4 vecchi in america

ALABAMA JUBILEE HOT AIR BALLOON CLASSIC … 3 ANNI DOPO!

Posted in Attivita' bambini, Fiere-Feste-Musei, Usi e costumi, Varie by quattrovecchiinamerica on 2 giugno 2014

slide_field

ALABAMA JUBILEE HOT AIR BALLOON CLASSIC

3 ANNI DOPO!

 

Un mio amico italiano (che si e’ fermato a vivere in Alabama, per amore e con grande coraggio) la settimana scorsa ha postato alcune foto del balloons Decatur Festival che ogni anno (nel weekend del Memorial Day) si tiene in Alabama ed e’ come se avesse aperto un file nella nella mia mente.

Ho rivisto le foto spensierate di Stefania e SAra che posavano vicino ad un mostro,

delle fantastiche patate fritte a spirale,

dei panini con salsiccia italiana (??) con cipolla,

di Paolo che giocava spensierato a football americano,

di Sara che si faceva tatuare la faccia,

di me stesso che posavo felice in mezzo alle mongolfiere con i due pargoli,

e di Sara e Paolo che si stringevano in un abbraccio affettuoso e naturale!

Insomma ancora oggi mi mancano queste semplici ed organizzate manifestazioni (tutto regolato alla perfezione, forze dell’ordine che gestiscono l’evento al meglio, nessun parcheggiatore abusivo, indicazioni stradali per l’evneto chiare, nessun maleducato che butta carte per terra, bambin che giocano felici, prezzi di bibite e panini umani e non da approfittatori e ladri, come spesso capita nelle manifestazioni di qualsiasi tipo in Italia …).

Per la cronaca ecco l’indirizzo dell’evento

Event Address
The Alabama Jubilee Hot Air Balloon Classic is held annually at:

Point Mallard Park
2901 Point Mallard Dr SE
Decatur, AL 35602

e vi faccio notare che il parcheggio e’ gratis:

Parking

Regular event parking at all Point Mallard Park parking lots and marked remote lots is free.

Handicap parking at all main Point Mallard park lots is open to all tagged vehicles and and drop-off in the parking area adjacent to the launch field is allowed.

All parking is first-come-first-served.

Parking at Wolverine Park on Point Mallard Parkway also has a park-and-ride service via MCATS shuttles from the parking lot to the Alabama Jubilee field and back from 3 to 10 p.m. Parking is free. Shuttle rides are $1.00 per person, per way.

But it’s over unfortunately!!

Rispetto al 2011 le bancarelle che vendevano oggetti a tema sembravano simili,

slide_vendors

slide_shirt

mentre ho notato delle mongolfiere nuove e ve le mostro nelle foto di sotto:

984125_10202156730906004_2370037683551410447_n

1797457_10202156730265988_2932983008190260001_n

10295801_10202156732506044_650953470633722425_n

Ma la vera unicita’ di questa fiera e’ che il parco partenze delle mongolfiere e’ completamente aperto al pubblioc. Il che significa che si puo’ passeggiare tra le mongolfiere e gli equipaggi, mentre i balloons vengono montati sul prato, quando vengono gonfiati e quando prendono il volo!

10390941_10202156733506069_2236088075744109193_n

E come in moltissime fiere all’aperto in USA, ci si porta tavoli e sedie da campeggio per godersi in pace lo spettacolo, contornati dal verde, dai colori sgargianti delle mongolfiere

visitors_field

e dai bagliori delle mongolfiere mentre vengono gonfiate.

untitled

E poi tutto con il naso all’insu’, per vedere partire decine di mongolfiere!!

10347428_10202156735386116_3748741797991395571_n

Cool Ray

Victory

10354135_10202156732706049_3488158274724902193_n  10418147_10202156731746025_1174982319729981429_n Vanderbilt University Medical Center Rafferty's Sky Eyes medium_bernardtroncale

E non dimenticate che oltre allo spettacolo, questa e’ una gara all’ultimo soffio di vento!

Di sotto il link con il programma dell’evento:

http://alabamajubilee.net/docs/2014_Jubilee_Schedule.pdf

Ed un video di un montaggio e partenza di un balloon:

http://www.youtube.com/watch?v=ei31LANbtLA

Qualche informazione tratta dal sito ufficiale in inglese per gli amanti della lingua americana:

Hot-Air Balloons

The Alabama Jubilee features sixty balloons from around the US

Visitors are encouraged to come out for the day to see these magnificent flying machines in action an are allowed to freely walk amongst the balloons.

