi nego che i bambini si sono piu’ che divertiti a scorazzare tra elicotteri e carri armati.

Qui sotto il mio ex piccoletto, alla guida di un elicottero,

p1020781

mentre qui usciva da un veicolo trasporto truppe.

p1020812

Una volta invece avevano organizzato in un anfiteatro (di sotto Paolo che con la sua coca ghiacciata, si dirigeva verso il teatro),

p1020829

una visione di un film che mostrava tutta la forza e la potenza dell’Esercito americano.

Devo dire che quella volta hanno veramente esagerato, infatti hanno fatto vedere anche dei bombardamenti “veri”!

Ma gli americani sono fatti cosi’: nazionalisti fino agli estremi!

Pero’ a parte gli estremismi militari, credo che una manifestazione del genere sia da importare in Italia assolutamente.

Infatti portare i propri figli al lavoro significa condividere e far conoscere ai propri figli il luogo dove i genitori passano un terzo della loro vita.

(qui sotto Stefania e Paolo che visitavano uno dei miei cubicles, in cui ho lavorato per + di 3 anni)

p1020832

Renere partecipe il proprio figlio del lavoro che tutti i gironi svolgiamo e’ anche un modo per far conoscere loro le varie professioni e magari orientarli nella scelta lavorativa del futuro.

Dottori,

Bring_Your_Child_to_Work_2

poliziotti,

qweqweq

militari,

dqef

maneger,

aa

segretarie,

we

attori,

imagesCACX95HCdd

e presidenti!

ewr

Insomma una tradizione civile, facile da importare in Italia, per rendere fieri i nostri bambini dei nostri lavori e per far conoscere loro una possibile futura attivita’ lavorativa.