Saturday morning is the ‘hare & hound’ race and during the evening there is the always popular Balloon Glow that lights up the night sky.

Sunday morning balloons fly-into the field in the Lynn Layton Key Grab and during the evening many balloons offer free tethered rides!

Over Flint Creek

Tips to get the most out of the Alabama Jubilee:
  • Balloons fly early in the morning and late afternoon. Morning flights begin at 6:00a.m.; Afternoon 6 ~ 7:30p.m.
  • Tethered rides require a signed a waiver of lability; children 19 and under must be accompanied by a parent or guardian.
  • Many pilots will not tether children three and under. The loud burner noise can damage their ears.
  • Paid flights are not sold during the Jubilee. If you would like to purchase a ride for another time there are many pilots that sell them; please visit The Heart of Dixie Balloon Club for more information.
  • Dress appropriately and wear sunscreen.
  • There is no smoking on the launch field. Balloons use liquid propane as fuel, which is highly flammable.
  • Dogs and pets are welcome but must be leashed and bagged after.

Entertainment

The Alabama Jubilee features live acts and shows and many local and regional bands have played some of their first shows on our stage. Veterans are honored during an onstage ceremony and live radio acts ham it up!

More about the entertainment…

Tractor Show

Each year the Southland Flywheelers host a Tractor Show by the T.C. Almon Recreation Center. The show features the best restored and maintained tractors in the southeast. Come and see the tractors on display and the roaring power the demonstrations!

Arts & Crafts Show

The Decatur Arts Guild sponsors the Arts and Crafts show at the open air pavilion opposite T.C. Almon.

Exhibitors feature some of the most unique products found at any festival in the southeast: Pottery, Hand-Caned Baskets, Scroll Art, and even Iron Work can be found among the unique collections.

If you would like to be a showing artist please contact the Decatur Art Guild.

Antique Car Show

Come and see the classic cars at the Alabama Jubilee Auto Expo. Marvel over custom restorations, original vintage autos, kit cars and more.

If you own a classic car you too can participate by joining us Saturday morning and registering. You can win door prizes, and show off your ride!

WWYD?

Posted in TV USA, Usi e costumi, Varie by quattrovecchiinamerica on 19 aprile 2014

What_Would_You_Do_logo

 

Da tempo volevo scrivere un post, ed oggi con questo tempo uggioso, chiuso in casa tipo inverno, sono riuscito a scrivere di un programma, che in realta’ non avevo mai visto in USA, ma che ho scoperto da qui in Italia (prossimamente vi parlero’ della TV americana sperimentata da me, che e’ una spanna superiore alla nostra tv feccia!).

E’ strano che io non abbia mai visto “what would you do” in USA, perche’ e’ un programma della reta ABC (che vedevo spessissimo), e’ programmato in “prime time” ed e’ iniziato dal 2008 (anno in cui sono arrivato in USA, ed al quale tornerei volentierissimo!).

What Would You Do e’ un programma tipo candid camera (che dura 60 minuti), ma la finalita’ non e’ propriamente quella a cui noi siamo abituati a pensare, cioe’ ridere, ma di far pensare (anche se a volte fa sorridere).

La serie e’ condotta da John Quiñones

wwyd_talent_082310_d02

Nella serie di candid camera si affrontano temi sociali importanti e delicati (razzismo, cambio di sesso, abitudini di classi sociali, obesita’ problemi dei tenn ager ….) e si cerca di capire se le persone che assistono alle candid camera intervengono, come intervengono oppure se preferiscono non intromettersi.

Tanto di piu’ non posso dire, se non lasciare il link del programma  http://abcnews.go.com/WhatWouldYouDo/ e lasciare spazio ai video.

L’unica pecca dei video e’ che sono in inglese, anzi a volte in pesante slang americano!

Ma se si ascolta lo speaker che spiega la candid, si capisce abbastanza bene (ma bisogna capire comunque bene l’idioma americano).

Vi riporto solo alcuni episodi che mi hannno colpito, ma molti di piu’ ne troverete sul link ufficiale del programma.

Il primo episodio e’ a sfondo razziale ma al contrario di quello che noi immaginiamo, cioe’ non sono i bianche ad essere razzisti, ma i neri!

La candid e’ intitolata “Guy Brings His White Girl To Barbershop In Harlem And Gets Hated On By Black Hairdresser”,

untitled

ed e’  una candid ambientata in una barberia ad Harlem, un posto non proprio  a maggioranza bianca. Un attore da appuntamento alla sua ragazza bianca (un’altra attrice) nella barberia, frequentata da quasi tutti afroamericani. Una terza attrice fa finta di essere una “barbiera” e quando vede la ragazza bianca inizia a trattarla male, solo perche’ e’ bianca. Si nota che in tutte le scene ci sono dei clienti che in qualche modo prendono le difesa della ragazza bianca, compresa la ragazza gay nera!

http://www.youtube.com/watch?v=ynYwTU7z6BI#t=214

Il secondo episodio e’ a sfondo razziale, ma al contrario del primo sono i bianche ad essere razzisti (situazione a noi piu’ familiare rispetto alla prima)! 

Il titolo e’ “Would You Do Racism In An Upscale Store”,

images

ed e’ ambientato in un famoso negozio di modo di SOHO (quartiere di Manhattan). Qui sono andati sul pesante, infatti ad una signora nera (un’attrice) che stava facendo shopping in un megozio di moda, nel quale erano presenti quasi tutti bianchi, vengono rivolti insulti pesanti dalla commessa bianca, e viene perquisita da un bodyguard maschio del negozio (cosa che in USA e’ assolutamente vietata, infatti i maschi perquisiscono solo i maschi e le femmine solo le femmine). Su un centinaio di volte in cui la scena si e’ ripetuta solo il 20 % delle volte i clienti del negozio hanno difeso la signora nera!

http://www.youtube.com/watch?v=XbIUEiDBPPg

Il terzo episodio che vi propongo, e’ un tipo di razzismo a cui noi non siamo assolutamente abituati: il razzismo contro i messicani!

In USA la problematica “messicani” e’ veramente scottante.

A mio avviso molti afroamericani sono oramai integrati (e quelli che non lo sono forse non lo saranno mai)  o comunque sono accettati abbastanza tranquillamente con e senza pregiudizi.

Ma l’invasione dei messicani e’ un allarme sociale per le autorita’ americane.

Tanto per dare dei numeri, i messicani sono circa il 17 % degli abitanti USA (che sono + di 300 milinioni!!) e secondo statistiche sono destinati a diventare il 30 % (che di 300 milioni e’ 90 mioni circa!!) della popolazione americane entro il 2060. Mentre gli afroamerciani si sono oramai stabilizzati intorno al 14%. 

U.S. Census Population projections (2012)

2015

2060

Whites

77.4%

68.9%

Non-Hispanic Whites

61.8%

42.6%

African Americans

13.2%

14.7%

Asian Americans

5.3%

8.2%

Multiracial Americans

2.6%

6.4%

Hispanics/Latinos (of any race)

17.8%

30.6%

Non-Hispanics/Latinos (of any race)

82.2%

 

L’episodio si intitola “Mexican Ladies Insulted By White People”

untitledr

ed e’ interessantissimo in quanto nelle riprese (che sono state fatte a Springfield in Missouri, in un ristorante dove una bambina ed una mamma fanno finta di essere messicane. La bambina parla un fluente inglese mentre la mamma parla solo spagnolo. Un altro attore inzia a dare fastidio sia alla mamma che alla figlia, di fronte ad avventori sbigottiti, che pero’ intervengono in difesa delle due) si possono cogliere dei must, delle idee ben radicate nella gente americana.

Per esempio la maggiorparte dei cittadini USA sono convinti, come dice un avventore della candid, che gli USA sono la terra delle opportunita’. Un altro cliente dice che ha una esperienza di immigrazione alle spalle, lontani parenti che erano venuti in USA, che non sapevano una parola di inglese, che hanno studiato duro e che si sono ben integrati nelle tessuto sociale americano. Una signora dice che gli americani sono un popolo di persone venuti da ogni parte del mondo e che solo integrandosi bene tra razze si  potra’ vivere in pace.

Tutti questi concetti li ho capiti e sperimentati personalmente parlando con gli americani, e so che li pensano veramente e ne sono fermamente convinti, tanto da difenderli anche con la violenza!

http://www.youtube.com/watch?v=KHW0Gs-Lg68

Non vi nascondo che questo tipo di razzismo lo ho vissuto ad Huntsville (+ del razzismo nei confronti dei neri, che ad HSV esisteva ma poco visibile, anche perche’ la maggiorparte degli abitanti era nera!!).

PEr esempio la zona di Wall Triana era una zona che molti abitanti di HSV non frequentava, in quanto piena di messicani che spesso erano pericolosi.

Non era un caso che i lavori piu’ umili erano spratiti tra afroamericani e messicani. E che i messicani erano denominati handy manny e che il famoso aggiusta tutto dei cartoni animati (chiamato proprio handy manny) era messicano (e nei cartoni animati parlava sia inglese che spagnolo).

untitledeewewe

Infatti i messicani in USA sono un po come i rumeni da noi, sanno fare tutto, lavori artigianali in piena regola (gente onesta) e furti alla luce del sole (ladri)!

Nel prossimo post vorrei farvi conoscere la realta’ dei confini Usa-Messico, che ai piu’ in Italia e’ sconosciuta.

Nell’episodio intitolato “Fat People Reprimanded By Waiter”

untitledrre

che troverete al seguente link http://www.youtube.com/watch?v=peZHYQ1aRWg, si tratta di un altro problema che affligge gli USA: obesita’ e cibo.

Chi ha letto il blog. sa che in USA abbiamo incontrato persone veramente oversize!

Che il problema del cibo spazzatura esiste ed e’ molto sentito, tanto che Obama sta cercando di porvi rimedio (ma a mio avviso con scarsi risultati, sia perche’ l’alimentazione spazzatura e’ troppo radicata in queste persone, sia perche’ ci sono interessi economici importantissimo, legati a questi ristoranti trash).

La candid e’ carina, in quanto un cameriere maschio cerca di convincere una cliente cicciona (tutte e due sono attori) a mangiare di meno. Ma anche se i modi potrebbero sembrare non troppo rudi, per noi italiani, per gli americani il solo fatto di intromettersi in una decisione di un cliente, fa incazzare non poco gli altri clienti dei tavoli vicino, che difendono la signora, chiamano il maneger e che invocano il licenziamento in tronco del cameriere.

Le cose cambiano un pochettino quando il cameriere viene sostituto da una bella cameriera (attrice anche lei)

untitledrrwer

che fa le stesse cose.

Qui la reazione dei maschietti e’ quasi ovvia: nessuno si arrabbia, mentre le signore invece se la prendono molto con la cameriera!

In conclusione un programma che aiuta meglio a conoscere gli USA e le abitudini degli americani. Se volete vedere qualche altro video eccone un sunto di seguito.

 

Racism

IL SOGNO DI MOLTI: LA GREEN CARD!!!

Posted in green card, Usi e costumi, Varie by quattrovecchiinamerica on 18 febbraio 2014

 

imagesCAEYTL55

 

IL SOGNO DI MOLTI: LA GREEN CARD!!!

 

Un sito a tema come quattrovecchiinamerica, non puo’ non trattare un argomento di cui si parla spessissimo, specialmente tra italiani che vivono in USA: la green card.

Prima di andare a vivere in America per me green card significava solo il bellissimo e simpatico film di Gerard Depardieu e di Andie MC Dowell:” green card”!

19085_645268[1]

Durante la nostra permanenza in Alabama, spesso con amici americani ed italiani abbiamo parlato di green card, ma non ho mai approfondito troppo l’argomento.

Ora ho cercato di capire meglio l’argomento, grazie a due commentatori del blog (Carlo e Barbara), utilizzando anche i loro contributi.

Insoma un post a 6 mani!

Anzi a piu’ mani, in quanto utilizzero’ dei contributi di altri bloggers e le loro parti saranno scritte in blu (cosa che di solito faccio quando riprendo parti di altri blog).

24

Fondamentalmente esistono tre modi per ottenere la green card:

1) attraverso l’approvazione da parte dell’USCIS (US Citizenship and Immigration Service)

USCIS_Logo

della richiesta di rilascio da parte di un familiare;

2)  a domanda di un datore di lavoro americano;

3)   tramite la partecipazione al Diversity Visa Program.

8c9369c182a6b96b68f2522e22ff4b9e

Trascorsi cinque anni dal rilascio della Green Card è possibile inoltre fare domanda per ottenere la cittadinanza americana.

Family Immigration Green Card

Si ottiene attraverso la famiglia, è necessario che un vostro parente (molto prossimo) sottoscriva una richiesta di Immigrant Visa compilando il modulo USCIS Form I-130 Petition for Alien Relative al costo di circa 500 dollari.

Employment Immigration Green Card

In questo caso bisogna avere uno sponsor, ovvero un datore di lavoro che vi richieda di lavorare con lui. In pratica non siete voi a cercare lavoro ma è lui a cercare un dipendente.

Una volta trovato lo sponsor occorre anche farsi assumere.

Il contratto di lavoro è il requisito essenziale per poter avviare le pratiche per ottenere la Green Card oltre, ovviamente, ai requisiti di legge da parte del lavoratore e al superamento di una visita medica.

Chi ottiene la Green Card, ottiene l’accesso ai servizi sanitari e d’istruzione ma non ottiene la cittadinanza.

Ogni Stato americano ha a disposizione una quota di Green card disponibili.

Esistono molti siti web che, a pagamento, vi propongono di ottenere la Carta Verde: diffidate, molto spesso si tratta di vere e proprie frodi, meglio affidarsi ai canali istituzionali.

Green Card Lottery

Win-the-Green-Card-Lottery-Rael-Marybeth-EB9780981693866

Ebbene si non è solo un nome, si tratta di una vera e propria lotteria quella del Diversity Visa Program che ogni anno mette in palio Green Card.

Chissà forse è più facile vincerla che procere per vie burocratiche!

Annualmente sono 50.000 le Green Card in palio.

L’unico modo per partecipare al sorteggio è iscriversi gratuitamente al sito www.dvlottery.state.gov entro e non oltre il periodo indicato.

uiouoio

Attenzione esistono tantissimi siti-truffa non autorizzati, dove si richiedono somme di denaro per registrarsi e partecipare all’estrazione.

I requisiti per la partecipazione sono quello di essere nati in un paese che partecipa al programma e il possesso di un diploma.

Ecco alcune informazioni utili in piu’, inviate da un commentatore del blog, Charlie, che ha come sogno quello di trasferirsi in USA ed aprire un nuovo blog (che noi seguiremo volentieri!):

imagesCAGENBYE

Ogni anno, gli U.S.A. assegnano 50.000 permessi di residenza a vita (la green card, carta verde) attraverso una lotteria ufficiale del Dipartimento di Stato.

La green card è un permesso di residenza a vita che vi permette di stabilirvi, lavorare, studiare, comprare casa, mandare i figli a scuola, in pratica vivere legalmente negli Stati Uniti a tempo indeterminato.

Dopo 5 anni è di residenza continuativa negli U.S.A è possibile naturalizzarsi e diventare cittadini americani.

È una lotteria governativa, ed è completamente gratuita.


Questo è il sito ufficiale del dipartimento di stato da quale potrete iscrivervi GRATUITAMENTE alla lotteria:

https://www.dvlottery.state.gov/

Le iscrizioni sono aperte ogni anno tra ottobre e novembre.

E dal primo maggio dell’anno successivo potrete controllare,sempre su questo sito, se siete stati estratti.

Dovrete successivamente compilare dei moduli e spedire delle foto negli USA, cmq tutte le informazioni vi verranno date sul sito in caso di vincita.

Viene assegnato ai vincitori un “case number” e da ottobre di quell’anno inizieranno a chiamare i vincitori per “l’intervista” al consolato americano di napoli.

Per sapere ogni mese quali numeri verranno chiamati dovrete controllare il visa bulletin a questo indirizzo :

http://travel.state.gov/visa/bulletin/bulletin_1360.html


Un forum utilissimo,pieno di informazioni e dove vi aiuteranno su tutto, dal compilare il modulo per iscriversi alla lotteria, ai moduli in caso di vincita fino all’entrata negli USA e oltre…. è questo:

http://wop98.com/

Una volta ottenuta la green card, ricordatevi che le leggi in USA sono severissime in generale ed anche in questo campo:

…. la Green Card e’ considerata un privilegio, per questo motivo puo’ essere revocata o messa in discussione in qualsiasi momento, ma principalmente in 2 casi:

1) Qualora si abbiano problemi con la legge: in questo caso chiaramente la Green Card verrebbe ritirata e voi rimpatriati (parlo di cose gravi che comportino un arresto).

2) Qualora si dia l’idea di non essere interessati a vivere in USA.

In questo caso ad esempio e’ sempre bene risiedere nel paese almeno 6 mesi all’anno: il sito ufficiale dice di non assentarsi per piu’ di un anno, ma io sarei molto piu’ cauto (in questo caso l’ufficiale alla frontiera potrebbe addirittura negarvi l’ingresso).

Qualora sappiate in anticipo che dovrete assentarvi per piu’ di un anno c’e’ una procedura da seguire.

A conferma ed integrazione di quanto detto sopra, ecco un contributo di Barbara (commentatrice del blog), innamorata degli USA, come molti lettori di quattrovecchiinamerica.

Anche di Barbara ho solo un avatar che non le rende giustizia!

imagesCAHR655H

Allora ecco due righe per raccontare un pò come funziona la Green Card.

Ho chiesto a mio “bro” come lo chiamo ora eheh, che se ne sta in Alaska….di farmi un semplice riepilogo di quello che succede, eccolo:

Per partecipare alla lotteria per vincere la Green Card, il processo è molto semplice, lungo e gratuito ( almeno fino a quando si vince la Green Card ) .

Il sito ufficiale per partecipare è uno solo ed è

http://travel.state.gov/visa/immigrants/types/types_1322.html

Ora il periodo per partecipare è scaduto, bisogna aspettare il prossimo ottobre 2014 per partecipare al DV 2016 Program (2016 perchè è quando si otterrà la Green Card ) .

Tutti hanno la possibilità di partecipare, anche se ci sono alcuni parametri in cui bisogna rientrare, qui si trova il regolamento per il DV 2015 Program appena scaduto che non dovrebbe essere molto diverso da quello 2016

http://travel.state.gov/visa/immigrants/types/types_1318.html

Una volta compilata la domanda si aspetta .

Se si viene estratti, tra marzo e giugno si riceveranno dei documenti da parte del consolato americano, che bisognerà compilare e rispedire. La Green Card non e’ ancora sicura .

Si aspetta ancora e verso ottobre (a questo punto e’ passato un anno da quando si è fatto domanda) si riceveranno altri documenti necessari per effettuare le visite mediche e l’intervista all’ambasciata americana di Napoli (unica in Italia che rilascia permessi di residenza ) .

Questo è l’ultimo passaggio e a questo punto si è obbligati a pagare per la Green Card ottenuta, anche se si decide che non si vuole più.

In realtà , visto che la Green Card non può essere spedita al di fuori del territorio americano (durante il processo viene richiesto di inserire un indirizzo americano dove spedire la Green Card ) , verrà applicato sul proprio passaporto un visto di durata di 6 mesi .

Si esce dall’ambasciata come residente americano e con una busta che non va aperta , ma conseganta al primo scalo doganale negli Stati Uniti .

Si ha 6 mesi (validità del visto) per entrare negli Stati Uniti .

Al primo ingresso doganale negli Stati Uniti, in aeroporto, si consegna la busta all’ufficiale che controlla il passaporto e si viene portati nell’ufficio doganale .

Vengono prese impronte di tutte le dita , deve essere riconfermato l’indirizzo di dove spedire la Green Card e il gioco è fatto .

La Green Card arriverà all’indirizzo specificato in circa 4-6 settimane , ma legalmente si è già residenti e liberi di iniziare a lavorare e vivere il sogno americano .

Questo in breve quello che accade.

Io e il mio ragazzo ci siamo iscritti, inserito i dati e allegato la fotografia, che deve essere di forma e con posa corrette, altrimenti il programma non ti da l’ok.

Ma comunque, data la “quadrataggine” delle istruzioni americane, è impossibile sbagliare!

E ora attendiamo…

Ho molti amici che vivono negli States, due miei care amiche italiane, una è tipo mia sorella ormai…e moltissimi amici americani sparsi per gli States che lavoravano prima in base qui a Vicenza e ora son tornati a casa, e con cui mi sento sempre molto spesso…anche per tenere allenato il mio inglese…quindi anche per mio fratello è stato facile poi dare un indirizzo di riferimento. Una di queste mie care amiche si è sposata con un soldato che lavorava alla Caserma qui di Vicenza, era a Sacramento, ed è stato da lei per un pò. Così tutte le carte sono arrivate a casa sua.

Siamo fortunati perchè se tutto accadesse davvero, almeno un piccolo appoggio laggiù ce l’abbiamo.

Ecco se hai bisogno di sapere qualcos’altro dimmi pure…

Un abbraccio e saluta la tua family.

Come al solito, quando una cosa interessa, ci sono molte persone che cercano di approfittarsene, al fine di avere guadagni illeciti (in altre parole per dare delle sole, tipo quella di Toto’ che voleva vendere la fontana di Trevi all’americano).

Truffe-i-dieci-casi-shock-per-il-Fisco-italiano_h_partb

Ecco un altro contributo sulle “sòle”,  tratto dalla rete:

Se vi squilla il telefono e vi dicono che avete vinto una Green Card, ossia un permesso di residenza negli Stati Uniti, o se vi arriva una mail dello stesso tenore, come sta capitando a molti in questo periodo, non entusiasmatevi troppo.

È vero che esiste una lotteria annuale che assegna circa 50.000 permessi di residenza e di lavoro permanente negli USA, ma per poter vincere occorre partecipare: se non avete inviato nessun modulo di richiesta della Green Card, non vi pioverà certo in casa il permesso di andare a vivere negli Stati Uniti. Cosa più importante, per legge nessuna organizzazione commerciale è in grado di darvi reali vantaggi o garanzie di vincita.

Questo non ha impedito il fiorire di agenzie che promettono vincite assicurate o facilitate e che usano nomi ingannevoli (come US Green Card Office) e grafica molto curata, che le fanno sembrare emanazioni ufficiali delle istituzioni statunitensi, con tanto di link a Whitehouse.gov o altri siti governativi reali, immagini della Casa Bianca e tripudio di bandiere a stelle e strisce.

Siti come Usagc.com, Green-card.com, Usgreencardlottery.com, Usagchelp.com,  Usgreencardoffice.com, Usafis.org o Gic-us.com in realtà scrivono (in piccolo) che si ha il diritto di partecipare gratuitamente alla lotteria governativa e che i pagamenti richiesti servono a coprire le consulenze nella compilazione della domanda per la Green Card, ma molti utenti non se ne accorgono e aderiscono alle loro offerte, grazie anche a campagne di marketing ad alta pressione effettuate per telefono e via mail.

Formalmente, quindi, non si può neanche parlare di truffa, perlomeno se da qualche parte nel sito c’è indicato che non si tratta di un ente governativo (“not a governmental agency” o simili); è tutt’al più comunicazione ingannevole.

E nulla vieta a una società privata di fornire assistenza con la burocrazia statunitense.

Il primo indizio da tenere presente è il suffisso del sito: i veri siti governativi statunitensi hanno un nome che termina con .gov.

Qualunque sito che abbia altri suffissi, come .com o .org, non appartiene al governo degli Stati Uniti. Il numero di aquile o di bandiere in bella mostra nella pagina Web non conta.

Per avere informazioni corrette sulla lotteria delle Green Card, più formalmente denominata Diversity Visa Lottery Program, occorre visitare l’apposita sezione del Dipartimento di Stato USA presso Travel.state.gov (notate il suffisso), dove viene spiegato come si compila la modulistica, quali sono i requisiti (per esempio, solo i cittadini di alcuni paesi sono ammessi, perché gli altri hanno altre modalità) e come avviene realmente la notifica dell’eventuale vincita. Viene inoltre ribadito che l’iscrizione è gratuita, che il governo statunitense non impiega società esterne di consulenza per questo servizio e che fare i furbi inviando più di una richiesta squalifica il candidato.

Occhio al suffisso, quindi, e non cedete alle lusinghe dei venditori telefonici e online, anche perché se siete cittadini europei probabilmente non potete neanche partecipare alla lotteria per le Green Card, concepita per incoraggiare l’influsso di immigrati da altri paesi. Se vi interessa andare a vivere negli Stati Uniti ci sono anche altre modalità per ottenere la Green Card: le trovate descritte presso Uscis.gov.

E per chi volesse provare a cercare lavoro in USA, ecco alcuni siti web dove potrete cercare offerte di lavoro:

- careerbuilder.com
careers.org
hotjobs.com
jobcenter.com
jobweb.com
craigslist.org

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 211 follower